E’ il Rione Libertà la nuova Eldorado per molti calciatori

186

Ciò che semini raccogli. E’ in così in ogni settore e il calcio non fa certamente eccezione. Dopo aver seminato tanto, al Rione Libertà è tempo di raccogliere i frutti. Un raccolto iniziato, per la verità, con la storica promozione in Prima Categoria, merito di un gruppo e di un’organizzazione che hanno finito col fare la differenza. Probabilmente saranno proprio questi fattori a spingere molti giocatori verso il “Meomartini”. Il Rione Libertà è infatti diventato una sorta di nuova Eldorado, anche se di oro da quelle parti non vi è traccia. Quella giallorossa è una società dove nessuno prende rimborsi o altro, si gioca solo per il piacere di farlo, per stare insieme. Anzi, al massimo ci si auto-tassa per finanziare gli incontri settimanale al di fuori del campo.

Rione Libertà cenaUn progetto del genere solo alcuni anni fa non avrebbe verosimilmente avuto seguito. Adesso che i soldi stanno invece finendo un po’ ovunque (sono poche le realtà che possono permettersi di elargire qualcosa ai giocatori) e le idee iniziano ad avere un notevole peso specifico, ecco venire alla ribalta un nuovo modo di fare calcio. Era successo a San Nicola Manfredi, prima che il “fenomeno” venisse esportato con successo a Benevento. La premiata ditta De CristofaroPinto ha fatto bingo anche in giallorosso e adesso si gode un’estate insolita da trascorrere sotto la luce dei riflettori.

Molti sono i giocatori che hanno bussato alle porte del Rione Libertà. Richieste rispedite al mittente, non per scarsa stima o altro, ma semplicemente per volontà di tutelare un gruppo che ha ben figurato, conquistando sul campo la Prima Categoria e dimostrando di possedere grandi qualità umane oltre che calcistiche. La rosa è pressoché completa. All’appello mancherebbero solo due pedine, un centrocampista e un attaccante per la precisione. Lacune da colmare a breve, consegnando di fatto nelle mani di mister Pinto un organico praticamente completo a un mese dall’avvio della preparazione. Elemento non trascurabile per una società che si affaccerà da neopromossa sul palcoscenico della Prima Categoria, segno di come nella nuova Eldorado non conti solo l’oro.

CONDIVIDI
Giornalista pubblicista, appassionato di calcio minore e girovago di redazioni. Inizia con il Sannio Quotidiano, passa a Sannio Calcio, torna al Sannio Quotidiano, apre un blog Sannio in campo e infine approda a Sannio Sport. Per la serie "dove c'è Sannio, c'è casa". L'accenno di capelli bianchi non è dovuto all'età ma all'esperienza maturata.