PAGELLE Benevento Crotone 1-1. In superiorità numerica per un’ora i giallorossi non vincono. Che delusione.

147

Benevento Crotone finisce mestamente 1-1. Dopo il vantaggio iniziale di Lapadula arrivato al 13′ del primo tempo su assist di petto di Hetemaj, il Crotone si ritrova in inferiorità numerica per espulsione diretta di Golemic a metà della prima frazione. Il Benevento coglie una traversa con Insigne, il portiere ospite, Festa, titolare al posto di Cordaz, fa due parate sul possibile 2-0 prima da parte di Schiattarella e poi di Lapadula. Si va a riposo sull’1-0.

Nella ripresa il risultato non cambia, il Crotone quasi rinuncia ad attaccare, ma non si arrende perché continua comunque a tessere trame di gioco. Il Benevento non riesce a trovare il colpo del KO, e alla fine dopo l’assegnazione del recupero di 4′, gli ospiti trovano il gol insperato del pareggio a neanche un minuto dalla fine della tenzone. Subito il gol per una iniziativa di Dragus sulla destra che supera Improta, la passa a Pereira che aggira Glik e passa a Simy che anticipa Tuia e Letizia; i giallorossi si distendono tutti in avanti ed è Glik a sfiorare l’incredibile 2-1 con una sforbiciata che Festa para in due tempi.

La retrocessione non è ancora matematica, in attesa del recupero tra Lazio e Torino, se i granata non dovessero vincere, il Benevento potrebbe ancora salvarsi con una vittoria in Piemonte, ma oramai ridursi all’ultimo dopo aver fallito l’ennesimo match point casalingo nel girone di ritorno, è una presa in giro per tutti i tifosi giallorossi.

MONTIPO’ 6 – I tiri più pericolosi da parte del Crotone arrivano dai piedi di Ounas, ma fortunatamente per l’estremo difensore di casa, la mira è imprecisa e le conclusioni finiscono tutte a fondo campo. Sempre presente per tutti i 90′, subisce purtroppo il gol dell’1-1 da parte di Simy per una topica generale della retroguardia giallorossa.

DEPAOLI 6 – Non è stato tanto in difficoltà su Molina, quanto su Ounas quando è transitato dalle sue parti; gara sufficiente fino all’uscita per infortunio. [dal 35′ pt TUIA 5,5 – Gara sufficiente fino a quando però in coabitazione con Letizia perde Simy che senza alcun problema fa tap in per il pareggio beffa in pieno recupero.]

GLIK 5 – Diversamente dalla gara d’andata dove Simy gli fece vedere i sorci verdi sin da subito, in questa di ritorno il difensore polacco riesce ad avere ragione del capitano calabrese per gran parte della gara, anche con qualche piccola scaramuccia a fine primo tempo. Nel finale della ripresa però ha la gran colpa di favorire Pereira nell’assist finale per Simy, facendosi aggirare come un pivello, nonostante tutta la sua esperienza, prende anche un giallo.

BARBA 5,5 – Inizia come difensore centrale al fianco di Glik, poi l’infortunio occorso a Depaoli, costringe mister Inzaghi a rivedere la retroguardia, spostandolo come terzino sinistro dove ha un cliente difficile come Ounas. Prova a fare qualche cross nella ripresa, ma senza alcun costrutto.

LETIZIA 5,5 – Torna titolare, inizia a sinistra per poi passare a destra a fine primo tempo. Il piglio sembra essere quello di inizio stagione e di tutta la scorsa, scende e si propone in avanti quando gioca su entrambe le fasce, ma ha l’aggravante, in coppia con Tuia di “permettere” a Simy di segnare comodamente l’1-1.

HETEMAJ 6 – Oggi mette da parte la spada e usa di più il fioretto; secondo cervello pensante del centrocampo dopo quello di Schiattarella, è suo l’assist di petto per il gol dell’1-0 di Lapadula. Si fa sentire a gran voce in mezzo al campo e cerca di portare sempre ordine lì in mezzo.

SCHIATTARELLA 6 – Complice lo sparring partner odierno, che gli fa rivivere i “fasti” della cavalcata della scorsa stagione, capitan Schiattarella si trova a suo agio e detta i tempi lì in mezzo al campo, accelerando o rallentando il gioco quando necessario. Assiste impotente al pareggio avversario in area.

IONITA SV – Si fa male dopo 17′ in uno scontro con Magallan, prova a rientrare in campo, ma non ce la fa proprio. [dal 19′ pt IMPROTA 5 – Inizia a centrocampo, passa momentaneamente a terzino destro fino a quando Depaoli non viene sostituito dopo l’infortunio, poi con l’entrata di Dabo e l’uscita di Caprari finisce la gara dietro Lapadula. In pieno recupero si fa sfuggire il neo entrato Dragus che innesca l’azione del pareggio crotonese.]

INSIGNE 6,5 – Al 27′ dà fuoco alle polveri con un tiro da fuori che si stampa sulla traversa. Nella ripresa con una progressione delle sue sulla trequarti riesce a far prendere un giallo a Magallan nel tentativo di fermarlo. La sua velocità mette spesso in difficoltà i difensori crotonesi fin quando resta in campo. [dal 38′ st GAICH 5 – Di solito chi gioca pochi minuti non prende voto, ma lui prende un giallo stupido per aver allontanato la palla e fa tornare la parità numerica con la sua assenza lì davanti dall’area di rigore, preferendo agire di più sulla trequarti. Prova a farsi perdonare alla fine con una sforbiciata che si conclude tra le braccia di Festa.]

CAPRARI 6 – In assenza di Viola è a lui che tocca la maggior parte dei piazzati, e la differenza nel tocco si vede eccome. Zero conclusioni da parte sua ma buon palleggio tra le linee e sulla fascia sinistra. [dal 1′ st DABO 6,5 – Entrato nella ripresa per un problema muscolare occorso a Caprari, dimostra di entrare subito in partita con la sua gagliardia e volontà di mettersi in gioco. Chiede spesso palla e si propone anche per andare via sulla fascia o per qualche uno due. Uno dei migliori in questa sfida che ha di fatto quasi condannato il Benevento a tornare in B).

lapadulaLAPADULA 6,5 – Vera e propria arma in più dei giallorossi nelle ultime giornate, purtroppo non sempre viene seguito dai compagni di squadra. Porta in vantaggio il Benevento su assist di Hetemaj, complice Festa si divora il 2-0 sempre nel primo tempo. Nella ripresa fa doppietta, ma la terna arbitrale ravvisa una iniziale posizione di fuorigioco, annullando di fatto il 2-0. Resta in campo per tutto il tempo della gara sfiancandosi letteralmente. Con una squadra più adeguata alle spalle avrebbe potuto fare ancora meglio in questa stagione.

Il tabellino: 
Benevento – Crotone 1-0
Reti: 13′ pt Lapadula (B)

Benevento (4-3-2-1): Montipo’; Depaoli (35′ pt Tuia), Glik, Barba, Letizia; Hetemaj, Schiattarella, Ionita (19′ pt Improta); Insigne (38′ st Gaich), Caprari (1′ st Dabo); Lapadula.
A disp.: Manfredini, Lucatelli; Tello, Viola, Di Serio, Sanogo, Pastina, Diambo.
All.: Inzaghi.

Crotone (3-5-2): Festa; Magallan, Marrone (1′ st Pereira), Golemic; Djidji, Zanellato (17′ st Rojas), Cigarini (21′ st Petriccione), Benali (21′ st Vulic), Molina; Ounas (38′ st Dragus), Simy.
A disp.: Cordaz, Crespi; Luperto, D’Aprile, Rispoli, Riviere.
All.: Cosmi.

Arbitro: Sig. Piero Giacomelli della sezione AIA di Trieste.
Assistenti: Sigg. Stefano Liberti della sezione AIA di Pisa e Alessandro Lo Cicero della sezione AIA di Brescia.
Quarto uomo: Sig. Francesco Fourneau della sezione AIA di Roma 1.
VAR: Sig. Marco Di Bello della sezione AIA di Brindisi.
Assistente VAR: Sig. Pasquale De Meo della sezione AIA di Foggia.
Ammoniti: 15′ pt Marrone (C), 6′ st Magallan (C), 35′ st Glik (B), 43′ st Gaich (B)
Espulsi: 24′ pt Golemic (C)
Angoli: 8-4 (Pt 4-4)
Recupero: Pt 4′; St ‘.

Le azioni dei gol:

13′ pt Cross di Letizia dalla fascia sinistra alla destra dell’area, Hetemaj la prende di petto e appoggia per Lapadula che si coordina e con un diagonale rasoterra batte Festa per l’1-0.

45′ st+3′ Dragus scappa a Improta sulla sinistra giallorossa, mette in area per Pereira che aggira Glik e serve Simy che deve solo appoggiare in rete perché Tuia e Letizia arrivano in ritardo su di lui. E’ l’1-1 sul quale Montipo’ neanche ha colpe perché ad aver sbagliato è stato il resto della retroguardia.

CONDIVIDI
Nato a Benevento nel 1983, conclude gli studi superiori con il diploma di Geometra. All'università decide di cambiare completamente campo di studi, assecondando la sua passione di scrivere, iscrivendosi quindi alla triennale di Scienze della Comunicazione a Salerno (e poi alla specialistica all'Università degli studi Suor Orsola Benincasa a Napoli), con l'intenzione di diventare sceneggiatore, giornalista o semplice scrittore. Dal 2011 collabora con SannioSport.it come giornalista sportivo, principalmente seguendo le vicende del Benevento Calcio, ma interessandosi anche di altre squadre e/o categorie sportive. Saltuariamente scrive di altri argomenti anche sul suo blog, o per altri giornali online.