Benevento: addio Nocerina, comincia un nuovo campionato

189

logo_lega_proIl Benevento riprende oggi gli allenamenti con la consapevolezza che sta per cominciare un nuovo campionato. La sconfitta di Siracusa, con il contemporaneo blitz esterno della capolista Nocerina, chiude di fatto ai sanniti le porte della promozione diretta. Lo dice la classifica, ma lo sentenzia soprattutto il cammino, e la continuità delle prestazioni, delle due compagini campane. Nelle restanti dodici giornate di campionato, dunque, ai ragazzi di Galderisi non resta che certificare la partecipazione, per il terzo anno consecutivo, agli spareggi promozione della post season. In quest’ottica, la classifica dei giallorossi regala ancora prospettive rosee. La sconfitta casalinga dell’Atletico Roma, infatti, mantiene gli stregoni in piena corsa per la conquista di quel secondo posto potenzialmente decisivo per la promozione. Dietro, però, comincia a farsi spazio la Juve Stabia, da tempo ormai stabilmente in zona playoff. La cifra tecnica del Benevento autorizza speranze ed ambizioni.

Ma prestazioni come quelle di Siracusa non possono certo ripetersi. E nel Sannio, tifosi e stampa, continuano ad interrogarsi sulle scelte di formazione compiute dal trainer salernitano in terra siciliana. In particolare, ha destato parecchio stupore la decisione di relegare in panchina sia Grauso che Bianco, sempre preziosissimi in mezzo al campo e sempre all’altezza delle aspettative. Una scelta discutibile anche perchè i sostituti fino ad ora non avevano certo brillato. Pacciardi è alla perenne ricerca di una condizione apprezzabile, Vacca è molto più trequartista che mediano e soffre particolarmente questa posizione. Probabile che Galdersi abbia tentato di rilanciare entrambi, esperimento fallito e non più proponibile. L’altra sorpresa di giornata è stata l’esclusione di Clemente. Il capitano giallorosso, tra l’altro a segno nell’ultima sfida interna con l’Atletico Roma, resta l’attaccante più prolifico e pericoloso dei sanniti. La scelta di Bueno ci stava, ma l’indiziato a fargli posto era Evacuo, sempre al di sotto delle aspettative. Si riparte da questi errori, da una sana autocritica e, paradossalmente, da una maggiore serenità.

Da domenica si scende in campo liberi dall’ansia Nocerina. L’inseguimento impossibile, tale si è rivelato. Il Benevento può ricominciare dal Benevento. Pensare solo ed esclusivamente alla propria prestazione e al proprio risultato. Molto dipenda da Galderisi. Le critiche per la prima sconfitta della sua gestione lo aiuteranno a capire la piazza beneventana. Nanu, comunque, riparte dalla stima che nei suoi confronti nutrono tifosi e società. E soprattutto, riparte da una rosa per la prima volta al completo dall’inizio della stagione. E’ il momento delle scelte. In questi mesi il Benevento deve costruire la propria identità in vista dei playoff. Si giocheranno a maggio: anche il tempo è a favore di Galderisi.

 

Tuttolegapro

CONDIVIDI