PAGELLE Benevento SPAL 1-2, altra deludente prestazione casalinga dei giallorossi.

495

Benevento SPAL 1-2. La gara di stasera si chiude con l’identico risultato della precedente gara casalinga contro la Ternana, e con una prestazione di squadra più che deludente. A nulla sono valsi i cambi tra i titolari, con la panchina iniziale di Letizia, Farias, Ionita e Improta (che non è neanche entrato) e col ritorno tra i titolari di Petriccione e soprattutto di Lapadula, tornato disponibile giusto per la contemporanea assenza di Forte e Moncini entrambi per infortunio.
Dopo una prima frazione in cui la SPAL ha colpito ben due pali, riesce poi a passare in vantaggio su una dormita generale su calcio d’angolo di Esposito, con Finotto liberissimo di appoggiare in rete di testa la palla dello 0-1 al 45′.
Nella ripresa arriva quasi immediatamente il pareggio con il “figliol prodigo” Lapadula, su assist di Tello, ma invece che l’inizio della rimonta, questo 1-1 resterà solamente il gol della bandiera, dato che passano pochi minuti e la SPAL ritrova il vantaggio nuovamente con Finotto su assist di Pinato.
Da lì in poi il mister Caserta effettua un triplo cambio con l’entrata di Ionita, Farias e Letizia, ma queste sostituzioni disequilibrano l’assetto tattico della squadra che riceve un’impronta ultra offensiva che però non riesce ad incidere, data la grande prestazione della difesa spallina che si difende ad oltranza con le unghie e con i denti.
L’ennesima prestazione deludente dei giallorossi chiude un campionato che con maggiore concentrazione in un paio di gare poteva persino regalare la promozione diretta al Benevento, ma ciò non è accaduto e alla fine i giallorossi si accontentano dei playoff, che però con questi presupposti saranno solamente un mero prolungamento dell’agonia vista nell’ultimo mese.

Paleari

PALEARI 6 – Fortunato in occasione dei due legni colpiti dalla SPAL nella prima frazione, non ha colpe per quanto riguarda le due reti subite da Finotto, perché la colpa è maggiormente della retroguardia. Sempre vigile sui tanti cross e sulle conclusioni successive degli avversari, uno dei pochi che si salva in questa prestazione generale più che deludente.

ELIA 5 – Tiene in gioco Finotto in occasione dell’1-2. Per il resto della gara la sua è una prestazione mediocre perché non ha i movimenti di un difensore e in quella posizione non riesce ad essere incisivo sulla fascia in caso di proiezione offensiva. [dal 12′ st LETIZIA 5,5 – Appena entrato sbaglia un controllo prendendo la palla col braccio e regalando una punizione dalla trequarti per la SPAL, di certo non un bel biglietto da visita. Sicuramente rispetto ad Elia è un passo in avanti sulla fascia destra, ma non riesce comunque a risultare maggiormente decisivo nonostante i numerosi cross dalla destra.

PASTINA 5 – Questa gara sembrerebbe confermare che non è pronto per questa categoria, nonostante la fiducia datagli nelle ultime giornate. Va bene che oramai il Benevento non aveva chissà cosa da chiedere al campionato, ma Vogliacco è ben altra cosa.

BARBA 5,5 – Sfiora la rete di testa su angolo a inizio gara, poi la sua diventa una presenza costante su tutti gli altri successivi corner. Difetta però lì dove dovrebbe dare maggiore peso, ovvero in chiave difensiva, sarà dovuto anche al fatto che è “costretto” a giocare in posizione di centrodestra per favorire il giovane Pastina sul centrosinistra.

Foulon

FOULON 6 – Bel tiro di sinistro al 17′, risulta essere il migliore della retroguardia considerando la pochezza del resto dei compagni di reparto, intanto si dà da fare sia in ripiegamento che con i suoi cross dalla fascia sinistra. [dal 32′ st MASCIANGELO SV]

PETRICCIONE 5,5 – Finalmente gioca una gara da titolare, purtroppo però il sosia italiano di Modric, dopo un buon inizio di gara, non riesce ad imporsi nella mediana giallorossa, finendo ben presto nell’oblio. [dal 12′ st FARIAS 6 – Con la sua entrata in campo, il Benevento senza dubbio ha maggiori occasioni lì davanti, non si prende la responsabilità di calciare in porta, preferendo assistere i compagni di squadra.]

VIVIANI 5,5 – Anche per lui vale il discorso fatto per Petriccione, ovvero che dopo un buon inizio ben presto arriva a spegnersi sempre più con l’andare avanti dei minuti, scomparendo tra le maglie biancoblu a centrocampo.

ACAMPORA 5,5 – E’ l’unico che effettua degli strappi nella zona mediana del campo, con delle accelerazioni in direzione dell’area, purtroppo anche lui sfiancato dalle tante gare e minuti giocati non risulta essere al suo meglio. [dal 12′ st IONITA 5 – Si piazza in mezzo al campo a fianco di Viviani nel modulo ultra offensivo orchestrato da Caserta dopo il vantaggio della SPAL, purtroppo la sua “diga” non riesce ad arginare la maggiore qualità e quantità del centrocampo avversario.]

INSIGNE 5,5 – Oggi con la fascia di capitano al braccio, è suo il primo tiro della gara al 7′. Prova la conclusione in un altro paio di occasioni, ma non è affatto in giornata; preso atto di ciò cerca di dare una mano a cucire i reparti con i suoi movimenti a liberare i compagni. [dal 32’st BRIGNOLA SV]

Gianluca Lapadula

LAPADULA 6 – Tornato titolare anche lui più per i contemporanei infortuni di Forte e Moncini che per una vera e propria riconciliazione con la società, effettua la sua prima conclusione al 36′ del primo tempo. Sembra ben poca roba, ma poi ad inizio ripresa va quasi immediatamente in gol su assist di Tello, dopo un batti e ribatti con la difesa avversaria. Si rende utile soprattutto per il suo continuo pressing in avanti, ed anche per aver sfiorato la rete in un altro paio di occasioni.

TELLO 5,5 – Suo l’assist per l’1-1 di Lapadula, indubbiamente è il giocatore che macina più chilometri in campo. Nella prima parte di gara giostra sulla sinistra, mentre nella ripresa con l’entrata di Farias passa sull’altra fascia. Ha la possibilità di segnare anche lui, ma nel momento decisivo o perde palla allungandosela nel controllo, oppure calcia senza precisione cogliendo l’esterno della rete o qualche avversario. Si divora all’ultimissimo minuto di recupero il 2-2 alzando la palla con un colpo di testa invece di schiacciare in porta.

Il tabellino:
Benevento – SPAL 1-2
Reti: 45′ pt Finotto (S); 2′ st Lapadula (B), 6′ st Finotto (S).

Benevento (4-3-3): Paleari; Elia (12′ st Letizia), Barba, Pastina, Foulon (32′ st Masciangelo); Petriccione (12′ st Farias), Viviani, Acampora (12′ st Ionita); Insigne (32′ st Brignola), Lapadula, Tello.
A disp.: Muraca, Manfredini; Calò, Vogliacco, Improta, Sau, Talia.
All.: Caserta.

SPAL (4-3-1-2): Thiam; Dickmann, Capradossi, Vicari, Celia (24′ st Tripaldelli); Pinato (44′ st Crociata), Esposito, Mora (31′ st Da Riva); Mancosu; Latte Lath (32′ st Vido), Finotto (24′ st Colombo).
A disp.: Alfonso; Pabai, Melchiorri, Zuculini, Almici, Nador, D’Orazio.
All.: Venturato.

Arbitro: Sig. Antonio Giua della sezione AIA di Olbia.
Assistenti: Sigg. Luigi Lanotte della sezione AIA di Barletta e Marco Ceccon della sezione AIA di Lovere.
Quarto uomo: Sig. Adolfo Baratta della sezione AIA di Rossano.
VAR: Sig. Daniele Minelli della sezione AIA di Varese.
Assistente VAR: Sig. Pietro Dei Giudici della sezione AIA di Latina.
Ammoniti: 8′ pt Celia (S); 22′ st Mora (S), 33′ st Capradossi (S)
Angoli: 13-7 (Pt 4-3)
Recupero: Pt 1′; St 4′.
Spettatori: 5.155 di cui 65 ospiti.

Le azioni più importanti:

45′ pt Angolo per la SPAL, dalla bandierina va a battere Esposito, la sua traiettoria non viene sfiorata da nessuno, rimbalza all’altezza dell’area piccola e trova tutto solo Finotto sul secondo palo che in tutta comodità appoggia in rete di testa per lo 0-1.

2′ st Tello in area passa a Lapadula, l’attaccante prova direttamente la conclusione, ma viene ribattuto dalla difesa ospite, e sulla respinta calcia nuovamente di sinistro spedendo la palla in fondo al sacco per l’1-1.

6′ st La SPAL torna in vantaggio con Finotto dopo un’azione concertata sul filo del fuorigioco, la palla arriva pulita da Pinato all’attaccante spallino che anche questa volta in tutta comodità appoggia in rete da posizione centrale con Paleari che non riesce ad intervenire. 1-2.

CONDIVIDI
Nato a Benevento nel 1983, conclude gli studi superiori con il diploma di Geometra. All'università decide di cambiare completamente campo di studi, assecondando la sua passione di scrivere, iscrivendosi quindi alla triennale di Scienze della Comunicazione a Salerno (e poi alla specialistica all'Università degli studi Suor Orsola Benincasa a Napoli), con l'intenzione di diventare sceneggiatore, giornalista o semplice scrittore. Dal 2011 collabora con SannioSport.it come giornalista sportivo, principalmente seguendo le vicende del Benevento Calcio, ma interessandosi anche di altre squadre e/o categorie sportive. Saltuariamente scrive di altri argomenti anche sul suo blog, o per altri giornali online.