Verona, scoppole.. da applausi. Bari “inFedele” (VIDEO)

85

minuti-di-recuperoBari-Spezia 1-1: Colantuono debutta con un pareggio, il primo in carriera nel giorno dell’esordio, sulla panchina dei pugliesi e maledice l’incredibile autorete di Fedele, costata i fischi assordanti dei tifosi al momento del triplice fischio (il video della gara).

Benevento-Cittadella 1-0: si aggrappa ancora a Ghigo Gori il Benevento, proprio come successo nella trasferta di Terni. Il portiere blinda la propria porta e permette ai giallorossi di capitalizzare al meglio il gol di Ceravolo che vale il terzo successo di fila (il video della gara).

Carpi-Avellino 1-1: tutto condensato in due minuti. Prima il vantaggio ospite con un calcio di rigore trasformato dall’ex Ardemagni e vivacemente contestato da Castori e poi il pari di Lasagna. Toscano salva la panchina ottenendo un punto (il secondo in sette trasferte) nonostante l’inferiorità numerica per l’espulsione di Migliorini. In tribuna presente il vice di Novellino, indiziato numero uno a subentrare in caso di esonero dell’allenatore irpino (il video della gara).

Cesena-Pisa 2-0: esordio vincente al “Manuzzi” per Andrea Camplone sulla panchina del Cesena. Il tecnico ringrazia lo spagnolo Rodriguez, autore della doppietta che manda al tappeto il Pisa dopo 560 giorni di astinenza. Un gol per tempo per festeggiare la seconda vittoria stagionale, la prima undici giornate fa, e per acuire la crisi toscana. Gattuso, a fine gara, dichiara che farebbe un passo indietro se ci fosse stata una “vera” società (il video della gara).

Entella-Pro Vercelli 0-0: la settimana di sosta forzata per il rinvio della gara di Ascoli non giova alla compagine di Breda che manca l’appuntamento con il sesto successo casalingo della stagione. I piemontesi, invece, confermano i progressi in difesa e da due settimane non subiscono reti (il video della gara).

Frosinone-Ascoli 3-1: la quarta vittoria consecutiva e il settimo risultato utile di fila valgono il balzo al secondo posto per la truppa di Marino, alla duecentesima vittoria da allenatore professionista e staccato adesso solo tre punti dalla vetta della classifica. Prima doppietta in carriera per Soddimo che non segnava dal 23 agosto 2015, giorno dell’esordio in A (il video della gara).

Perugia-Trapani 1-1: botta e risposta in un solo giro di lancette e al “Curi” il Trapani stoppa la corsa del Perugia. Coronado, al rientro dopo un mese di stop, risponde a Nicastro e il grande ex Cosmi evita il ko contro l’allievo Bucchi. Il 30% dell’incasso è stato devoluto in favore dei terremotati di Norcia (il video della gara).

Salernitana-Ternana 4-2: sotto di due reti, la Salernitana riesce a compiere un’incredibile rimonta, agevolata dall’espulsione del sannita Meccariello. Sannino, alle 500 panchine in carriera, tira un respiro di sollievo ritrovando i tre punti dopo oltre un mese mentre si fa problematica la situazione di Carbone, nonostante il fresco rinnovo di contratto (il video della gara).

Spal-Brescia 3-2: vola la Spal, giunta al terzo successo consecutivo a spese di un Brescia al quale non basta il gol numero 156 di Caracciolo con la maglia delle rondinelle. Brocchi incassa il terzo ko di fila in trasferta e nel prossimo turno dovrà far visita al Benevento senza Lancini e Martinelli, entrambi espulsi. Da verificare le condizioni del portiere Minelli, sostituito a Ferrara da Arcari (il video della gara).

Verona-Novara 0-4: la prima sconfitta interna della formazione di Pecchia, dopo dieci risultati utili consecutivi, coincide con la prima vittoria esterna di quella di Boscaglia. Il “Bentegodi”, nonostante lo scivolone, tributa applausi ai propri beniamini a fine partita (il video della gara).

Vicenza-Latina 0-1: prosegue la maledizione del “Menti” per il Vicenza che non vince in casa dallo scorso 7 maggio. I biancorossi vengono superati anche dal Latina, al primo acuto esterno della sua stagione che vale la centesima vittoria per Vivarini da quando è diventato un allenatore professionista. Laziali capaci di prendersi l’intera posta in palio nonostante l’inferiorità numerica maturata alla mezz’ora del primo tempo per il rosso estratto nei confronti di Nica. Decidono un rigore di Corvia e la parata di Pinsoglio su Bellomo sempre dagli undici metri (il video della gara).