Frosinone, Brighenti: “Contro il Benevento molto dipenderà da noi”

93

brighentiConferenza stampa infrasettimanale in casa Frosinone. A Parlare è il difensore centrale Nicolò Brighenti, il cui impiego è ancora considerato a rischio a  causa di un problema alla spalla. Il centrale ex Vicenza ha fatto il punto della situazione anche in relazione al suo problema personale: “E’ qualcosa con cui dovrò convivere per il resto della stagione, potrei anche operarmi ma non mi converrebbe in questo momento del campionato. Purtroppo la spalla mi esce spesso e stiamo lavorando duramente per renderla più stabile per poi procedere all’operazione a fine stagione”. 

Verso il Benevento – Marino contro il Trapani ha schierato a sorpresa la difesa a tre, eventualità che potrebbe ripetersi con il Benevento. “Al di là dei numeri credo sia importante il nostro atteggiamento e il nostro modo di scendere in campo. Le nostre giocate sia in fase difensiva che offensiva restano le stesse a prescindere del modulo. Personalmente credo che giocare a 3 o 4 in difesa cambia poco perchè le nostre giocate restano più o meno le stesse. La gara di sabato? E’ una partita importante ma credo che dipenderà molto da noi. Se scendiamo in campo con la mentalità giusta mettiamo in difficoltà tutti”

Insidie – “Il Benevento è una squadra forte e sarà una gara difficile ma ripeto dipenderà molto da noi stessi. A Frosinone mi trovo bene, in un gruppo molto unito e molto propenso al lavoro. La serie B è un campionato molto livellato. Spesso e volentieri abbiamo preso dei gol evitabili su nostre disattenzioni e questo dobbiamo migliorarlo se vogliamo continuare a disputare un torneo di vertice. In certe situazioni per un motivo per l’altro ci facciamo prendere leggermente dall’ansia e cerchiamo subito la giocata mentre siamo una squadra pericolosa quando giochiamo di fraseggio”

CONDIVIDI
Classe '90, beneventano dentro e fuori dal campo. Pubblicista dal 2012, laureato in Scienze della Comunicazione. Dal 2009 al seguito dei colori giallorossi con un pc sottobraccio. La B un sogno realizzato, ma non c'è conquista più bella di quella che deve ancora arrivare...