Rajcic: “Il Catanzaro? Senza cattiveria diventa una preda facile”

386

RAJCIC2Sabato sera ha affrontato il Catanzaro, riuscendo insieme ai suoi compagni a rifilargli una severa lezione. Il Martina di Ivan Rajcic, infatti, ha liquidato i calabresi con il netto punteggio di 3-0. Il centrocampista croato si è trasferito nella scorsa finestra di mercato in terra pugliese e, attraverso le nostre righe, ci ha parlato dello stato di forma della prossima avversaria del Benevento: “E’ una squadra che se non ci mette cattiveria diventa una preda facile. Noi venivamo da un momento difficile e sicuramente ci hanno sottovalutati perché non hanno impressionato. A fine gara sono stati contestati duramente dalla tifoseria. Stanno attraversando un periodo molto difficile e la classifica lo dimostra”.

Credi che il risultato maturato a Martina possa permettere al Catanzaro di ottenere la scossa contro il Benevento?

“Sicuramente giocando tra le mura amiche cercheranno di non fare brutte figure dinanzi al proprio pubblico. Proveranno a mettere in campo maggiore cattiveria, ma il Benevento è sicuramente favorito per la vittoria. Sarà importante per la squadra di Auteri il rientro di Cissé, mentre l’assenza di Mazzeo la reputo abbastanza pesante”.

Cosa è cambiato per il Martina con l’arrivo di Franceschini?

“E’ un tecnico di nuova generazione, un allenatore giovane che cerca di far mettere in pratica ciò che vuole. Ha voglia di combattere e di migliorare”.

Chi la spunterà per il primo posto?

“Andrà in serie B chi sta meglio fisicamente. Vedo Lecce, Benevento e Casertana favorite rispetto alle altre”.

Il Foggia non lo consideri?

“Il Foggia gioca un ottimo calcio, forse il più bello del girone, ma secondo me pecca d’intensità e agonismo. Sicuramente dirà la sua fino alla fine, ma credo che quelle tre che ho menzionato prima abbiano qualcosa in più”.

foto tratta da cornermessina.it