Strega, l’intrigo play off ha una soluzione “semplice”: tutte le possibilità giallorosse

1420

Se le vince tutte, il Benevento è aritmeticamente ai play off. Sarà scontato e banale, ma è la soluzione più semplice a un groviglio di ragionamenti che rischia di diventare sempre più complesso col passare dei minuti. Al termine del trentanovesimo turno di serie B la distanza tra la terza in classifica (il Frosinone) e la quarta (il Perugia) è di 8 punti, margine non rassicurante per la certezza della disputa dei play off quando mancano 270 minuti al termine. Tuttavia la Strega ha aritmeticamente ancora il filo del destino saldamente tra le dita.

Prima di addentrarci in qualsiasi considerazione sui prossimi tre impegni dei giallorossi, è opportuno ricordare un paio di dettagli determinanti ai fini del regolare svolgimento degli spareggi. Il primo è che la terza classificata andrebbe direttamente in serie A se dovesse accumulare un vantaggio superiore ai 9 punti rispetto alla quarta. Il secondo è che nel caso in cui questa ipotesi non dovesse verificarsi, ai play off sarebbero ammesse le squadre piazzate tra la terza e l’ottava posizione che non abbiano accumulato uno svantaggio superiore ai 13 punti dal terzo posto.

In parole povere, al momento i play off si giocherebbero e vedrebbero protagoniste anche Carpi e Spezia, rispettivamente settima e ottava della classe, entrambe a -13 dal Frosinone. Se una delle due o entrambe dovessero perdere un altro punto rispetto ai ciociari da qui alla fine, però, le cose cambierebbero e si andrebbe alla formazione di una griglia a quattro o cinque squadre. Stesso discorso per il Cittadella e per il Benevento. Insomma: chi accumula uno svantaggio superiore ai 13 punti dalla terza (il cosiddetto “perimetro play off“), pur essendo in zona rossa, ne resterebbe fuori. I play off possono dunque essere a due, a tre, a quattro, a cinque o a sei squadre proprio in relazione a questo criterio.

Il cammino verso play off e promozione diretta
(escludiamo la Spal considerata i a un passo dalla A)

Verona (69 punti) – Attualmente promosso in A in quanto secondo a +1 sul Frosinone, l’Hellas sarà impegnato prima in trasferta con l‘Entella, poi in casa col Carpi e poi a Cesena.

Frosinone (68 punti) – E’ ancora in corsa per il secondo posto e giocherà due gare interne con Trapani alla prossima e Pro Vercelli all’ultima di campionato intervallate proprio dal match del Vigorito.

Perugia (60 punti) – Attende lo Spezia, poi farà visita al Latina e ospiterà la Salernitana all’ultima di campionato.

Benevento (58 punti) – Ha la fortuna – se così possiamo definirla – di avere ancora in calendario il confronto diretto col Frosinone da giocare al Vigorito alla penultima di campionato. Un vantaggio, in termini di possibilità, in quanto la squadra di Baroni potrebbe essere determinante ai fini delle distanze tra i ciociari e il quarto posto. Dando uno sguardo al calendario, ai giallorossi mancano anche la sfida con l’Ascoli in programma sabato prossimo e quella di Pisa all’ultimo turno.

Cittadella (57 punti) – reduce da due sconfitte consecutive, affronterà in trasferta il Pisa alla prossima giornata, in casa il Vicenza e chiuderà il suo campionato sul campo dell’Entella.

Carpi (55 punti) – Affronta in casa la Salernitana, poi va a Verona e infine ospita il Novara.

Spezia (55 punti) – Va a Perugia nel prossimo turno, ospita il Pisa e chiude la regular season al Menti di Vicenza.

CONDIVIDI
Classe '90, beneventano dentro e fuori dal campo. Pubblicista dal 2012, laureato in Scienze della Comunicazione. Dal 2009 al seguito dei colori giallorossi con un pc sottobraccio. La B un sogno realizzato, ma non c'è conquista più bella di quella che deve ancora arrivare...