Baroni: “Pareggio al Curi? Non ci interessa”. Per il ritorno annuncia novità

606

Soddisfatto ma non appagato. Per raggiungere la finale al suo Benevento serve un ultimo sforzo, ovvero evitare la sconfitta a Perugia. Marco Baroni è fiducioso in vista della gara del Curi ma non pensa al pari: “Non possiamo permetterci di andare lì per il pareggio. Sarebbe un errore difendere l’1-0, perché prima di tutto non ci sono i presupposti. Dobbiamo andare lì a fare gol, lo possiamo fare”.

Momento – “A differenza del Perugia noi abbiamo speso molto, anzi direi che abbiamo speso qualcosa di pazzesco. Mi piace sempre ricordare che senza il nostro sforzo nel finale di campionato i play off non si sarebbero giocati. Sono convinto però che con l’entusiasmo possiamo sopperire a questa difficoltà; dispiace soltanto che in campionato abbiamo ottenuto un punto in più del Perugia sul campo e avremmo dovuto essere noi nella situazione favorevole”.

Tattica – “Per far giocare insieme Puscas, Falco e Ceravolo devo mettere per forza uno dei tre fuori ruolo. Quando siamo andati in vantaggio Falco stava trovando difficoltà a trovare spazi. Io avevo bisogno delle due punte, lui era già stato ammonito e temevo che prendesse un rosso. Ho optato per le due punte avanzando Puscas e stavo mettendo dentro anche Cissé per cambiare una delle due, ma poi sono venuti i crampi a Lopez e dovevo cambiarlo”.

Cambi – “Sia Cissé che Ciciretti sono recuperati. Ciciretti lo sarà pienamente per Perugia, aveva ancora un po’ la caviglia gonfia. Venuti fino a ieri aveva la febbre, ma stasera non potevo rischiarlo anche se oggi era guarito. Avevo l’alternativa giusta e mi sono affidato a Gyamfi”.

Gol annullato – “Mi spiace che Santopadre dice che sono passati troppi secondi tra l’assegnazione e l’annullamento del gol. Mi sembra strano che sia successo questo perché andare a tirare fuori un episodio netto non è il caso. Qui ci stiamo giocando un campionato, è giusto che sia stata presa la decisione migliore, che è anche quella corretta”

CONDIVIDI
Classe '90, beneventano dentro e fuori dal campo. Pubblicista dal 2012, laureato in Scienze della Comunicazione. Dal 2009 al seguito dei colori giallorossi con un pc sottobraccio. La B un sogno realizzato, ma non c'è conquista più bella di quella che deve ancora arrivare...