Campana Futsal in crisi: il vicepresidente Michele Formichella analizza la situazione

94

Questa settimana la Campana Futsal usufruisce di un turno di riposo, alla luce delle tre sconfitte consecutive (due col Futsal Marello, in coppa e in campionato, e l’ultima in casa col Pontelandolfo la scorsa settimana), abbiamo intervistato Michele Formichella, vicepresidente dei grigioneri, per analizzare il momento attuale.

campana futsal
La formazione scesa in campo contro il Pontelandolfo

Michele, cosa è cambiato in seno alla squadra dopo il buon inizio di stagione nel girone di coppa?

Non è cambiata la squadra, sono cambiati gli avversari: senza togliere nulla a Sanniti e San Nazzaro, le ultime due squadre affrontate hanno dimostrato di essere davvero molto forti e sicuramente condurranno un campionato di vertice.
Contro il Pontelandolfo, a noi è mancato certamente qualcosa nell’approccio alla gara, cosa che poi ci ha costretto sempre a rincorrere il risultato degli avversari, mettendoci in una posizione dispendiosa sia a livello fisico che mentale. Sono sicuro che i ragazzi e lo staff tecnico sapranno uscire da questa “falsa partenza” nel miglior modo possibile.
Hai assistito dagli spalti alla partita, ti sei fatto un’idea su cosa si deve migliorare nella squadra, e cosa c’è da “salvare”?
Rubo un termine al mio mondo, quello della produzione vinicola: quello che serve è creare il giusto “terroir” che possa esaltare il gioco della Campana e le caratteristiche migliori del mister Ficociello e dei suoi ragazzi, e la società in questo senso si sta muovendo cercando di creare le condizioni affinché ci sia uno spirito di gruppo e di coesione ancor più forte e proficuo.
Il vicepresidente della Campana Futsal, Michele Formichella

Tenendo conto del turno di riposo, per il possibile riscatto per uscire dalla crisi bisognerà aspettare due settimane. La pausa farà bene, servendo a riordinare le idee tra i giocatori, o sarebbe stato meglio rimettersi immediatamente in gioco?

La sosta capita in questo momento particolare e so che i ragazzi sicuramente avrebbero preferito giocare subito per ottenere un immediato riscatto sul campo ma forse è stato meglio così perché chi è alle prese con piccoli acciacchi potrà allenarsi con tranquillità e recuperare per poter essere poi a disposizione per la ripresa del campionato.
Rispetto alle aspettative di inizio stagione, e l’andamento attuale della squadra, qual è il tuo pronostico per il prosieguo dell’annata?
Dopo la sosta ci sarà il rientro tra i disponibili del capitano De Angelis che, insieme a Pino Muscetti, ritengo sia tra i migliori motivatori nel gruppo. Ho molta fiducia nel mister e nel gruppo di atleti, perché il primo punta ad ottenere il risultato attraverso un gioco di qualità, rapido e aggressivo, i secondi hanno doti umane e calcettistiche che possono portare a risultati importanti; insomma per il futuro sono ottimista.
CONDIVIDI
Nato a Benevento nel 1983, conclude gli studi superiori con il diploma di Geometra. All'università decide di cambiare completamente campo di studi, assecondando la sua passione di scrivere, iscrivendosi quindi alla triennale di Scienze della Comunicazione a Salerno (e poi alla specialistica all'Università degli studi Suor Orsola Benincasa a Napoli), con l'intenzione di diventare sceneggiatore, giornalista o semplice scrittore. Dal 2011 collabora con SannioSport.it come giornalista sportivo, principalmente seguendo le vicende del Benevento Calcio, ma interessandosi anche di altre squadre e/o categorie sportive. Saltuariamente scrive di altri argomenti anche sul suo blog, o per altri giornali online.