Marino: «A Benevento troveremo un clima caldo, daremo l’anima per vincere»

301

La serie A a un passo, evitando anche la “scocciatura” play off. La vittoria di misura contro il Trapani e le concomitanti frenate di Perugia e Benevento avvicinano il Frosinone al ritorno nel massimo campionato nazionale. Tra la compagine di Marino e l’Olimpo del calcio italiano rimane solo la formazione di Baroni. Sabato prossimo, infatti, i ciociari saranno di scena al “Ciro Vigorito” e in caso di successo potrebbe materializzarsi la promozione diretta.

«Questa vittoria è stata fondamentale, siamo a 10 punti dalla quarta e quindi dipende tutto da noi. Ora, però, pensiamo al Benevento: andremo a giocare al massimo, è una partita determinante e difficile ma dobbiamo vincere», sono le parole dello stesso Marino rilasciate subito dopo il match con i siciliani.

Il tecnico del Frosinone tiene alta la tensione e non si preoccupa di quello che sarà il clima in terra sannita. Di fronte ci sarà un Benevento arrabbiato per i fatti di Ascoli, deciso a riscattarsi per non vedere vanificati gli sforzi di un’intera stagione. «Ci sarà un clima molto caldo e dovremo essere bravi, siamo una squadra matura. In questa fase del campionato tutte le squadre si giocano i rispettivi obiettivi. E’ normale che daranno tutto contro di noi. Non dimentichiamo, però, che si gioca sempre undici contro undici. Bisogna solo pensare a prepararla al meglio, con l’attenzione giusta. L’unica possibilità che ci resta è continuare a fare il pieno e dare l’anima a Benevento».

Non sembra preoccupare, infine, il problema muscolare accusato da Federico Dionisi: «L’ho cambiato solo a causa di un affaticamento alla gamba e al polpaccio». Contro il Benevento ci sarà.

CONDIVIDI
Giornalista pubblicista, appassionato di calcio minore e girovago di redazioni. Inizia con il Sannio Quotidiano, passa a Sannio Calcio, torna al Sannio Quotidiano, apre un blog Sannio in campo e infine approda a Sannio Sport. Per la serie "dove c'è Sannio, c'è casa". L'accenno di capelli bianchi non è dovuto all'età ma all'esperienza maturata.