Benevento Juventus nel segno di Imbriani, ecco l’iniziativa della Curva Sud

41

Sabato 7 aprile andrà in scena al “Vigorito” una partita storica: Benevento – Juventus.

beneventoLa nostra iniziativa, denominata #ImbrianiNonMollare, prevede una coreografia “d’impatto” nella Sud, con bandierine che riportano i nostri colori e la figura del nostro eterno capitano, Carmelo Imbriani.

Lo scopo del nostro progetto ha una duplice finalità:

  •          reperire fondi per finanziare una parte delle iniziative dell’associazione “Imbriani  non mollare”;
  •            colorare ogni settore dello stadio.

Il costo simbolico di ogni bandierina è di € 1,50,sono già disponibili e possono essere esposte anche in altri settori dello stadio.

Le bandierine possono essere acquistate:

  1.         presso la PublikCenter di via Massimo D’Azeglio con orari che vanno dalle 9 alle 13 e  dalle 16 alle 24;
  2.       .   attraverso i nostri incaricati che gireranno per la città muniti di regolare tesserino;
  3.           il giorno della partita in prossimità delle rampe di accesso alla curva Sud.

Sicuramente Carmelo avrebbe voluto vivere questo momento insieme a noi, ci è sembrato giusto e doveroso renderlo visibile attraverso una grafica che ne catturi l’essenza da calciatore.

benevento

Oggi Giampaolo, il fratello di Carmelo, gira il mondo per cercare di diffondere i valori legati alla figura di Imbriani, realizzando delle iniziative a scopo benefico in diverse realtà:

“…mio fratello sognava un calcio diverso, aveva un’idea di sport che ha fatto fatica a trovare nel mondo del calcio e, probabilmente, la cosa che lo ha più riempito di orgoglio nella sua carriera è stata quando, dall’ ospedale, ha letto su un giornale che tifoserie avversarie si erano unite nello stesso messaggio per lui: “Imbriani Non Mollare”.

Carmelo non giocava a calcio come Maradona né, tanto meno è diventato un personaggio mediatico al di fuori del rettangolo di gioco, eppure in tantissimi lo hanno sostenuto in campo e sugli spalti con maglie e striscioni; da Napoli a Torino, da Benevento ad Avellino, passando anche per i campetti di periferie delle isole.

Gesti che hanno dimostrato come, un uomo può lasciare un segno importante anche senza segnare il goal dell’ultimo minuto alla finale di un mondiale. Come il sogno di tanti bambini…

Non mi illudo certo di poter cambiare il mondo dello sport, ma se riuscissi a trasmettere ai bambini che si avvicinano per la prima volta ad una qualsiasi disciplina i valori che Carmelo ha lasciato in questa storia magari, tra 10 o 20 anni, la mia famiglia avrà la grande soddisfazione di sapere che alcuni di loro sono cresciuti con gli insegnamenti trasmessi da Carmelo Imbriani.

Allo stesso modo, Sofia e Fernando, erediterebbero – in una ideale ricongiunzione – l’educazione che Carmelo non è riuscito a trasmettergli.

IL TUO CONTRIBUTO VALE DOPPIO.

Coloriamo ogni settore!