Verona Benevento 3-1, terza sconfitta consecutiva, risultato però ingiusto.

120

Verona Benevento finisce 3-1, ma per le tante occasioni di marca giallorossa, alla fine parliamo di un risultato “ingiusto”, soprattutto alla luce dell’espulsione esagerata per le proteste di Caprari dopo un rigore reclamato e non convalidato (come confermato poi dal VAR). Doppietta di Barak e gol di Lazovic, gol della bandiera di Lapadula che raggiunge Caprari a 3 reti.

MONTIPO’ 5,5 – Si fa fregare da Barak sull’1-0, ma non si fa sorprendere dalla parabola di Zaccagni che devia oltre la traversa. Non ci arriva sul raddoppio di Barak, non ha evidenti colpe nemmeno sul gol di Lazovic.

LETIZIA 4,5 – Quest’oggi risulta il punto debole della difesa giallorossa perché è dalla sua zona che arrivano tutte e tre le reti del Verona, non copre e non dà mai una mano neanche con una diagonale, sale troppo e costringe prima Glik e poi Tuia a sganciarsi sempre per coprire le sue avanzate.

GLIK 6 – Male nel primo tempo, nella ripresa cambiando posizione da centro destra a centro sinistra, e non dovendo coprire Letizia, gioca meglio. Con un suo colpo di testa anticipa Kalinic che avrebbe colpito a colpo sicuro. In pieno recupero sfiora la gioia personale con un forte destro in area su assist di testa di Tuia.

CALDIROLA 5 – Si fa superare più volte da Kalinic, risultando sempre in ritardo e in difficoltà, evidentemente non in giornata, prende anche un giallo e mister Inzaghi poi lo sostituisce nell’intervallo. [dal 46′ TUIA 5,5 – Anche lui purtroppo non riesce a dare il meglio  di sé dovendo occuparsi delle defaillances di Letizia, subisce un brutto colpo nel contrasto con Lazovic nel finale di gara, speriamo non sia nulla]

FOULON 5,5 – Molto bene nelle proiezioni offensive, male in fase difensiva, in pratica il solito leit motiv di questo campionato per il giovane terzino belga, probabilmente renderebbe di più come quinto di centrocampo che non come terzino sinistro.

IONITA 5,5 – Oggi è più presente nel gioco giallorosso, sfiora un gol di testa sul finire della prima frazione, palla che esce di un nonnulla, con Silvestri che non ci sarebbe arrivato. Fa un recupero nella ripresa e poi commette fallo di frustrazione dopo il rigore non concesso dall’arbitro Sacchi venendo poi ammonito.

SCHIATTARELLA 5,5 – Parte abbastanza bene, con grinta, cattiveria ed esperienza nei contrasti in mezzo al campo, decisivo un suo fallo cosiddetto “tattico” a centrocampo che gli porta in dote un giallo. Con l’espulsione di Caprari si deve sacrificare per tentare di riequilibrare lo scacchiere giallorosso. [dal 74′ TELLO SV]

DABO 6 – Sfiora il gol dell’1-1 con un colpo di testa su angolo calciato da Caprari. Va vicino al 2-2 con un bel destro da fuori nella ripresa. Questa volta resta in campo per tutti i 90′ per la prima volta in questo campionato, dimostrando una miglior resistenza rispetto alle gare precedenti dove usciva spompato.

INSIGNE 5 – Nel primo tempo le migliori occasioni capitano tutte a lui, si divora più di un gol, la prima provando un pallonetto su Silvestri, la seconda con un assist di Lapadula che lo mette in porta, con Silvestri che para ancora, e sulla ribattuta di testa manda oltre la traversa. Nella ripresa diventa un fantasma ad eccezione di un recupero in difesa. [dal 70′ IMPROTA SV]

CAPRARI 6,5 – Sui suoi corner il Benevento si rende pericoloso nell’area veronese, Silvestri si supera su un suo destro rasoterra insidioso. Nella ripresa suo l’assist per il gol dell’1-1 di Lapadula. Subisce un possibile fallo da rigore da parte di Tameze, ma l’arbitro non se ne avvede, e successivamente viene espulso per proteste nei confronti del quarto uomo. Da un ulteriore replay, Caprari calcia il terreno e poi viene toccato nella caduta.

LAPADULA 7 – Nel primo tempo, gioca più per i compagni creando spazi per gli inserimenti di Caprari e Insigne. Nella ripresa sale in cattedra, prima con un tiro ribattuto, e successivamente col bel gol del pareggio con palla che passa tra palo e portiere. [dal 74′ MONCINI SV]

Il tabellino:
Verona – Benevento 3-1
Reti: 17′ Barak (V); 55′ Lapadula (B), 63′ Barak (V), 78′ Lazovic (V)

Verona (3-4-2-1): Silvestri; Ceccherini (90’+2′ Gunter), Lovato (46′ Magnani), Empereur (46′ Dawidowicz); Lazovic, Ilic, Tameze, Dimarco; Barak (90’+2′ Colley), Zaccagni; Kalinic (86′ Di Carmine).
A disp.: Berardi, Pandur; Salcedo, Udogie, Cetin, Terracciano, Cancellieri.
All.: Juric.

Benevento (4-3-2-1): Montipò; Letizia, Glik, Caldirola (46′ Tuia), Foulon; Ionita, Schiattarella (74′ Tello), Dabo; Insigne (70′ Improta), Caprari; Lapadula (74′ Moncini).
A disp.: Manfredini, Lucatelli; Viola, Maggio, Di Serio, Sau, Hetemaj.
All.: Inzaghi.

Arbitro: Sig. Juan Luca Sacchi della sezione AIA di Macerata.
Assistenti: Sigg. Domenico Palermo della sezione AIA di Bari, e Fabio Schirru della sezione AIA di Nichelino.
Quarto uomo: Sig. Manuel Volpi della sezione AIA di Arezzo.
VAR: Sig. Paolo Mazzoleni della sezione AIA di Bergamo.
AVAR: Sig. Giacomo Paganessi della sezione AIA di Bergamo.
Ammoniti: 25′ Caldirola (B), 28′ Barak (V), 43′ Schiattarella (B), 44′ Lovato (V); 49′ Inzaghi (B), 64′ Zaccagni (V), 71′ Ionita (B), 75′ Lazovic (V), 83′ Magnani (V)
Espulso: 73′ Caprari (B)
Angoli: 4-5 (Pt 2-4)
Recupero: Pt 0′; St 3′.

Le azioni dei gol:

17′ Kalinic, marcato da Caldirola, riceve palla e la dà di tacco sulla sinistra per Zaccagni, quest’ultimo sfonda a sinistra e mette in mezzo nell’area piccola, Barak anticipa Foulon e di tacco la mette alle spalle di Montipo’. 1-0.

55′ Assist di Caprari, Lapadula si inserisce bene in area e di prima intenzione di destro calcia in porta e supera Silvestri per l’1-1.

63′ Letizia sale troppo, palla che arriva a Dimarco con Tuia che sgancia dalla posizione centrale ma non riesce ad impedire il passaggio del terzino per Barak che di esterno sinistro segna un bel gol con Montipo’ che vola ma non ci arriva. 2-1.

78′ Cross di Dimarco dalla sinistra per la testa di Lazovic, posizionato sul secondo palo. La sua incornata è angolata, Montipò può solo toccare il pallone che si insacca in rete. 3-1.

CONDIVIDI
Nato a Benevento nel 1983, conclude gli studi superiori con il diploma di Geometra. All'università decide di cambiare completamente campo di studi, assecondando la sua passione di scrivere, iscrivendosi quindi alla triennale di Scienze della Comunicazione a Salerno (e poi alla specialistica all'Università degli studi Suor Orsola Benincasa a Napoli), con l'intenzione di diventare sceneggiatore, giornalista o semplice scrittore. Dal 2011 collabora con SannioSport.it come giornalista sportivo, principalmente seguendo le vicende del Benevento Calcio, ma interessandosi anche di altre squadre e/o categorie sportive. Saltuariamente scrive di altri argomenti anche sul suo blog, o per altri giornali online.