Questo è il momento di tifare

382

sotto la curva sud

In questa stagione il Ciro Vigorito non ha accolto un numero entusiasmante di tifosi giallorossi. I motivi sono vari e, ammettiamolo francamente, la delusione patita lo scorso anno ha segnato un po’ tutti i tifosi della strega, in parte anche i più affezionati. Ora, però, non è più il momento di fare i cosiddetti “amanti offesi”. Questa squadra, come recitato dalla Curva Sud attraverso uno striscione apparso ieri in città, merita di essere amata e sostenuta perché sta sudando la maglia. Caratteristica, questa, che forse le formazioni degli anni scorsi hanno un po’ mancato, ma che comunque si sono godute il costante incitamento da parte di una piazza innamorata ed entusiasta.

E’ vero, al momento l’unica certezza è rappresentata da questi ragazzi. Il Benevento c’è e lotta come un leone in mezzo al campo a dispetto di tutto e tutti. E’ ingiusto, al giorno d’oggi, che debba essere incoraggiato il pubblico a seguire la squadra e non il contrario. Il popolo sannita deve cominciare a fare la sua parte in questa stagione che, fino a oggi, risulta essere più che positiva grazie al lavoro certosino di mister Auteri e dei suoi ragazzi. Occorre l’entusiasmo dei tempi migliori, tralasciando questioni esterne, per fare quadrato e spingere capitan Lucioni e compagni verso traguardi da sempre sognati. Occorre la forza del pubblico e non ci stiamo riferendo alla Curva Sud perché è sempre stata presente sia in casa che lontano dalle mura amiche in maniera encomiabile, anche se dovrebbe riallacciare quel rapporto speciale con la squadra che culminava, a fine partita, con quei memorabili festeggiamenti che coinvolgevano tutti.

I tifosi che si sono allontanati per delusioni, questioni societarie e altro devono ritornare perché, questa volta, è la Strega ad aver bisogno di aiuto. Che sia l’ultimo appello verso un finale di stagione che si prevede infuocato con tanti scontri diretti che si giocheranno soprattutto al Vigorito.

Ivan Calabrese