PAGELLE Fiorentina Benevento 0-1 rete di Improta, il migliore assieme ad Hetemaj

352

Fiorentina Benevento finisce 0-1, gol di Improta, alla prima rete in serie A alla prima presenza da titolare. Dopo un primo tempo brutto per entrambe le compagini, a inizio ripresa i giallorossi passano in vantaggio grazie ad una intuizione di Insigne. La Fiorentina nell’ultima mezz’ora cerca (inutilmente) la via del pareggio, ma il GPS di Prandelli non funziona, l’ex CT fallisce il suo secondo esordio in viola, il Benevento vola a 9 punti in classifica raggiungendo proprio la Fiorentina.

MONTIPO’ 6,5 – Per larga parte del match, per demeriti della Fiorentina che non calcia mai in porta per un’ora intera, lo si vede solo sui retropassaggi dei compagni, quando poi calcia senza fronzoli la palla lunga in avanti. Risulta decisiva una sua parata all’85’ su un tacco di Vlahovic in area, parando di istinto, poi lo aiuta Maggio nel liberare l’area. Secondo clean sheet per lui in serie A dopo la vittoria in casa per 1-0 col Bologna.

LETIZIA 6,5 – Diversamente da altre gare, in questa Letizia gioca più vicino al resto della difesa, e riesce a contenere bene sia Ribery che Biraghi, quando si alternano lì sulla fascia, difatti non lo si vede quasi mai in proiezione offensiva. Esce per un dolore al ginocchio. [dal 66′ MAGGIO 6,5 – Appena entrato si fa subito saltare da Biraghi, e non è un bel biglietto da visita per il “capitano”, successivamente si adegua al “mood” della difesa, restando più attaccato a Glik, ed è decisiva una sua diagonale a liberare l’area dopo l’altrettanto decisiva parata di Montipo’ su tacco di Vlahovic]

GLIK 6,5 – Finalmente si riesce ad ammirare il Glik che Inzaghi aveva individuato quale pilastro utile per la sua difesa. Mette fisico ed esperienza al servizio della squadra e stavolta non incorre nelle consuete sbavature. Un solo appunto se vogliamo, l’ammonizione rimediata per un fallo evitabilissimo.

CALDIROLA 6,5 – La prestazione di un difensore la si deve sempre ricavare da quella del suo avversario, e oggi né Vlahovic (se si eccettua il tacco in area piccola), né Cutrone hanno mai tirato in porta, segno inequivocabile della ottima prestazione del capitano giallorosso.

BARBA 6,5 – L’ultimo arrivato nello scacchiere difensivo giallorosso (in termini di presenze in questo campionato) non fa assolutamente rimpiangere l’assente Foulon e chiude bene tutti i varchi che la Fiorentina cerca di procurarsi da quelle parti. Nella ripresa dà respiro alla retroguardia producendosi anche in qualche rara sortita offensiva.

HETEMAJ 7 – Assolutamente il migliore in campo, sia in fase difensiva sia, nella seconda parte della gara, anche in fase offensiva quando spezza il ritmo viola sulla linea di centrocampo per poi far ripartire velocemente i propri compagni. Si disimpegna bene anche nel dribbling nonostante non sia un suo punto di forza, imprescindibile per il futuro.

IONITA 5,5 – Unico elemento del centrocampo del Benevento che non brilla. Da lui ci si aspetta sempre qualcosa in più perlomeno dal punto di vista fisico e di presenza in campo. Lo si vede a inizio gara quando va al tiro, male, su assist di Sau, e verso la fine in un recupero decisivo sulla trequarti.

SCHIATTARELLA 6 – Alterna momenti in cui appare imprescindibile e molto utile alla squadra, ad altri in cui commette degli errori banali, inaspettati, da uno come lui per classe ed esperienza.

improtaIMPROTA 7 – Ha il merito di aver risolto la gara con un gol bello per esecuzione e precisione e solo per questo merita un voto molto alto. Indipendentemente da ciò, e contrariamente da quando sinora fatto vedere, il ragazzo napoletano è sempre presente nelle azioni pericolose dei sanniti e percorre più e più volte la fascia sinistra. Grande soddisfazione personale per lui, al primo gol in A alla prima presenza da titolare. [dall’82’ TELLO SV]

SAU 6 – Inizia male ma pian piano si riprende e costituisce l’unico riferimento per l’attacco beneventano e l’unico in grado di impensierire (in minima parte) la difesa viola. [dal 46′ INSIGNE 6 – Entra a inizio ripresa e dopo appena 6′ risulta decisivo, intuendo un passaggio errato di Biraghi e con estrema lucidità serve al limite dell’area Improta che poi sfrutta in pieno l’assist. Per il resto normale amministrazione, anche quando non riesce a prendere la porta, dopo un’ottima occasione in area]

MONCINI 6 – Sempre in partita, tenta di impegnare da solo l’intera difesa viola e ci riesce, purtroppo, fino alla conclusione, quando però non riesce a tirare nel modo più appropriato. [dal 78′ LAPADULA 6,5 – Pochi minuti in campo, ma quelli giusti per far entrare in affanno i difensori avversari. Ha anche il tempo, purtroppo, di fallire un gol che sembrava già fatto. Da ricordare anche una qualità che non gli si riconosceva, l’abilità nel calciare le punizioni.]

Il tabellino:
Fiorentina – Benevento 0-1 
Reti: 52′ Improta (B)

Fiorentina (4-2-3-1): Dragowski; Milenkovic, Pezzella, Igor (55′ Lirola), Biraghi; Amrabat (72′ Borja Valero), Duncan (55′ Pulgar); Kouamé (55′ Cutrone), Castrovilli, Ribery (44′ Saponara); Vlahovic.
A disp.: Terracciano, Brancolini; Martinez Quarta, Caceres, Venuti, Barreca, Eysseric.
All.: Prandelli.

Benevento (4-3-2-1): Montipò; Letizia (66′ Maggio), Caldirola, Glik, Barba; Schiattarella, Hetemaj, Ionita; Improta (82′ Tello), Sau (46′ Insigne); Moncini (78′ Lapadula).
A disp.: Manfredini, Lucatelli; Pastina, Basit, Sanogo, Masella, Di Serio.
All.: Inzaghi.

Arbitro: Sig. Davide Ghersini della sezione AIA di Genova.
Assistenti: Sigg. Michele Lombardi della sezione AIA di Brescia e Luigi Lanotte della sezione AIA di Barletta.
Quarto uomo: Sig. Marco Piccinini della sezione AIA di Forlì.
VAR: Sig. Aleandro Di Paolo della sezione AIA di Avezzano.
Assistente VAR: Sig. Stefano Del Giovane della sezione AIA di Albano Laziale.
Ammoniti: 17′ Glik (B); 53′ Letizia (B), 74′ Hetemaj (B), 87′ Biraghi (F), 90’+1′ Lirola (F).
Angoli: 4-4 (Pt 1-0)
Recupero: Pt 2′; St 6′.

L’azione del gol:

52′ Biraghi perde palla sulla sinistra, la conquista Insigne che guarda in mezzo e serve Improta al limite dell’area, l’esterno giallorosso che aveva tagliato in mezzo colpisce al volo e la piazza rasoterra alla sinistra di Dragowski che non ci arriva, 0-1.

CONDIVIDI
Nato a Benevento nel 1983, conclude gli studi superiori con il diploma di Geometra. All'università decide di cambiare completamente campo di studi, assecondando la sua passione di scrivere, iscrivendosi quindi alla triennale di Scienze della Comunicazione a Salerno (e poi alla specialistica all'Università degli studi Suor Orsola Benincasa a Napoli), con l'intenzione di diventare sceneggiatore, giornalista o semplice scrittore. Dal 2011 collabora con SannioSport.it come giornalista sportivo, principalmente seguendo le vicende del Benevento Calcio, ma interessandosi anche di altre squadre e/o categorie sportive. Saltuariamente scrive di altri argomenti anche sul suo blog, o per altri giornali online.