Le pagelle – Un giallorosso cambia la partita. Ceravolo: Bene…venti!

377

Cragno 6,5: Pochi interventi di spessore, ma quello su Manaj al 22’della ripresa è decisivo per tenere in ghiaccio il momentaneo 2-0.

Gyamfi 6: Si propone nell’asse inedita con Pajac e in fase difensiva tiene tutto sommato bene Mannini, il cliente più scomodo tra gli avversari. Proprio quella marcatura gli costa un giallo al 29′, ma poi tiene i nervi saldi.

Camporese 6,5: Gara accorta del centrale toscano che a parte un disimpegno azzardato è impeccabile anche in fase offensiva. Deve solo aggiustare la mira quando stacca di testa sotto porta, ma magari ci riuscirà nei play off.

Lucioni 7: L’impressione è che sui calci d’angolo sia lui che Camporese possano far male alla porta di Cardelli. Bravo ad uscire spesso elegantemente dalla sua area palla al piede districandosi egregiamente tra Manaj e Varela.

Lopez 6,5: Tanta sostanza, a tratti anche un po’ di imprecisione, ma nelle fasi calde della partita fa sentire la sua presenza contribuendo alla vittoria. Suo l’assist per il gol di Puscas che sblocca il risultato.

Pajac 6: Si riprende col passare dei minuti dopo un primo tempo incolore nel quale fallisce anche la mira da buona posizione su assist di Puscas. I cross sono il suo forte, dovrebbe provare a metterne di più. (dal 13’st De Falco 6: Lui e Viola parlano la stessa lingua. Da quando entra in campo il pallone a centrocampo è in ghiaccio)

Viola 6,5: Non gioca la partita a cui ci ha abituati nelle ultime tre settimane, ma mette ordine e soprattutto evita un giallo che si sarebbe rivelato molto pesante ai fini della sua presenza ai play off. (dal 39’st Pezzi s.v.: Entra per infoltire i ranghi ma anche per tenere in salvo Viola da un’ammonizione eventualmente pesante)

Chibsah 6: Gioca un tempo senza infamia e senza lode, arricchito – oltre che dall’interdizione – anche da qualche sbaglio in appoggio e da inserimenti sporadici. Poi esce a causa di un problema fisico. (dal 3’st Falco 7,5: Cambia la partita e la illumina con una perla d’autore. Il passo è nettamente diverso rispetto a quello degli altri, e unito alla classe fa la differenza)

Eramo 6: Tanti errori nella sua partita che inizia ricoprendo il ruolo di esterno e prosegue anche in quello di centrale al momento dell’ingresso di Falco. Ma in una notte così positiva per la squadra, impossibile andare sotto la sufficienza.

Puscas 6,5: La butta dentro e ha ragione lui, anche perché ha una media realizzativa di tutto rispetto. Secondo gol consecutivo, nuovamente molto prezioso dopo quello col Frosinone.

Ceravolo 7: Mezzo voto in più per la Belva che riesce a mettere il classico ombrellino nel drink e a laurearsi il primo tra i marcatori “normali” di serie B. Dopo Pazzini, c’è lui. Venti centri in campionato, un trionfo che condivide volentieri con la squadra.

L’allenatore, Marco Baroni 6,5: Sceglie Pajac dal primo minuto per premiarlo dopo l’ottimo inserimento col Frosinone. Getta nella contesa Falco al momento giusto, toglie Viola per gestirlo. Il suo Benevento non ha niente meno delle altre pretendenti inserite nella griglia play off, ma non c’è tempo per rifiatare. Il sogno passa per la notte da dentro o fuori con lo Spezia

CONDIVIDI
Classe '90, beneventano dentro e fuori dal campo. Pubblicista dal 2012, laureato in Scienze della Comunicazione. Dal 2009 al seguito dei colori giallorossi con un pc sottobraccio. La B un sogno realizzato, ma non c'è conquista più bella di quella che deve ancora arrivare...