Probabili formazioni – Benevento d’assalto. Gattuso: scelte obbligate in difesa

253

I due anticipi dell’ultimo turno del girone di andata hanno riservato due pareggi e nessun gol su azione. Dopo lo zero a zero del mercoledì al Picco di La Spezia tra i bianconeri di Di Carlo e il Vicenza, ieri è toccato a Bari e Spal dividersi equamente la posta in palio al San Nicola grazie ai gol di Antenucci e Maniero dagli undici metri. Lo spezzatino della B oggi prevede gare a partire dalle 15 fino ad arrivare alla scorpacciata delle 20.30 della quale fa parte anche il confronto del Vigorito tra il Benevento e il Pisa. Per i giallorossi l’occasione di agganciare proprio la Spal al terzo posto della graduatoria è ghiottissima, se non altro per chiudere in bellezza un 2016 ricco di straordinarie soddisfazioni. Dall’altra parte il Pisa di Gattuso va a caccia di punti preziosi per una salvezza che prima dell’arrivo della nuova proprietà era destinata a diventare col passare dei giorni un vero e proprio miraggio. Le due squadre non arrivano all’appuntamento di chiusura dell’anno solare nel migliore dei modi a causa di infortuni e condizione fisica precaria di alcuni elementi considerati imprescindibili per i due tenici. Andiamo ad analizzare nel dettaglio la situazione dei due spogliatoi.

benevento-vs-pisaQui Benevento – Marco Baroni avrebbe voluto avere qualche problema di abbondanza in più per sferrare l’attacco alla decima vittoria in campionato, ma dovrà fare a meno di Ciciretti (squalificato e infortunato) e Lopez, ormai lungodegente, potendo contare sì su Buzzegoli, ma solo a mezzo servizio. Difficile che uno degli ex di giornata possa partire nell’undici titolare a causa dell’infiammazione al ginocchio che lo sta tartassando da ormai diverse settimane. Il modulo-base dovrebbe rimanere il 4-2-3-1 con Cragno in porta alle spalle della difesa composta da Venuti, Camporese, Lucioni e Pezzi. A centrocampo accanto a Chibsah agirà Del Pinto a fare da cerniera tra la retroguardia e i tre trequartisti che saranno Cissé a sinistra, Falco al centro e Melara che a questo punto – complice l’assenza di Ciciretti – potrebbe tornare a destra, suo habitat naturale lo scorso anno in Lega Pro. L’unica punta sarà Fabio Ceravolo, alla ricerca del più classico dei gol dell’ex.

pisa-vs-beneventoQui Pisa – E se Ceravolo avrà tutte le intenzioni di far male alla squadra di Gattuso, nel Pisa c’è un altro ex di lusso che punta a “ricambiare” il favore. Si tratta di Umberto Eusepi (ne abbiamo parlato ampiamente qui ieri) che sarà supportato nel tridente offensivo nerazzurro da capitan Mannini e da Peralta. Il 4-3-3 di “Ringhio” prevede scelte obbligate in difesa dove sono a disposizione soltanto 5 elementi di ruolo di cui quattro andranno in campo. Bisognerà stare attenti dunque a qualsiasi inconveniente, perché in caso di emergenza in panchina l’unico pronto ad entrare sarebbe il giovane della Primavera, Salvi. La linea a quattro davanti ad Ujkani vedrà la partecipazione di Golubovic, Del Fabro, Fautario e Longhi; in mediana il perno centrale Di Tacchio sarà affiancato da Verna sul centrodestra e Sanseverino sul centrosinistra chiamati a neutralizzare il centrocampo giallorosso e al contempo a rifornire il tridente citato in apertura. Il Pisa ha un grosso problema, che è quello del gol: i toscani non segnano da oltre un mese. Era il 26 novembre quando all’Arena Garibaldi a pagarne le conseguenze fu il Trapani del tecnico Cosmi, esonerato pochi giorni dopo.

CONDIVIDI
Classe '90, beneventano dentro e fuori dal campo. Pubblicista dal 2012, laureato in Scienze della Comunicazione. Dal 2009 al seguito dei colori giallorossi con un pc sottobraccio. La B un sogno realizzato, ma non c'è conquista più bella di quella che deve ancora arrivare...