Santopadre: «Match col Benevento tutto da vivere, voglio la serie A»

131

Massimiliano Santopadre ci crede. La serie A per il suo Perugia non è utopia. Un salto di categoria da provare a compiere attraversi i play off, obiettivo dichiarato di questa stagione. Un traguardo da avvicinare a tutti i costi venerdì sera, quando al “Curi” andrà in scena il confronto diretto con il Benevento nell’anticipo della 31^ giornata di campionato.

«Non penso al futuro perché abbiamo un presente importante e difficile, con la partita con il Benevento, tutto da vivere. Voglio giocarmi ogni chance per fare i play off e provare ad andare subito in serie A», ha dichiarato il numero uno umbro a “Fuori Campo” su Umbria Tv e le cui parole sono state riprese questa mattina dal Corriere dell’Umbria.

Santopadre si è inoltre espresso sul futuro di Bucchi, richiesto a quanto sembra da club della massima serie per il prossimo anno. «Ha un contratto di un anno più uno, in pratica un biennale perché abbiamo una clausola a nostro favore che ci permette di prolungare di una stagione. Va esercitata entro il 30 giugno», ha proseguito e concluso il presidente del Perugia, «certo, non non manteniamo nessuno con la forza e nessun club ci ha chiesto informazioni. Cristian è un ragazzo troppo intelligente per capire che per la sua carriera restare a Perugia e fare altra esperienza sarebbe l’ideale. In ogni caso c’è una stagione da portare a termine e il bello viene adesso. Solo a fine campionato si potrà giudicare il suo lavoro».

Una battuta, infine, anche sul caso Gnahorè: «Longarini mi ha detto che era la loro ultima carta da giocare, gli ho risposto che, nei loro panni, non avrei mai fatto questo passo».

CONDIVIDI
Giornalista pubblicista, appassionato di calcio minore e girovago di redazioni. Inizia con il Sannio Quotidiano, passa a Sannio Calcio, torna al Sannio Quotidiano, apre un blog Sannio in campo e infine approda a Sannio Sport. Per la serie "dove c'è Sannio, c'è casa". L'accenno di capelli bianchi non è dovuto all'età ma all'esperienza maturata.