Ginnastica Aerobica

568

medaglia_Lollo_VetroneLa Delegazione Italiana di Ginnastica Aerobica, guidata dalla DTN Maria Cristina Casentini, è stata impegnata nel fine settimana scorso a Sao Miguel, un’isola nell’Arcipelago delle Azzorre, per la tappa lusitana della World Series 2012. I ginnasti sanniti Antonio Lollo e Rossella Vetrone, tesserati per il Club Ginnastico Benevento e titolari della nazionale italiana senior della federazione, insieme ai compagni di squadra Simone Bonatti (A.S.D Danza e Sport), Antonio Caforio e Riccardo Pentassuglia (a.s.d. Ginn. Francavilla) e Davide Donati (A.S. Dil. Delfino) Emanuele Pagliuca (Gymnova Sporting CLub), Giulia Bianchi (A.S.D. Amicosport) guidati dal tecnico Gigliola Carosi , hanno affrontato l’importante competizione con la grinta e la determinazione che li contraddistingue.  La coppia mista di Antonio e Rossella ha conquistato la medaglia d’argento in questa gara, che rappresenta la prova del mondiale, in programma nei primi giorni di giugno a Sofia.

I due ginnasti, allenati da Cristiana D’Anna, sono in questi giorni impegnati in raduno a Legnano prima della partenza per la Bulgaria. Gli abbiamo chiesto di inviarci qualche loro riflessione sulla gara delle Azzorre.

“La ginnastica aerobica è uno sport “spietato”, racconta Rossella,  in quanto in un breve e intenso minuto e 45 secondi di routine bisogna dimostrare il lavoro di mesi di preparazione e sacrifici. C’è bisogno della massima concentrazione e del controllo assoluto del corpo, nonostante l’emozione. Io e Antonio prima di entrare in pedana ci teniamo le mani strette ci guardiamo negli occhi e ripetiamo tre volte ” testa testa testa” . È una sorta di rito scaramantico che ci accompagna da diverso tempo in tutte le competizioni. Come al solito abbiamo ripetuto la formula poco prima di essere chiamati in pedana con le mani sudate e il cuore a mille. Una volta entrati e una volta che il bip scandisce l’inizio della musica è fatta!! In qualifica abbiamo fatto bene e il secondo posto che ci apriva l’accesso alla finale era troppo bello per essere perso! La finale è stata perciò molto tesa, ma nonostante ciò siamo riuscii a mantenere la calma e a portare a termine una routine perfetta! Quando sullo schermo è apparso il punteggio di 21,00 la gioia è stata infinita… Siamo stati messi avanti a una coppia storica, quella dei francesi, e dietro di soli 0,10 a una coppia giovane come la nostra, quella spagnola, che però detiene il titolo mondiale!” Grandissima soddisfazione per il Presidente della società beneventana Luigi D’Anna e di tutto lo staff tecnico del Club e della nazionale stessa.