Primavera: Piscitelli salva il Benevento dalla sconfitta

107

PONTE – Fuori dai giochi per quanto riguarda la prima squadra, Riccardo Piscitelli deve accontentarsi di essere protagonista con la Primavera. Grazie al portiere arrivato nel Sannio dal Milan, i giovani di Ignoffo riescono infatti a evitare l’ennesimo ko stagionale con il Chievo Verona dopo aver pregustato i primi tre punti del loro campionato. Al novantesimo esatto il portiere classe ’93 blinda l’1 a 1 finale respingendo il calcio di rigore di Ngissah, concesso per un fallo tanto netto quanto sciocco di un Rutjens, ancora sotto la sufficienza, su Rabbas. L’attaccante clivense sbaglia però la conclusione dagli undici metri, fallendo la possibile doppietta che sarebbe valsa la rimonta.

esultanzaE’ stato il Benevento a sbloccare il risultato nella seconda parte di gara, dopo una prima frazione equilibrata e con una sola grande occasione capitata sui piedi di Kiyne, fermato ottimamente da Piscitelli. Smaltito l’intervallo, Brignola prova subito a farsi vedere ma è ancora Piscitelli a negare il vantaggio agli ospiti volando a deviare oltre la traversa una conclusione a giro di Polo. Passano due giri di lancette e i giallorossi si rendono pericolosi con Castaldo ma è sempre Piscitelli il vero protagonista salvando in uscita e negando successivamente a Kiyne il gol del vantaggio. Scampato il pericolo, il Benevento sblocca la contesa. Filogamo gira di testa un traversone dalla sinistra, la palla sbatte sul montate e per Brignola è un gioco da ragazzi gonfiare la rete. Sopra nel punteggio, il torto dei beneventani è quello di smettere di giocare, iniziando inconcepibilmente a perdere tempo. Se da un lato il vantaggio è quello di offrire al Chievo una sola occasione, bravo Piscitelli su rasoiata di Ngissah, dall’altro la rinunciare a chiudere una partita apparsa alla propria portata appare un delitto. E infatti al 38′ Ngissah pareggia i conti sfruttando una splendida palla messa alle spalle della difesa da Dukic e proprio al novantesimo rischia di completare la rimonta clivense. Ignoffo ringrazia dunque Piscitelli per il secondo punto stagionale e maledice la sorte sull’ultima occasione del match capitata sui piedi di un Brignola dall’elevato tasso tecnico ma troppo innamorato del pallone.

BENEVENTO-CHIEVO VERONA 1-1

BENEVENTO: Piscitelli, Iodice, Sparandeo (12’st Norburn), Donnarumma, Rutjens Oliva, Fusco, Castaldo, Crudo (24’st Quattrocchi), Filogamo (36’st Pinto), Brignola, Volpicelli. A disp.: Mascagni, Martone, Caiazza, Paradisi, Maisto, Ronga, Saccone, Sorgente, Liguori. All.: Ignoffo

CHIEVO VERONA: Confente, Carminati, Dukic, Nuti, Danieli (30’st Rabbas), Pogliano, De Paoli, Polo, Isufaj (19’st Cataldi), Kiyne (19’st Vignato), Ngissah. A disp.: Pavoni, Sbampato, Oprut, Franchini, Bertagnoli. All.: D’Anna

ARBITRO: Pio Mastrodonato di Molfetta

ASSISTENTI: Stefano Viola e Giovanni Mittica di Bari

MARCATORI: 14’st Brignola, 38’st Ngissah

AMMONITI: Rutjens Oliva, Fusco e Volpicelli per il Benevento, Ngissah per il Chievo Verona

NOTE: fondo di gioco in erba sintetica. Giornata uggiosa. Recupero: 2’pt, 5’st

CONDIVIDI
Giornalista pubblicista, appassionato di calcio minore e girovago di redazioni. Inizia con il Sannio Quotidiano, passa a Sannio Calcio, torna al Sannio Quotidiano, apre un blog Sannio in campo e infine approda a Sannio Sport. Per la serie "dove c'è Sannio, c'è casa". L'accenno di capelli bianchi non è dovuto all'età ma all'esperienza maturata.