Campana Futsal: Vittoria sul San Nazzaro e passaggio al 2° turno di Coppa.

4

Lo scorso sabato la Campana Futsal ha vinto 3-1 con la Virtus San Nazzaro (reti grigionere di Della Marca, aut. Pedicino, Pallotta), e con la vittoria ha superato a punteggio pieno il minigirone a tre che vedeva partecipare anche i Sanniti Five Soccer. Dopo un primo tempo in cui abbiamo visto entrambe le squadre equivalersi fino al gol sblocca risultato di Della Marca, anche nella ripresa la gara è stata in bilico, prima per via del rigore sbagliato da Muscetti che poteva portare la Campana subito sul 2-0, ed anche perché il San Nazzaro è stato in gioco fino a quando i grigioneri non hanno messo a segno un 1-2 che ha spezzato le gambe agli ospiti. A salire in cattedra propiziando l’autorete del secondo gol e mettendo poi la firma sul terzo ci ha pensato Lucio Pallotta

Pallotta

A questo punto la domanda tra il serio e il faceto è la seguente: perché non ci hai pensato prima?

Non ci ho pensato prima perché la sorte non era dalla nostra parte: potevamo chiudere la partita con il rigore di Muscetti a inizio secondo tempo e poi con azioni di contropiede non concluse nel migliore dei modi. Fortunatamente poi con il contropiede mio e di Solinas abbiamo portato la partita in discesa e con il terzo gol abbiamo sigillato il passaggio del turno.
Essendo stato un recente ex del San Nazzaro, come ti sei sentito nello spegnere di fatto i sogni qualificazione dei tuoi ex compagni?
Sì è vero sono stato un giocatore del San Nazzaro, ma nel segnare ho provato solo gioia nei confronti dei miei attuali compagni e soprattutto nella dirigenza perché si impegna davvero tanto per la squadra e non fa mancare nulla a noi giocatori; è difficile trovare dei dirigenti e una società di questo calibro a questi livelli per questo il dispiacere di segnare alla mia ex squadra è passato in secondo piano. 
La vittoria ha portato la Campana a qualificarsi per il secondo turno di coppa valevole per gli ottavi di finale contro il Futsal Marello, cosa pensi di questa squadra al netto di quella che è la forza del gruppo della Campana? E’ possibile passare il turno è puntare a fare bene anche in coppa oltre che al già prefissato obiettivo campionato?
Penso che siamo un ottimo gruppo, ci manca solo un po’ più di amalgama, e quella viene solo con il tempo, siamo solo alla seconda partita di quest’anno, quindi penso che ne abbiamo di partite per migliorare ancora. C’è da dire che siamo in fase di preparazione quindi le nostre gambe non girano come dovrebbero e come vorremmo, comunque penso che abbiamo tutte le carte in tavola per fare bene contro il Marello è di conseguenza continuare a fare bene in coppa.
De Cicco

Ad impedire velleità di rimonta al San Nazzaro, ci ha pensato sicuramente l’arcigna difesa grigionera, quest’oggi con a capo, tra i pali, Alessandro De Cicco che ha sostituito in campo il collega di ruolo Vincenzo Martini, titolare nel derby contro i Sanniti.

Alessandro, quella contro il San Nazzaro è stata la tua prima partita da titolare di questa stagione, una partita in cui sei risultato uno dei migliori in campo, impedendo agli avversari, che pure si erano comportati bene nella prima giornata di coppa contro i Sanniti, di trovare la via della rete, alla fine arrivata solo per una rocambolesca deviazione. Ti aspettavi un esordio simile?

Innanzitutto ti ringrazio per le belle parole, ma è stata tutta la squadra che ha svolto a pieno il proprio compito; sì era la mia prima partita quest’anno, ed essendo quindi un esordio ci tenevo particolarmente a fare bene, ho voluto dimostrare sul campo il mio valore e così facendo magari mi sono anche tolto qualche sassolino dalla scarpa.
A differenza di Martini, tu sembri svolgere diversamente il ruolo di portiere, cercando di far tua tutta l’area, arrivando anche a pressare sotto sotto gli avversari, insomma cerchi di essere interprete anche di una difesa attiva, e non solo passiva respingendo i tiri avversari. 
Esattamente, perché in questo sport il modo di parare è diverso rispetto al calcio a 11, quindi si rende necessario per l’estremo difensore non restare sempre e solo tra i pali, ma dare una mano alla squadra, sia per intimorire gli avversari, sia per dare un’opportunità in più di gioco ai compagni. Riguardo la possibile concorrenza tra portieri, devo dire che non ho nulla contro il modo di parare di Vincenzo che per me oltre che un compagno di squadra è anche un amico che stimo.
Ora la ripresa della Coppa avverrà con gli ottavi di finale nel doppio confronto contro il Futsal Marello contro cui avevate giocato già nella scorsa stagione, pensi che sarà solo un modo per avere un confronto più pertinente per l’inizio del campionato, o ci tenete a fare bene anche per il prossimo turno? Credi che la squadra abbia le carte in regola per puntare ad andare avanti il più possibile anche in Coppa?
Sia io che i miei compagni ci teniamo a dare il massimo in ogni partita, sicuramente nessuno di noi vuole perdere, e quindi daremo il massimo sia in coppa che in campionato. Mi auguro infine che la Campana possa arrivare alle Final Four di Coppa perché sarebbe davvero un bel traguardo.
CONDIVIDI
Nato a Benevento nel 1983, conclude gli studi superiori con il diploma di Geometra. All'università decide di cambiare completamente campo di studi, assecondando la sua passione di scrivere, iscrivendosi quindi alla triennale di Scienze della Comunicazione a Salerno (e poi alla specialistica all'Università degli studi Suor Orsola Benincasa a Napoli), con l'intenzione di diventare sceneggiatore, giornalista o semplice scrittore. Dal 2011 collabora con SannioSport.it come giornalista sportivo, principalmente seguendo le vicende del Benevento Calcio, ma interessandosi anche di altre squadre e/o categorie sportive. Saltuariamente scrive di altri argomenti anche sul suo blog, o per altri giornali online.