PAGELLE Benevento Palermo 0-1. Graffio di Brunori che continua ad allargare la ferita dei giallorossi

167

Benevento Palermo 0-1. Un altro risultato negativo casalingo, l’ennesimo di questa annata storta per i giallorossi, alle prime vere difficoltà nel campionato cadetto dopo che nei primi quattro campionati non erano mai scesi sotto il 7° posto in classifica. Nel primo tempo le squadre dei due mister, Cannavaro e Corini, si sono letteralmente studiate, con quasi neanche una conclusione finita nello specchio della porta da parte di entrambe. Le cose cambiano ad inizio ripresa nonostante non sia stato effettuato neanche un cambio, ed è un episodio a decidere il risultato con Gomes che vince il contrasto con Viviani a centrocampo, serve Brunori che entra in area e calcia con sicurezza verso Paleari insaccando alle sue spalle lo 0-1 parziale che poi rimarrà tale per tutto il resto della partita.

Il Benevento subito lo svantaggio attacca a testa bassa il Palermo, ma mentre nella prima frazione aveva svolto uno sterile possesso di palla manovrato, usando la testa e mostrando un gioco discreto, nella ripresa fa saltare quei pochi schemi a disposizione risultando inconcludente e facendo il gioco della difesa ospite che riesce ad amministrare tutti gli attacchi del tentato assedio giallorosso. A nulla sono serviti i cambi in attacco, dove c’è da registrare anche l’ennesimo infortunio della stagione a La Gumina costretto ad uscire. Simy dà maggiore presenza sulle palle alte e come occupazione degli spazi, dando maggiormente filo da torcere a Nedelcearu e Bettella, rispetto a quello che avevano fatto prima Forte e il suddetto La Gumina. Il Palermo va addirittura vicino al raddoppio in altre due occasioni: prima con un tiro di Brunori da quasi 50 metri, una conclusione liftata che coglie il palo alla sinistra di Paleari, e successivamente in pieno recupero con Soleri lasciato colpevolmente solo in area durante un contropiede, sul quale riesce a rimediare Paleari deviando in angolo e impedendo una disfatta maggiore. 3 punti meritati per il Palermo che esce dalla zona playout ed esame rimandato per il Benevento atteso ora dalla trasferta infrasettimanale col Parma e poi gara casalinga la settimana prossima contro il Cittadella.

Cannavaro

PALEARI 6 – Incolpevole sul gol segnato da Brunori, evita poi la beffa grazie al palo colpito da 50 metri sempre dal centravanti palermitano. Grandissima la parata su Soleri al 94′ quando devia la conclusione in angolo, dando altri 3 minuti di speranza ai suoi compagni.

Letizia

LETIZIA 6,5 – Il capitano si rivela ancora una volta uno dei migliori, se non il migliore della sgangherata truppa giallorossa. Vero e proprio regista offensivo della squadra è dai suoi piedi e dalle sue incursioni sulla fascia destra che arrivano i “pericoli” per il Palermo.

LEVERBE 5,5 – Sufficiente nella prima frazione, parte male nella seconda quando arretra di troppo davanti a Brunori palla al piede, non ostacolandolo quando l’attaccante lascia partire la conclusione dello 0-1. Prova a rimediare davanti su una punizione, quando svetta con un colpo di testa che finisce però abbondantemente fuori. [dall’84’ PASTINA SV]

CAPELLINI 5,5 – Colpe da condividere col compagno di reparto sullo 0-1 ospite: sulla palla persa da Viviani a centrocampo si fa trovare troppo alto, perdendo di fatto Brunori sul passaggio di Gomes e non riuscendo neanche a recuperare.

MASCIANGELO 6 – Da quinto di centrocampo ci aveva abituati ad una costante presenza in avanti sui cross provenienti dalla sinistra, da terzino puro dà invece maggiormente una mano in difesa, risultando provvidenziale con almeno due interventi in angolo.

IMPROTA 6 – Della sua gara ricorderemo solo la sfortunata conclusione al 90′ esatto quando per velocizzare le cose calcia senza prendere la mira con mezza porta spalancata davanti. Dopo lo svantaggio è uno dei più nervosi, resta però fondamentale la sua fase di copertura sulle numerose discese di Letizia.

Viviani

VIVIANI 5,5 – Nella prima parte di gioco sia di prima che in seconda battuta risulta tra i migliori per come riesce ad amministrare la palla in mezzo al campo, con i compagni che lo cercano in appoggio sia dietro che più avanti. La sua gara cambia però nella ripresa quando per un eccesso di sicurezza si fa rubare la palla da Gomes che porterà poi al gol del Palermo. Chiude in “bruttezza” con un giallo per poi uscire anzitempo. [dal 60′ SCHIATTARELLA 5,5 – Non ancora al suo meglio, lo si vede sin dai primi palloni toccati dove non è preciso come in altre occasioni. Entra in campo per sfruttare la sua esperienza, ma i centrocampisti del Palermo crescono esponenzialmente e lo mettono in difficoltà.]

ACAMPORA 6 – Va vicino al gol dell’1-0 sul finale del primo tempo, con un tiro di sinistro calciato sul secondo palo e uscito di poco. Nella ripresa è uno dei pochi, se non l’unico ad offrire con i suoi tiri da fuori, una soluzione diversa ai numerosi ed inconcludenti cross dalle fasce.

Farias

FARIAS 6 – Buoni i suoi primi 45′ con un movimento continuo tra fase di non possesso dove si schiera a sinistra del centrocampo, e in fase di possesso quando si accentra e si posiziona dietro le due punte. A detta di Cannavaro nel prepartita era uno di quelli che stava crescendo di condizione, quindi resta inspiegabile la sua uscita prematura dal campo. [dal 60′ SIMY 5,5 – Risulta ancora una volta l’ombra del Simy “che fu”, restando però una soluzione migliore rispetto agli altri compagni di reparto, impegnando maggiormente sulle palle alte la difesa avversaria]

FORTE 5 – Nedelcearu e Bettella se lo mettono nel “taschino”: non va al tiro nemmeno una mezza volta, e non prova neanche a cambiare il suo tipo di gioco cercando di dialogare con La Gumina e col resto dei compagni, portando a casa l’ennesima prestazione incolore della sua stagione.  [dal 60′ TELLO 5,5 – Con l’uscita di Farias prima e La Gumina subito dopo, inevitabilmente si ritrova assieme a Simy e Improta a cercare di pungere la difesa rosanero. Cosa che però non gli riesce e nel recupero prende anche un giallo.]

LA GUMINA 5 – Lo scatto nei minuti iniziali sul lungo lancio di Paleari, quando poi viene spinto da Bettella e chiede un rigore, lascerebbe presagire una grande prestazione nel suo primo confronto da ex contro il Palermo per lui che è palermitano DOC, ma è solo un’impressione fugata poi dalla conclusione successiva quando manda alle stelle in area, venendo prima fagocitato dalla difesa ospite e poi costretto ad uscire per un problema all’adduttore. [dal 66′ KUBICA 5,5 – E’ ancora poco lo spazio e le occasioni offerte al giovane polacco, di cui si era tanto parlato bene quest’estate quando fu ingaggiato, ma si dà il fatto che quelle poche avute premettono finora l’ennesimo flop di un giovane calciatore straniero.]

Brunori

Il tabellino:
Benevento Palermo 0-1
Reti: 54′ Brunori.

Benevento (4-4-2): Paleari; Letizia, Leverbe (84′ Pastina), Capellini, Masciangelo; Improta, Viviani (60′ Schiattarella), Acampora, Farias (60′ Simy); Forte (60′ Tello), La Gumina (66′ Kubica).
A disp.: Manfredini, Lucatelli; El Kaouakibi, Thiam Pape, Foulon, Basit, Koutsoupias.
All.: Cannavaro.

Palermo (4-3-3): Pigliacelli; Mateju, Nedelcearu, Bettella, Sala (72′ Crivello); Damiani (68′ Broh), Segre, Gomes; Valente (72′ Vido), Brunori (80′ Soleri), Di Mariano (80′ Marconi).
A disp.: Massolo; Pierozzi, Accardi, Floriano, Stulac, Devetak, Lancini.
All.: Corini.

Arbitro: Sig. Niccolò Baroni della sezione AIA di Firenze.
Assistenti: Sigg. Niccolò Pagliardini della sezione AIA di Arezzo e Claudio Gualtieri della sezione AIA di Asti.
Quarto uomo: Sig. Giovanni Ayroldi della sezione AIA di Molfetta.
VAR: Sig. Aleandro Di Paolo della sezione AIA di Avezzano.
Assistente VAR: Sig. Marcello Rossi della sezione AIA di Biella.
Ammoniti: 32′ Gomes (P); 50′ Viviani (B), 78′ Broh (P), 88′ Kubica (B), 90’+5′ Tello (B).
Angoli: 6-2 (Pt 5-1)
Recupero: Pt 0′; St 7′.
Spettatori: 7.137 abbonati, 747 paganti (719 locali e 28 ospiti).

Le azioni più importanti: 

54′ Viviani in un eccesso di sicurezza perde palla a centrocampo nel contrasto con Gomes, il centrocampista ospite se ne va in contropiede servendo quasi immediatamente Brunori che entra in area sul continuo arretramento di Leverbe, e lascia partire un tiro che batte Paleari per lo 0-1 rosanero.

CONDIVIDI
Nato a Benevento nel 1983, conclude gli studi superiori con il diploma di Geometra. All'università decide di cambiare completamente campo di studi, assecondando la sua passione di scrivere, iscrivendosi quindi alla triennale di Scienze della Comunicazione a Salerno (e poi alla specialistica all'Università degli studi Suor Orsola Benincasa a Napoli), con l'intenzione di diventare sceneggiatore, giornalista o semplice scrittore. Dal 2011 collabora con SannioSport.it come giornalista sportivo, principalmente seguendo le vicende del Benevento Calcio, ma interessandosi anche di altre squadre e/o categorie sportive. Saltuariamente scrive di altri argomenti anche sul suo blog, o per altri giornali online.