Torrecuso manca poco, Virtus Francavilla favorita, Gallipoli saluta

69

Con un pizzico di fortuna e precisione in più il Torrecuso si sarebbe potuto prendere il lusso di battere per la seconda volta la prima della classe. Si sono invece dovuti accontentare di un punto i rossoblu contro la Virtus Francavilla, muovendo un altro passo verso la salvezza diretta ma non potendo ancora festeggiare la permanenza matematica in categoria. Farina ha indicato in 43 i punti necessari per non correre rischi e, conti alla mano, ai sanniti ne mancano appena tre da provare a conquistare in altrettante giornate di campionato.

Un passo decisivo potrebbe essere mosso nel prossimo turno. Se il Torrecuso dovesse infatti battere l’AZ Picerno e contemporaneamente l’Aprilia perdere a Pomigliano, in caso di sestultimo posto Zerillo e compagni avrebbero la certezza matematica di evitare il play out per il distacco superiore a otto punti sulla terzultima.

Finale Torrecuso-Virtus FrancavillaLa Virtus Francavilla, invece, può rallegrarsi per il pari dell’Ocone alla luce dei risultati altrui. Con un calendario apparentemente semplice, la truppa di mister Calabro resta favorita per la vittoria del campionato, essendo riuscita a mantenere la vetta solitaria della classifica. Il Taranto non approfitta del passo falso della capolista, facendosi sorprendere allo “Iacovone” dal Serpentara. Un risultato clamoroso per la blasonata compagine ionica che non ha mai fatto mistero di puntare al ritorno tra i professionisti.

Taranto scivolato al terzo posto dopo il sorpasso da parte del Nardò, reduce dal netto successo casalingo con un Pomigliano ormai fuori dalla corsa play off. L’undici di Cazzarò vede inoltre il prepotente ritorno del Francavilla, distante una sola lunghezza dopo l’exploit esterno di Potenza. Un Fondi concentrato sulla conquista della Coppa Italia si fa sorprendere nel derby dalla voglia di salvezza dell’Aprilia, ma il sodalizio della ricerca scientifica conserva i cinque punti di vantaggio sullo stesso Pomigliano e blinda la partecipazione agli spareggi utili per stilare la graduatoria dei ripescaggi in Lega Pro (importante se, come sembra, si dovesse tornare al format a 60 squadre).

Ipoteca la salvezza la Turris, vittoriosa di misura contro un Bisceglie che ha ormai tirato i remi in barca. Una gara, purtroppo, che ha fatto clamore per il parapiglia finale che ha portato all’inibizione fino al termine della stagione di Giuseppe Giugliano. Successi fondamentali li ottengono San Severo e Isola Liri. I pugliesi si aggiudicano il derby con il Manfredonia, mentre i laziali frenano la risalita dell’AZ Picerno. Inutile, infine, la vittoria del Gallipoli sul Marcianise. I giallorossi retrocedono in Eccellenza nonostante ci siano ancora nove punti in palio. Se pur li conquistassero tutti, infatti, sarebbero ugualmente estromessi dai play out.

Il quadro completo del girone H di serie D