Baroni: “Vittoria preziosa”. E poi dice chi gli è piaciuto di più

353

baroniC’è soddisfazione in casa giallorossa per il ritorno alla vittoria. A testimoniarlo sono le parole di Marco Baroni che cercava il successo che mancava da ormai troppo tempo. Queste le dichiarazioni dell’allenatore giallorosso:

Analisi – “Non voglio commentare le parole di Di Carlo. Porto sempre grande rispetto per la partita e per gli avversari. Lui è un grande professionista che allena una squadra molto forte, avevamo bisogno di una prestazione ruvida e di vigore. Occorreva questo tipo di gara da parte nostra, abbiamo condotto la partita benissimo ma sono molto arrabbiato per l’ultimo calcio di punizione. Tolta quella situazione lì abbiamo giocato molto bene. Mi è piaciuta la posizione di Ciciretti a sinistra, anche se so che non è la sua fascia di competenza. Gyamfi? Non avevo dubbi che facesse bene, ma sapevo che non avesse una gran tenuta in questo momento, anche se stavo per cambiare Venuti e sono contento che Bright mi abbia chiesto il cambio evitando la frittata. Stavamo diventando una squadra bellina, ma non serve essere bellini per far strada in B”.

Ceravolo e la profondità – “Avevo chiesto a Fabio di attaccare la profondità. Buzzegoli lo ha lanciato spesso, ma in quelle occasioni è mancato un po’ Falco che deve migliorare in certe situazioni, ma siamo in tempo per crescere da questo punto di vista. Forse oggi nel primo tempo abbiamo un po’ esagerato nella palla in verticale, ma forse era necessario eliminare un po’ del fraseggio infruttuoso visto a Trapani. Dobbiamo aspettare la crescita di qualche giocatore come Pajac. Puscas è rientrato ed ha fatto molto bene”.

Solidità – “La classifica che abbiamo è frutto della solidità di questa squadra. Abbiamo subito tante noie ed infortuni, eppure abbiamo raccolto tanto. Questo perché abbiamo uno spirito che ci risolleva e ci conforta quando le cose vanno male. A Trapani questo non c’è stato, oggi lo abbiamo rivisto. La B è una categoria in cui le strisce negative capitano spesso e a chiunque. Bisogna avere solo la lucidità per analizzare cosa non va. Per due partite abbiamo preso gol su palla inattiva, la cosa importante è credere in ciò che si fa. Se non si vince bisogna imparare dagli errori. Oggi ad esempio il Carpi ha avuto una brutta battuta d’arresto, ma l’Ascoli non è scarso. In B tutte le gare sono difficili. In questo momento dobbiamo lavorare a testa bassa. Non abbiamo gestito bene i troppi complimenti di tifosi e stampa, ma credo che in questo momento abbiamo capito cosa dover fare”.

Rosso a Lopez –Abbattista è uno degli arbitri più bravi, ma sull’entrata di Lopez è stato un po’ troppo fiscale. Ma Walter l’ho tranquillizzato perchè ha dato veramente tutto per la causa e va solo applaudito ed elogiato”.

Esclusione Melara e centrocampo – “Lo sto un po’ pungolando perchè è molto importante per noi, ma è chiaro che deve e può darci qualcosa in più. A centrocampo ho quattro mediano fortissimi, lasciarne fuori due per me è complicatissimo. Così però, con il 4-2-3-1, la squadra ha un po’ più di equilibrio. Ora vogliamo staccare un po’, staccheremo due giorni. Domani facciamo lavoro di recupero. Chi ha giocato le due gare farà defaticante e chi non ha giocato disputerà un’amichevole con la Primavera”.

CONDIVIDI
Classe '90, beneventano dentro e fuori dal campo. Pubblicista dal 2012, laureato in Scienze della Comunicazione. Dal 2009 al seguito dei colori giallorossi con un pc sottobraccio. La B un sogno realizzato, ma non c'è conquista più bella di quella che deve ancora arrivare...