La Nemesi Castellammare di Stabia espugna il Palaiadonisi

211

L’Accademia volley non riesce a piegare la formazione stabiese che si conferma terza forza del campionato dietro Arzano e Volley Skylo.
Il derby campano vede un inizio spumeggiante da parte beneventana che domina con un allungo iniziale importante, ridotto a metà set, gestito alla grande da Principe e compagne fino al termine chiuso 25 a 20.
Al cambio campo le ospiti prendono le misure ma sono ancora le giallorosse ad iniziare con un certo vantaggio, fino al 16-15. La Nemesi allunga fino al 23-22 per cedere due punti all’Accademia che spreca il primo set point. Poi inizia una serie infinita di punto a punto, fino all’ace di Lauro sul 32 a 30.
L’Accademia accusa il colpo ma non perde contatto con l’incontro che continua sull’equilibrio che nel terzo set si spezza solo nel finale quando le stabiesi chiudono 25 a 22.
Il quarto set è quello da armi deposte; il paziale di 25 a 14 non ammette repliche.
Ma è sul secondo set che c’è molto da recriminare. Più di un errore arbitrale, a danno dell’Accademia, non ha consentito alle padrone di casa di poter prima allungare e poi chiudere il set a proprio favore.
Anche se è sempre meglio guardarsi dentro e cercare i veri motivi di una sconfitta che è venuta fuori più dagli errori delle giallorosse che dalla forza della Nemesi; più dall’incostanza del rendimento beneventano che dal tasso tecnico ospite.
Vero è che il Castellammare è terzo e l’Accademia è alla ricerca di una propria identità, anche se proprio dal proposito di un campionato tranquillo dovrebbe venir fuori il meglio da ogni atleta; ma questo è smentito dal risultato in campo e dai volti non certo mortificati al termine di una sconfitta importante come quella appena subita; così come dai volti sorridenti delle atlete al termine di punti persi.
Domenica prossima, nell’ultimo impegno agonistico del 2010, l’Accademia Volley sarà ospite dell’Asci Potenza in una gara da vincere a tutti i costi per rimanere agganciata alle zone alte della classifica.

CONDIVIDI