Trofeo Shalom: i saluti del Sindaco, del Presidente della sezione arbitri e della Figc Provinciale

255

A meno di 10 giorni dall’apertura della ventinovesima edizione del Trofeo Shalom, sono nel vivo i preparativi, in città nei giorni passati sono stati diffusi dei flyers che riassumo l’intero programma della chermes. Intanto, attraverso il sito internet ufficiale del trofeo, sono stati pubblicati anche i saluti ufficiali del Sindaco di Benevento, Fausto Pepe, della delegazione Provinciale della FIGC, e della Sezione arbitri, che di seguito pubblichiamo.

Giunto alla sua ventottesima edizione, il trofeo Shalom si conferma uno degli appuntamenti sportivi più attesi e prestigiosi in programma nel cartellone sannita. Dal 31 maggio e fino al prossimo 3 giugno, le rappresentative calcistiche di alcune delle realtà più importanti del panorama italiano ed estero, si fronteggeranno dando vita, ancora una volta, ad uno dei momenti di socialità più partecipati del Sannio. -scrive il Sindaco Pepe- La competizione calcistica, pur restando il momento centrale dell’appuntamento, rappresenta solo una parte del risultato raggiunto: lo Shalom, come a Benevento viene affettuosamente chiamato, è soprattutto un valido strumento per diffondere tra le giovani generazioni i valori educativi e formativi legati allo sport. Voglio ringraziare sentitamente quanti lavorano per assicurare la perfetta riuscita del torneo che dal 1984 ha costantemente accresciuto il proprio seguito di appassionati. Non è un caso se l’edizione 2012 sarà impreziosita dalla partecipazione della Lazio, vincitrice della scorsa stagione, del Senica, compagine della Slovenia, e da molte rappresentative che costituiscono il bacino naturale di confronto sportivo del territorio, come Juve Stabia, Crotone, Pescara. Un parterre che restituisce in maniera precisa il grado di attrattività che è in grado di esercitare il torneo. Lo Shalom raccoglie i frutti della passione e della competenza messi in campo in questi anni e costituisce un’esclusiva occasione per giovani e meno giovani, che possono contaminare le proprie esperienze sportive e umane all’interno di un percorso fatto di amicizia e sport. Una possibilità per dare tutti insieme e per qualche ora, anche un calcio alle tante preoccupazioni di questi ultimi periodi. -e conclude- Tanti auguri allo staff e a tutti i protagonisti dello Shalom 2012“.

“Sono particolarmente lieto di presentare il saluto degli Arbitri Sanniti a quanti, a vario titolo, prenderanno parte alla 28esima edizione del Torneo di Calcio Shalom, -si legge nella missiva a firma del Presidente Sezione Arbitri Benevento Francesco Castracane- importante vetrina di Calcio giovanile, ideata e realizzata dagli amici dell’Associazione Dilettantistica Shalom. Nel formulare sinceri ed affettuosi rallegramenti per la splendida iniziativa mi auguro che la stessa, così ricca di giovani partecipanti, già protagonisti di belle pagine di calcio giovanile, possa essere di incoraggiamento a tanti giovani che si accostano alle suggestioni di questa importante attività sportiva. Un ringraziamento particolare a tutti coloro che con questa lodevole iniziativa sostengono la crescita di giovani calciatori e, di conseguenza, dei nostri giovani arbitri; a tutti i calciatori auguro un sereno divertimento ed un grosso in bocca al lupo.”

Il Delegato Provinciale della Figc, Antonio Giorgione invece scrive: “Il torneo Shalom è un appuntamento fisso nel panorama calcistico del Sannio e in questi anni si è saputo arricchire di nuovi e più importanti contenuti. Per questi motivi per il secondo anno consecutivo sarà presente ai nastri di partenza della manifestazione una rappresentativa provinciale. Il nostro fine è quello di dare la possibilità ai migliori ragazzi dei nostri campionati a confrontarsi con realtà nuove e di alto livello. A prescindere dai risultati la partecipazione al torneo vuole essere per la Delegazione Provinciale della Figc un momento di crescita non solo tecnica ma soprattutto comportamentale e sportiva per i giovani calciatori sanniti che si ispireranno a quei principi di fratellanza che il torneo Shalom si ispira da sempre.”