Da Verona: “Ieri sera in campo c’era chi vincerà il campionato. Mi auguro noi…”

1442

BPE/Maurilio Boldrini Verona - Mario Bentegodi - 30/10/2013 Campionato Italiano serie A Tim  2013/2014  - Decima di campionato - Hellas Verona vs Sampdoria nella foto Italy Photo Press - World CopyrightPareri discordanti, ma anche tantissimi elogi al Benevento di Baroni. I tifosi dell’Hellas che ieri sera hanno commentato la gara a RadioVerona si sono divisi tra arbitro e verdetto del campo. “Eravamo padroni del campo, il Benevento non usciva più dalla sua area e si difendeva male. Impossibile trasformare una spinta su Pazzini in un cartellino rosso contro”, ha commentato Paolo il cui messaggio però ha visto la risposta di un altro tifoso gialloblu: “Bravo il Benevento, con giocatori che al Bentegodi quest’anno non avevamo mai visto prima. In campo c’era certamente la squadra che vincerà il campionato. E mi auguro che possiamo essere noi”. Il tifoso Franco ha invece applaudito il ds Fusco: “Giusto farsi sentire quando si subiscono ingiustizie di questo genere. Non solo ci hanno tolto Pazzini per l’ultimo quarto d’ora ma ce l’hanno levato anche per la partita di Avellino. Oltre al danno pure la beffa”. Marco è soddisfatto: “Vero che il Benevento ci ha messo in grande difficoltà nel primo tempo, ma nel secondo non c’è stata partita. Applausi a loro, ma in Serie A ci andremo noi”. Per Michele “è anche un buon punto, peccato sia arrivato dopo una gara falsata dall’arbitro”. Fabrizio guarda l’orologio: “I minuti di recupero alla fine dovevano essere almeno dieci, non cinque. Un altro paio di azioni in più e avremmo segnato il terzo”. Le analisi tecniche e tattiche stavolta vengono dopo. Daniele racchiude la contesa in un messaggio: “Troppo passivi nel primo tempo, il Benevento ci ha sorpresi e forse meritava anche qualcosa in più. Dopo però è stato il Verona che vorrei sempre vedere”. Patrizio va di amarcord: “Ero un ragazzino quando andavo al Bentegodi ad esultare per i gol anche di Baroni. Complimenti perché è diventato un bravo allenatore, anche se stavolta gli è andata bene. Abbiamo avuto decine di opportunità ma come al solito non siamo abbastanza cinici”. Diego sta nel mezzo: “Ci voleva una partita così, è capitata al momento giusto. Il Benevento era perfetto per misurare la nostra condizione e tutto sommato ne siamo usciti bene”.

CONDIVIDI
Classe '90, beneventano dentro e fuori dal campo. Pubblicista dal 2012, laureato in Scienze della Comunicazione. Dal 2009 al seguito dei colori giallorossi con un pc sottobraccio. La B un sogno realizzato, ma non c'è conquista più bella di quella che deve ancora arrivare...