Il Carpi beffa il Benevento nel recupero, finisce 2-2. Si salvano in pochi, tra cui il solito Coda.

86

Carpi Benevento finisce 2-2, ma fino all’85’ i giallorossi avevano meritato di essere sul 2-0. Bene Montipo’ alla sua prima da titolare, ottimo Coda; centrocampo a cui non giova il passaggio dal 4-3-3 al 3-5-2. Decisivi gli infortuni di Costa e Di Chiara che hanno costretto Bucchi ad effettuare due cambi prima del secondo tempo. I giallorossi hanno sicuramente un problema di gestione della gara, e una volta subita la prima rete, non riesce minimamente a riaggiustare la situazione.

MONTIPO’ 6,5 – Prima da titolare per l’ex Novara che si fa trovare pronto, sia in uscita alta che in quelle basse, reattivo sulle conclusioni da fuori e anche sui rapidi contropiedi del Carpi. Nel finale di gara subisce due gol sui quali ha relative colpe solo sul primo, respingendo con la palla già al di là della linea di porta.

VOLTA 5,5 – Si fa beffare più volte dalla velocità e dalla tecnica di Arrighini a cui nel finale permette anche di effettuare l’assist per il 2-2 di Vano.

BILLONG 5,5 – Anche lui si trova in difficoltà alle prese con Concas e Arrighini. Fateci caso: sul 2-2 appena la palla arriva a Vano, ancor prima che finisse in porta, il centrale francese già si mette le mani nei capelli invece di provare a intervenire.

benevento

COSTA SV – Torna titolare dopo la sconfitta casalinga contro il Foggia, ma esce immediatamente fuori dalla contesa per un infortunio. [dal 7′ pt DI CHIARA 6 – Entra a freddo per sostituire Costa, non si comporta male, ma fa la stessa fine del compagno, venendo sostituito a sua volta a inizio ripresa; dal 1′ st SPARANDEO 5,5 – L’anno scorso mezz’ora in serie A per il debutto contro la Spal, oggi 45′ recupero per il debutto in B, viene ammonito e rischia anche il secondo giallo.]

GYAMFI 4,5 – Terza di fila da titolare per il giovane ghanese, prima come esterno di centrocampo nel 3-5-2 poi nella ripresa retrocede sulla linea dei centrali difensivi per il cambio modulo al 5-4-1, ma va in difficoltà con l’entrata di Machach che fa quello che vuole. Prima del 2-2 invece di passare dietro per una ripartenza dalle retrovie, prova a mandare avanti la palla che viene poi intercettata per il successivo pareggio del Carpi.

TELLO 5 – Senza infamia e senza lode, fa veramente poco, a parte una spizzata di testa in area per il tiro di Asencio nel primo tempo. Viene anche ammonito.

VIOLA 5 – Ancora una volta siamo alle prese con la brutta copia del Viola che tanto si era fatto ammirare nella massima serie. Torna a giocare da regista, ma realizza una gara impalpabile sulla quale non riesce a lasciare il segno neanche su calcio da fermo. Prova un destro da fuori area nel primo tempo e niente più.

BANDINELLI 5 – Anche lui non riesce a venire fuori dall’inconsistenza del centrocampo giallorosso, nonostante ai tre centrocampisti quest’oggi sono stati affiancati due esterni alti.

LETIZIA 6 – Sente particolarmente questa gara essendo il grande ex, gioca a sinistra come esterno di centrocampo e come sempre si dimostra volenteroso e al servizio della squadra. Trova il gol del vantaggio su una azione rocambolesca, si fa male sul gol di Concas, esce lasciando momentaneamente i suoi in 10, ma poi dopo essere stato medicato, ritorna in campo. Inevitabilmente non riesce a coprire sul 2-2 di Vano.

ASENCIO 6 – Lo spagnolo, alla terza presenza da titolare, tutte in trasferta, dimostra di trovarsi bene sia come centrale offensivo che dialogando con il compagno di reparto Coda, sfiora il gol verso la fine del primo tempo. [dal 28′ st BUONAIUTO 6 – Scampolo di partita per lui, si rende pericoloso in due occasioni mettendo in apprensione Colombi prima con una conclusione da destra, e poi una dalla sinistra]

CODA 7 – Deciso come non mai a trovare la gioia personale nel giorno del suo compleanno, ci prova di destro e di sinistro, su azione e su calcio da fermo, alla fine ci riesce con una delle sue specialità, il calcio di rigore decretato per fallo di mano di Sabbione. Uno dei migliori in questa stagione che finora ha regalato alti e bassi a tutta la squadra giallorossa.

CONDIVIDI
Nato a Benevento nel 1983, conclude gli studi superiori con il diploma di Geometra. All'università decide di cambiare completamente campo di studi, assecondando la sua passione di scrivere, iscrivendosi quindi alla triennale di Scienze della Comunicazione a Salerno (e poi alla specialistica all'Università degli studi Suor Orsola Benincasa a Napoli), con l'intenzione di diventare sceneggiatore, giornalista o semplice scrittore. Dal 2011 collabora con SannioSport.it come giornalista sportivo, principalmente seguendo le vicende del Benevento Calcio, ma interessandosi anche di altre squadre e/o categorie sportive. Saltuariamente scrive di altri argomenti anche sul suo blog, o per altri giornali online.