Grandissima Idnamic, la capolista Molfetta si ferma a Benevento

171

idnamic-molfettaI sanniti, con una prova superlativa di tutto il collettivo, travolgono  la forte compagine pugliese.  84-63 il punteggio finale.

Ci sono certe partite che possono essere il punto di svolta di un’intera stagione, che possono infondere in una squadra l’autostima che ti aiuta a superare qualsiasi ostacolo, anche il più difficile.
La partita disputata ieri sera al PalaParente dall’Idnamic Benevento contro la capolista Virtus Molfetta potrebbe essere proprio una di queste.
I ragazzi di coach Giacomo Leonetti non mancano l’appuntamento più importante di questa prima parte di stagione e con una gara giocata per 40’ al limite della perfezione  ed arrestano la marcia di  una squadra reduce da ben 8 vittorie consecutive, infliggendole un distacco di ben 21 punti.
La bravura dei sanniti supera anche la cattiva sorte di un Piscitelli in campo solo al 20% delle sue possibilità, il pivot casertano è ancora alle prese con i problemi al ginocchio sinistro, circostanza che fa solo in parte il pari con l’assenza, per tutto il secondo tempo, di Valerio Corvino tra le fila dei Molfettesi.
L’Idnamic inizia la partita con un intensità che sorprende la squadra ospite, ed in quest’ottica risulta indovinata la mossa di Leonetti di schierare in quintetto, nel ruolo di playmaker, il  giovanissimo Cavalluzzo. L’atleta, beneventano di nascita, con un’ottima difesa su Corvino, va a colpire quella che è la fonte principale del gioco dei pugliesi.
In attacco sono le penetrazioni ficcanti di Ausiello e del capitano Credendino ed i tiri dalla media e lunga distanza di Sergio le armi principali dei padroni di casa.
Nel primo parziale la gara resta comunque in equilibrio (16-13), è nei secondi dieci minuti che l’Idnamic piazza il primo break importante grazie anche al notevole impatto sulla gara di Pasquale Cavallaro, il pivot sannita cattura tanti rimbalzi che danno il la a velocissimi contropiedi.
Sono di un eroico Piscitelli i 2 punti del primo vantaggio in doppia cifra dell’Idnamic, 31-20 al minuto 16.
Il Molfetta, sul finire del primo tempo, perde definitivamente per inforunio Corvino, coach Gesmundo, privtao del suo fuoriclasse,  schiera il tre piccoli Di Lauro, Sancilio e Bacchini e tenta la carta del zone-press per disinnescare la circolazione di palla degli avversari.
Ma in questa fase è Gaston Gaido a prendere per mano la squadra di casa, il play argentino supera sempre la pressione dei pugliesi e mette tutti i suoi
compagni nelle migliori condizioni per segnare. Si va al riposo sul 40 – 30, il numeroso pubblico del Parente, applaude a scena aperta i protagonisti di una gara fino a quel momento bellissima.
Nella ripresa la truppa di Leonetti entra in campo con tanta concentrazione e tiene botta al tentativo di rimonta del Molfetta.
I pugliesi appoggiano l’attacco sui giochi spalle a canestro di Peppone Lombardo, il lungo ex Magic Team, prende per mano la sua squadra  e trova punti a ripetizione da tutte le posizioni.
Benevento risponde colpo su colpo ed il suo vantaggio non  scende mai sotto i 10 punti, tant’è che sul finire del terzo parziale Molfetta inizia a cedere.
Con i canestri di Grimaldi, Ausiello, Credendino e di un grandissimo Cavallaro l’Idnamic trova, prima, il nuovo massimo vantaggio sul +14 al minuto 28 e poi, con la tripla di Biagio Sergio chiude il quarto sul 65-48. Nell’ultima frazione si suggella il trionfo dei sanniti, la gara si chiude definitivamente con lo sfondamento subito da Grimaldi sulla penetrazione di Di Lauro e con i due punti del + 20, a 5 minuti dal termine, che portano la firma più bella, quella di un eroico Piscitelli. Nelle fila molfettesi, Lombardo è l’ultimo ad arrendersi  ma la sua prestazione monstre da 29 punti, 5 rimbalzi e 8 falli subiti non è stata sufficiente ad evitare la sconfitta.
Benevento ieri si è dimostrata più squadra, oltre al solido contributo dei titolarissimi di coach Leonetti, la differenza l’hanno fatta la grande prestazione di Cavallaro, che ha chiuso con ben 21 punti e 12 rimbalzi e la prova del talento nostrano Cavalluzzo che ha messo referto 2 assist, 5 rimbalzi e 2 palle recuperate, tenendo il campo con la maturità di un veterano. La gara si chiude sul punteggio di 84-63 ed il pubblico del Parente tributa la giusta standing ovation agli atleti sanniti che con la vittoria di ieri si insediano al quarto posto a soli quattro punti dalla vetta.
Il successo di ieri, contro la squadra capolista del torneo  èun chiaro messaggio che Credendino e soci lanciano alle concorrenti, per i vertici della
classifica ci sono anche loro. Neanche il tempo di festeggiare che subito un altro impegno durissimo attende il sodalizio della presidentessa Fontana, domenica prossima si va a far vista alla nuova capolista Monteroni, subito dopo la sosta natalizia, poi, la gara più attesa dell’anno, il derbyssimo contro la Magic Team in programma il 5 gennaio al Mario Parente.

Pallacanestro Benevento-Molfetta 84-63 (16-13, 24-17, 25-18, 19-15)

Pallacanestro Benevento: Sergio 12, Grimaldi 10, Credendino 20, Cavalluzzo,
Ausiello 12, Gaido 5,  Cavallaro Pasquale 21, Piscitelli 4, Pastore,  Copeland
ne. Coach Giacomo Leonetti

Molfetta: Lombardo 29, Cecchetti 15, Di Lauro 2, De Gennaro, Corvino, Bacchini
6, Bei Michele 8, Sancilio Giampaolo 3, Spadavecchia C ne, Spadavecchia N. ne.
Coach Gennaro Giovanni Gesmundo

CONDIVIDI