Insieme per qualcosa di unico e… inimitabile

175

14808744_10209516227335601_1410047718_o La parete sinistra della sala conferenze è completamente dedicata alle imitazioni. Ne sono tante, tantissime, tutte miseramente fallite. Sul tavolo, davanti ai relatori, campeggia invece qualcosa di inimitabile. Strega Alberti, fin dalla sua fondazione, si è sempre posta l’obiettivo di racchiudere la storia in una bottiglia, ma stavolta si direbbe che ha addirittura esagerato. La B del Benevento e il Liquore “principe” del Sannio, insieme, fanno la differenza. A rimarcarlo è lo stesso presidente di Strega Alberti, Giuseppe D’Avino: “Siamo stati ben lieti di dedicare all’impresa della squadra giallorossa una bottiglia celebrativa. La nostra partnership torna viva dopo circa un ventennio, ma anche all’epoca, nel ’94, raggiungemmo insieme qualcosa di straordinario come la riconquista della serie C. Ora l’asticella si è un po’ alzata, ma le sfide ci piacciono da morire e non ci tireremo indietro neanche davanti a questa”. Parole importanti che fanno da sfondo a una mattinata all’insegna della tradizione. Alle spalle del tavolo che ospitava i relatori una serie di macchinari d’epoca, di spezie e ingredienti utilizzati nella produzione sono stati la cornice ideale per unire ciò che fu, ciò che è e ciò che sarà. Per tracciare sì le ambizioni della storica azienda, ma anche per farle collimare con quelle calcistiche del Benevento Calcio. L’assenza del presidente Oreste Vigorito è stata colmata da Ferdinando Renzulli: “Rispetto agli anni scorsi le partnership legate alla nostra squadra sono cresciute a dismisura anche in termini economici. E’ il comprensibile effetto della conquista della B, ma anche la testimonianza di un avvicinamento delle imprese alla nostra realtà che è in linea con i requisiti e gli obiettivi della Lega B”. Gli sponsor sulla maglia (oltre al fornitore Frankie Garage), come noto, sono tre: accanto all’Ivpc e a Liquore Strega sulla parte anteriore, si nota Rillo Costruzioni su quella posteriore. Ed è stato proprio Fulvio Rillo ad “accogliere” il ritorno di Strega Alberti nel panorama calcistico sannita: “La bontà della famiglia Vigorito ha fatto sì che potesse succedere, insieme alla voglia di collaborazione dei vertici di Alberti. Possiamo dire di essere ormai una famiglia di sponsor principali, e questo è un orgoglio per noi e credo anche per lo stesso Benevento Calcio”. Presenti anche Ceravolo, Melara e Camporese che hanno scattato foto e firmato autografi ai presenti posando anche da modelli con tanto di maglia ufficiale e bottiglia tra le mani. “Questo prodotto sta facendo già il giro del mondo con richieste da ogni angolo del pianeta”, ha concluso Antonio Savarese, vicepresidente di Strega Alberti. Le imitazioni, tante e miseramente fallite, sono in fuorigioco. La beneventanità in una bottiglia: qualcosa che più unico proprio non si può.

CONDIVIDI
Classe '90, beneventano dentro e fuori dal campo. Pubblicista dal 2012, laureato in Scienze della Comunicazione. Dal 2009 al seguito dei colori giallorossi con un pc sottobraccio. La B un sogno realizzato, ma non c'è conquista più bella di quella che deve ancora arrivare...