PAGELLE Benevento Cagliari 1-3. Polemiche su un rigore non dato a Viola.

227

Benevento Cagliari finisce 1-3. Lo scontro salvezza arride agli ospiti che si vendicano quindi della sconfitta dell’andata (0-2 per i sanniti). Un gol rapidissimo di Lykogiannis, sugli sviluppi di un angolo, fa pendere immediatamente il piatto della bilancia verso il Cagliari; il pareggio arriva un quarto d’ora dopo con Lapadula abile a segnare su assist di Caprari. La prima frazione si chiude in parità, e nella ripresa è nuovamente la squadra ospite a tornare in vantaggio con colpo di testa di Pavoletti che supera Glik e beffa Montipo’. Doveri assegna poi a 10′ dalla fine un rigore per il Benevento, ma dopo diversi minuti e controlli al VAR, l’arbitro decide di non assegnarlo. Seguiranno polemiche su questa decisione. In pieno recupero il Cagliari va sul 3-1 con Joao Pedro che segna su assist di Nandez. E sul Sannio, nonostante la giornata torrida, cala l’ombra della futura serie B.

MONTIPO’ 5,5 – Si fa sorprendere sul repentino vantaggio siglato da Lykogiannis, da lì in poi, per tutto il primo tempo, lo si vede impegnato solo sui cross avversari, perché il Cagliari conclusioni in porta non ne fa. Nella ripresa commette in coabitazione con Glik un errore di posizione permettendo a Pavoletti di segnare il 2-1 ospite senza tanti ostacoli.

DEPAOLI 5 – Dai suoi piedi il cross sul quale Caprari colpisce di testa con gran parata di Cragno, ma finisce lì, perché poi la sua zona è territorio di caccia per Lykogiannis e Nainggolan. [dal 26′ st LETIZIA 5,5 – ritorna in campo dopo l’ennesimo infortunio, prova a dare una mano per l’assalto finale in cerca del pareggio.]

glik

GLIK 5 – Cerca come può di duellare in elevazione con Pavoletti, ma la maggioranza dei confronti aerei vede vincitore il centravanti sardo, come in occasione del 2-1 cagliaritano, dove sia lui che Montipo’ commettono errori di marcatura e di posizione.

CALDIROLA 5,5 – Mezzo voto in più per lui, rispetto al collega di reparto, bene sui colpi di testa e anche in disimpegno. La sua discesa in avanti nei minuti di recupero, assieme sempre a Glik, lascia in parte impreparata la retroguardia sul 3-1 finale, sul quale alla fine devono ripiegare Letizia e Di Serio.

BARBA 5 – Nandez e Zappa fanno quel che vogliono nella sua zona di campo, sappiamo che il terzino sinistro non è il suo ruolo naturale, che sarebbe in realtà quello di difensore centrale, ma dopo una stagione giocata in quella posizione, ci si aspettava qualcosina in più da parte sua.

HETEMAJ 5,5 – Aveva riposato nella trasferta di Milano perché diffidato, e perché era importante la sua presenza oggi in questo scontro salvezza. Si impegna senza alcun dubbio, ma il suo apporto in campo non riesce ad essere utile più di tanto alla causa giallorossa.  [dal 26′ st IMPROTA 5,5 – Prestazione deludente anche da parte di chi ha fatto della corsa e dell’impegno i suoi tratti distintivi, cose che nel finale di questa partita sono mancati da parte sua]

SCHIATTARELLA 5,5 – Prende un giallo per fallo su Nainggolan già nei primi 10′, sul finire della prima frazione va vicino al gol con un colpo di testa a tuffo su punizione di Caprari, con Cragno che si supera con un colpo di reni istintivo. [dal 22′ st VIOLA 6 – Si guadagna un ineccepibile calcio di rigore, dove Doveri prima l’assegna e poi tergiversa per un paio di minuti, fino a quando non va al VAR e rivede la sua decisione. In caso di avvenuta realizzazione, sarebbe potuta essere la sua terza rete consecutiva su calcio di rigore]

IONITA 5,5 – Il solito lavoro oscuro, non rende omaggio alla più classica legge dell’ex, risultando un fantasma tra le maglie dei giocatori avversari.

INSIGNE 5 – La sua partita oggi era più contro l’arbitro che non contro il Cagliari, per via delle tante proteste per ogni futile motivo. Presenza impalpabile alle spalle di Lapadula, cerca di far qualcosa in più in marcatura, ma nelle conclusioni in avanti, o in appoggio ai compagni non lo si vede mai. [dal 22′ st GAICH 5 – Sembra che da subentrante non riesca a lasciare il segno quando capita invece quando viene schierato titolare. Si impegna in favore dei compagni, ma la sua prestazione e quella di Lapadula sono lo Yin e lo Yang]

CAPRARI 6,5 – Ha il merito di conquistare una palla su errore di Ceppitelli e di servire Lapadula per il gol dell’1-1. Tira su Cragno il possibile 2-1, e poi è il portiere sardo a fare una gran parata su un suo colpo di testa. Solito giallo preso per proteste. [dal 31′ st DI SERIO SV]

lapadula

LAPADULA 7 – Meno sprecone del solito per quanto riguarda le conclusioni in porta, alla prima occasione utile a tu per tu col portiere avversario riesce ad essere abbastanza “freddo” per insaccare alle sue spalle. Cerca di ricambiare il favore al compagno con un bel lancio dalla destra, ma Caprari tira addosso a Cragno da buona posizione. Uno degli ultimi ad arrendersi.

Il tabellino:
Benevento – Cagliari 1-3
Reti: 1′ pt Lykogiannis (C), 16′ Lapadula (B); 19′ st Pavoletti (C), 45′ st+4′ Joao Pedro (C)

Benevento (4-3-2-1): Montipo’; Depaoli (26′ st Letizia), Glik, Caldirola, Barba; Hetemaj (26′ st Improta), Schiattarella (22′ st Viola), Ionita; Insigne (22′ st Gaich), Caprari (31′ st Di Serio); Lapadula.
A disp.: Manfredini, Lucatelli; Tello, Tuia, Dabo, Sanogo, Pastina.
All.: Inzaghi.

Cagliari (3-4-1-2): Cragno; Ceppitelli, Godin, Carboni (1′ st Zappa); Nandez, Deiola (43′ st Duncan), Marin (43′ st Rugani), Lykogiannis (29′ st Asamoah); Nainggolan; Joao Pedro, Pavoletti (45’st +4′ Cerri).
A disp.: Aresti, Vicario; Tripaldelli, Simeone, Klavan, Calabresi, Walukiewicz.
All.: Semplici.

Arbitro: Sig. Daniele Doveri della sezione AIA di Roma 1.
Assistenti: Sigg. Fabiano Preti della sezione AIA di Mantova e Alberto Tegoni della sezione AIA di Milano.
Quarto uomo: Sig. Ivano Pezzuto della sezione AIA di Lecce.
VAR: Sig. Paolo Mazzoleni della sezione AIA di Bergamo.
Assistente VAR: Sig. Ciro Carbone della sezione AIA di Napoli.
Ammoniti: 9′ pt Schiattarella (B), 12′ pt Pavoletti (C); 10′ st Caprari (B), 12′ st Deiola (C)
Angoli: 3-5 (Pt 3-1)
Recupero: Pt 2′; St 5′.

Le azioni dei gol: 

1′ pt Schema da calcio d’angolo: Nainggolan appoggia per Marin che passa al limite dell’area per Lykogiannis, sinistro piazzato all’incrocio con Montipo’ che si lascia sorprendere. 0-1.

16′ pt Errore di Ceppitelli in disimpegno, Caprari ruba palla e serve Lapadula che a tu per tu con Cragno riesce a batterlo con un tocco in anticipo sull’uscita dell’ex giallorosso. 1-1.

19′ st Cross dalla destra di Nandez, sul secondo palo Pavoletti supera in elevazione Glik e Montipo’ che era appostato sul primo palo, arriva in ritardo sulla palla. 1-2.

45’st +4′ Eccezionale azione di Nandez sulla destra, arriva sul fondo, e mette nell’area piccola un cross basso sul quale Joao Pedro segna con facilità l’1-3.

CONDIVIDI
Nato a Benevento nel 1983, conclude gli studi superiori con il diploma di Geometra. All'università decide di cambiare completamente campo di studi, assecondando la sua passione di scrivere, iscrivendosi quindi alla triennale di Scienze della Comunicazione a Salerno (e poi alla specialistica all'Università degli studi Suor Orsola Benincasa a Napoli), con l'intenzione di diventare sceneggiatore, giornalista o semplice scrittore. Dal 2011 collabora con SannioSport.it come giornalista sportivo, principalmente seguendo le vicende del Benevento Calcio, ma interessandosi anche di altre squadre e/o categorie sportive. Saltuariamente scrive di altri argomenti anche sul suo blog, o per altri giornali online.