Ciciretti a Sky: l’obiettivo del Benevento, da neopromossa è quello della salvezza

1439

Dopo il gol in Sampdoria – Benevento, le luci della ribalta hanno inevitabilmente illuminato la figura di Amato Ciciretti, numero 10 dei giallorossi. E prima della partita di domani col Bologna, Sky Sport lo ha intervistato nel centro della città, con alle spalle l’Arco di Traiano su questo esordio in serie A e sulla sua carriera.

ciciretti gol sampdoria beneventoGOL ALL’ESORDIO – Ho fatto un gol a giro, controllo di destro e poi ho calciato di sinistro, è stato un bel gol. Non sono mai stato un giocatore a cui piace correre e tutto il resto, sono prevalentemente un ragazzo tecnico e penso che un pochino lo si è visto in quel gol.
Non so se sia il più bello, ma assolutamente penso che sia il più importante perché è arrivato all’esordio in serie A. Sono contento per me, per la mia famiglia, perché sono loro quelli che più mi hanno sostenuto nella mia carriera.

STRAMACCIONI E DE ROSSI – I messaggi che mi sono arrivati e che mi hanno fatto più piacere, oltre a quello di Andrea Stramaccioni, col quale ho un rapporto che va oltre il rapporto giocatore-allenatore, diciamo che per me è una sorta di “fratello maggiore”; mi ha fatto piacere il messaggio di Daniele De Rossi, perché è un simbolo di Roma, e secondo me in parte lo è anche più di Totti, perché lui ha questa grinta, questa voglia che mette in campo che fa vedere proprio il romanista vero.

ciciretti roma beneventoLA ROMA E LA NAZIONALE – La Roma ha sempre puntato su di me, io ho ritardato un pochino nell’uscire,perché comunque Roma non è un ambiente facile, ho un po’ di pazzia nella mia testa per la quale dentro di me deve scattare una molla che è quella di “io voglio fare il calciatore”; è scattata un po’ in ritardo, ma l’importante è che alla fine sono riuscito a venire fuori. Parlare di Nazionale è un po’ presto, un po’ prematuro, però è normale che il pensiero, il sogno rimane e spero che un giorno si possa avverare.

ciciretti beneventoESORDIO IN CASA – La prima in casa me l’aspetto con il nostro pubblico con tante persone sugli spalti, forse non come nella finale dell’anno scorso con il Carpi, ma più o meno sì, abbiamo un pubblico caloroso.
Da neopromossa ci davano già per spacciati, ma abbiamo dimostrato che c’è anche il Benevento e che comunque l’obiettivo nostro è quello della salvezza.

CONDIVIDI
Nato a Benevento nel 1983, conclude gli studi superiori con il diploma di Geometra. All'università decide di cambiare completamente campo di studi, assecondando la sua passione di scrivere, iscrivendosi quindi alla triennale di Scienze della Comunicazione a Salerno (e poi alla specialistica all'Università degli studi Suor Orsola Benincasa a Napoli), con l'intenzione di diventare sceneggiatore, giornalista o semplice scrittore. Dal 2011 collabora con SannioSport.it come giornalista sportivo, principalmente seguendo le vicende del Benevento Calcio, ma interessandosi anche di altre squadre e/o categorie sportive. Saltuariamente scrive di altri argomenti anche sul suo blog, o per altri giornali online.