Shalom Finale 3°- 4° posto: Il Benevento vince 2-1 sul Pescara

259

BENEVENTO. Antistadio Ciro Vigorito.
Ultimo giorno del 28° trofeo Shalom – Tabacchi Collarile Cup, stamattina la finale per il 3° e 4° posto ha visto prevalere i padroni di casa del Benevento Calcio sui pari età del Pescara Calcio.
I giallorossini partono subito bene prendendo ben due traverse (Pascarella, deviata da Abibi, e poi Errico), il pallone riesce però ad entrare al 17′: su un calcio d’angolo la difesa pescarese libera l’area, al limite c’è però Barone che rimette dentro di testa, la palla arriva a D’Andrea che in sospetto fuorigioco segna al volo di sinistro; la squadra ci mette qualche secondo in più ad esultare perché aspettavano la decisione della terna, pensando che la marcatura potesse essere annullata, ma sia il guardalinee che l’arbitro indicano il cerchio di centrocampo, quindi anche i tifosi sugli spalti possono ben festeggiare il vantaggio dei sanniti.

Nella ripresa il Benevento raddoppia al 15′ sempre sugli sviluppi di un calcio d’angolo: palla sul secondo palo dove è appostato il centrale difensivo Porcaro che rimette di testa nell’area piccola, Abibi non riesce ad intervenire e sulla linea D’Andrea sempre di testa mette dentro. A questo punto però si sveglia il Pescara che al 21′ accorcia le distanze con Carlini su una punizione dalla destra che Scalese respinge al di là della linea di porta. Successivamente in altre due occasioni il Pescara si rende pericoloso, soprattutto con De Carolis che di testa, su cross di Di Nicola, sfuma incredibilmente il gol del pareggio. Al secondo minuto di recupero, sempre gli abruzzesi sugli scudi, con un calcio di rigore non assegnato loro dall’arbitro dopo che Liccardo viene platealmente atterrato in area. Veementi le proteste dei tifosi pescaresi sugli spalti, dei giocatori in campo, e dello staff in panchina. Ultimo minuto di recupero, ultima chanche di andare ai calci di rigore per il Pescara: Florimbj di testa viene fermato da una splendida parata salva risultato di Scalese. Al triplice fischio però tutto viene dimenticato, e all’insegna del torneo, dopo le premiazioni di rito, le due squadre effettuano un “gemellaggio” facendosi fotografare tutti assieme. Veramente un gran bel gesto sportivo da parte di entrambe le squadre.

Sempre all’Antistadio Ciro Vigorito, oggi alle 17.30, ci sarà la finalissima tra la Lazio detentrice e gli slovacchi dell’FK Senica, unica squadra straniera del torneo di quest’anno.

IL TABELLINO

BENEVENTO – PESCARA 2-1
17′ pt D’Andrea, 15′ st D’Andrea; 21′ st Carlini.

BENEVENTO: Scalese, Tommaselli, Florese, Pascarella (12’st Chiarotti), Romano (1’st D’Ovidio), Porcaro, Errico, Santillo (1’st Petrone), D’Andrea (20’st Vitale), Barone (4’st Ferrara), Curto (26’st Genio). A disp.: Curci. All.: Bovienzo

PESCARA: Abibi, Basilicata (15’st Rosafio), Di Nicola, Vitturini (15’st Pomponi), Schiazza, Silvestri (27’st Florimbj), Morelli, Paolucci, Papa (25’pt De Carolis), Mancini (7’pt Carlini ), Liccardo. A disp.: Ciccarelli, Marzucco. All. D’Eustacchio

Arbitro: Sig. Farisco di Ariano Irpino
Assistenti: Sigg. Ferrara e D’Andrea, entrambi di Benevento.
Ammoniti: 5′ st Errico (B), 30′ st Genio (B), 33′ st Florese (B), 35′ st D’Ovidio (B)
Angoli: 4-2 (Pt 2-0)
Recupero: Pt 1′, St 5′.