Strega, quando il legno va di… traverso

29

traversa-cisseEh no, non è un buon momento per la mira dei giallorossi. Quella con il Perugia è la terza gara consecutiva in cui i pali della porta avversaria hanno tremato dopo il derby dell’Arechi di Salerno e il match con l’Entella giocato al Comunale di Chiavari. Ma se nelle precedenti due circostanze anche gli avversari avevano avuto di che recriminare (traversa di Improta a Salerno, palo di Cutolo in Liguria), stavolta le due occasioni capitate sui piedi di Cissè e sulla testa di Lucioni non hanno avuto alcun riscontro nelle fila umbre. Un dato, quello dei pali colpiti, che rende l’idea di come la storia di una partita possa cambiare per questione di centimetri. Lucioni, del resto, lo sa bene, visto che il palo che “battezzò” contro il Como due anni fa in Lega Pro nei quarti di finale play off ha gridato vendetta per i successivi undici mesi prima di essere degnamente vendicato. L’occasione di vendicare i legni colpiti con il Perugia, la Salernitana (Ceravolo a inizio ripresa) e la Virtus Entella (Ciciretti, sempre a inizio ripresa) si presenterà invece già con il Trapani. Qualche correttivo alla mira in quell’occasione non potrà che fare bene.

CONDIVIDI
Classe '90, beneventano dentro e fuori dal campo. Pubblicista dal 2012, laureato in Scienze della Comunicazione. Dal 2009 al seguito dei colori giallorossi con un pc sottobraccio. La B un sogno realizzato, ma non c'è conquista più bella di quella che deve ancora arrivare...