Lupi a pranzo il primo maggio: “E adesso chi lo dice a mia moglie?”

288

“E adesso chi lo dice a mia moglie?”. Se ci venisse in mente di lanciare un sondaggio, probabilmente risulterebbe questa la domanda più frequente tra i tifosi di Benevento e Avellino. Dalla comunicazione della Lega B emerge infatti un’osservazione inequivocabile: sarà un derby da azzannare quello che spicca nella scorpacciata degli ultimi turni di B (ore 12.30 del primo maggio).

Non un dettaglio di poco conto: quel giorno molti avevano già programmato una gita fuori porta. Tuttavia il richiamo della Strega e dei Lupi sarà troppo forte, in quella circostanza, per poter solo immaginare di disertare il Vigorito e osservare da lontano il primo confronto in serie B nel Sannio tra le due squadre storicamente rivali. Un appuntamento che in tanti, sia da queste parti che in Irpinia, avevano già cerchiato sul calendario del campionato pur non avendo certezza precisa della data. Ed è inevitabile che nei prossimi giorni fioccheranno disdette in Campania su pranzi o semplici rimpatriate tra amici: il derby annullerà qualsiasi cosa.

La condizione in cui le due compagini si presenteranno all’appuntamento verrà fuori dai prossimi impegni di campionato ma oggi forse l’Avellino si è tolto dalle spalle un bel macigno. La vicenda calcioscommesse può considerarsi conclusa, e tutto sommato nonostante il -3 prevale la soddisfazione. Senza il gol di Perrotta al 95′ della sfida contro il Carpi i lupi sarebbero a ridosso della zona play out, ma oggi godono di ben 4 punti di vantaggio sul Vicenza, e a Pisa hanno l’occasione virtuale per mettere l’ipoteca sulla salvezza.

Il Benevento, dal suo canto, non può permettersi calcoli. Se è vero che l’unico confronto di alta classifica i giallorossi lo giocheranno alla penultima giornata col Frosinone, lo è altrettanto che le sfide che vedranno impegnati gli uomini di Baroni non avranno nulla di banale, a partire da quella con il Brescia affamato di punti. Toccherà poi a Vicenza e Cesena, prima del derby con i Lupi. La Strega, dunque, sarà l’ago della bilancia anche per la lotta alla salvezza dovendo affrontare successivamente anche Ascoli e Pisa.  Impossibile, allo stato attuale e in uno scenario simile, immaginare che il derby del Vigorito possa essere ininfluente per gli obiettivi di sanniti ed irpini. E la domanda che in tanti si stanno ponendo racchiude più ansia di quanto si possa immaginare. Già, “adesso chi lo dice a mia moglie?“.

CONDIVIDI
Classe '90, beneventano dentro e fuori dal campo. Pubblicista dal 2012, laureato in Scienze della Comunicazione. Dal 2009 al seguito dei colori giallorossi con un pc sottobraccio. La B un sogno realizzato, ma non c'è conquista più bella di quella che deve ancora arrivare...