Pioggia di gol nella seconda giornata del Trofeo Shalom

139

Anche nella seconda giornata del Trofeo Shalom non si registrano segni “X” ma, a differenza della prima, fioccano i gol in tutte e 4 le partite.

Trofeo Shalom - Benevento CalcioIl Benevento rifila una “manita” ai pari età dell’Avellino: un 5-0 che qualifica i giallorossi alle semifinali e spedisce a casa i biancoverdi. Mattatore della partita il giovane bomber del Benevento Pinto, autore del primo gol, di un assist e di tante giocate che lo hanno consacrato come MVP della partita. I ragazzi di Ignoffo partone bene, l’Avellino pare resistere ma capitola al 21’ quando Pinto, favorito da un rimpallo, si trova a tu per tu con il portiere avellinese e lo fulmina con un diagonale preciso che si insacca nell’angolino. C’è appena il tempo di riprendere il gioco che il Benevento raddoppia: bella palla in profondità per Manera che controlla bene la palla e beffa Sorrentino con un delizioso pallonetto. La prima frazione termina sul 2-0. Nella ripresa la musica non cambia e il Benevento mette in ghiaccio vittoria e qualificazione all’11’: dopo una fitta ragnatela di passaggi, Maisto libera Pinto che, arrivato davanti al portiere, mantiene la lucidità e, invece di calciare, serve Lama che, tutto solo, deve soltanto appoggiare il pallone in fondo al sacco. L’Avellino è totale difficoltà e il Benevento dilaga nel finale: al 20’ è Rillo a siglare il poker e al 30’, pochi istanti prima del fischio finale, è Guerriero, subentrato a capitan Sparandeo da poco, a siglare il definitivo 5-0. I Giallorossi, quindi, sono già qualificati per la semifinale di sabato pomeriggio e si giocheranno il primo posto nel girone sabato mattina contro il Napoli.

Contemporaneamente al Benevento, ma sul terreno di gioco dell’ “Ocone” di Ponte il Senica, campione in carica, guadagna i suoi primi tre punti battendo per 2-1 la Salernitana. I gol tutti nella ripresa. Il primo squillo dei cechi arriva praticamente insieme al fischio d’inizio della seconda frazione: Almasi indovina un gran tiro da centrocampo e beffa Caparro per il gol del vantaggio. Il pareggio della Salernitana arriva al 16’ su un calcio di punizione dalla trequarti battuto dal neo-entrato Proto. I granata non hanno nemmeno il tempo di esultare che vengono beffati dal colpo di testa di ALmasi che fissa il punteggio sul definitivo 2-1.

Alle 18, al “Comunale” Foglianise un ottimo Napoli batte la Sampdoria per 2-0 spedendo i blucerchiati a casa con un turno di anticipo e qualificandosi alle semifinali. Anche in questo match i gol arrivano entrambe nella ripresa ed entrambe vengono messi a segno da calciatori entrati a gara in corso. Al 10’ è Gaetano a portare in vantaggio i partenopei: il giocatore napoletano, sfruttando un rimpallo fortunoso, fulmina Krapinas, portiere doriano, con un bel sinistro rasoterra a fil di palo. Il gol del definitivo 2-0 viene messo a segno da Russo, autore di due gol anche nel match di ieri contro l’Avellino e inizialmente tenuto in panchina, che, dopo una traversa di Mattera, è lesto a ribadire in rete il pallone.

Allo stesso orario ma sul terreno di gioco di Ponte, il Crotone rifila un poker al Frosinone con due doppiette di Borello e Calderaro. Ad aprire le marcature è stato un rigore di Borrello al 27′ della prima frazione. Il numero 10 del Crotone è stato prima steso da Caparone e poi ha trasformato il penalty che ha condotto la sua squadra avanti nel punteggio. Il fantasista rossoblu ha raddoppiato al 17’ per la doppietta personale prima di lasciare il campo nell’ambito delle rotazioni volute da mister Lomonaco. Il Frosinone a quel punto ha faticato a tenere il passo mostrando ulteriormente il fianco. Il nuovo entrato Calderaro ne ha approfittato con due gol di prestigio per il 3-0 e il 4-0 giunti rispettivamente tra il 20’ e il 26’.

Nel girone A i giochi sono già fatti: il Benevento e il Napoli si giocheranno il primo posto nell’ultima giornata mentre Avellino e Sampdoria sono già fuori. Situazione completamente diversa nel girone B: tutte e 4 le squadre sono appaiate a 3 punti e sarà quindi decisiva la terza e ultima partita della fase a gironi.

Al di là del risultato, oggi abbiamo meritato di perdere. Dobbiamo crescere cercando di migliorare sia da un punto di vista fisico che tattico. Almasi è un ottimo giocatore e la sua bravura è testimoniata dai due gol messi a segno oggi”. Questo il commento di un deluso mister Ginestra, allenatore della Salernitana a margine della sconfitta contro il Senica.

Così mister Sesena dopo la sconfitta del suo Frosinone contro il Crotone: “Nonostante un discreto primo tempo, siamo calati alla distanza e siamo stati giustamente puniti. Ora siamo costretti a vincere per qualificarci”. Di umore opposto, invece, mister Lo Monaco, allenatore del Crotone: “Non avevamo altro risultato che la vittoria e abbiamo reagito molto bene alla sconfitta di ieri arrivata per due episodi sfavorevoli. La mia squadra sa giocare a calcio ma non sempre ci riesce: oggi ci siamo riusciti e sono molto contento per la vittoria”.

I miei ragazzi sono in ritardo di preparazione rispetto alle altre squadre partecipanti e le due partite disputate ne sono il chiaro specchio”. Così mister Silano, allenatore dell’Avellino. Molto soddisfatto, invece, Giovanni Ignoffo, allenatore del Benevento: “Sono soddisfatto perché al di là del risultato finale abbiamo giocato davvero molto bene. Faccio i complimenti ai miei ragazzi per la mentalità mostrata in campo”.

Nella gara di oggi mi interessava di vedere la tenuta in campo dei miei ragazzi contro una squadra di un anno più esperta. Ci siamo riusciti per un tempo, poi nella ripresa è uscita fuori la qualità del Napoli e noi siamo andati in difficoltà. In generale sono contento dell’atteggiamento dei miei ragazzi”. Questo il commento di mister Piccareta, allenatore della Sampdoria estromessa dalla sconfitta patita contro il Napoli. Rispetto al primo tempo, nella ripresa abbiamo giocato meglio, dobbiamo migliorare la condizione ma l’atteggiamento è stato molto positivo. Più che la vittoria del Torneo in se, mi interessa di più la crescita di ragazzi che si trovano ad affrontare avversari di pari livello”. Questo il commento di Gianluca Grava, responsabile del settore giovanile del Napoli, ed ex difensore della compagine azzurra con la quale ha compiuto la scalata dalla Lega Pro alla Champions League.

 

Crotone-Frosinone 4-0

Crotone (4-3-3): Pettinato; Sarcone (1’st Cistaro), Liviera Zugiani, Alfano, Infusino; Di Giorno, Araldo (23’st Campanile), Pascuzzi (1’st Nebbioso), Borrello (23’st Piperissa), Pellizzi (18’st Giannotti), Gerace (15’st Calderaro). A disp. Figliucci. All. Lo Monaco

Frosinone (4-3-1-2): Faticanti; Caponero (17’st D’Alessandro), Cetra (24’st Della Corte), Mussone, Viti; Obleac (15’st Bignani), De Cicco, Cristofari (7’st Barbato); Verde; Gori (15’st Futon), Caparrone. A disp. Iannucci, D’Alessandro, Capodanno. All. Sesena.

Arbitro: Fabio Vesce

Assistenti: Mario Laudonio e Giulia Marino

Reti: 27’st rig. Borrello (C), 17’st Borrello (C), 20’st Calderaro (C), 26’st Calderaro (C)

Ammoniti: 29’st Nebbioso (C)

 

Senica-Salernitana 2-1

Senica (4-1-4-1): Homola; Ducar, Ravas, Krisak, Mihal; Lepies; Martisiak (17’st Snirc (30’st Zavodsky)), Balaz, Masik, Zat’ko (31’st Mihalik), Almasi. A disp. Vrtik, Snirc, Jencik, Mihalik, Zavodsky. All. Macek

Salernitana  (4-2-3-1): Caparro (23’st Capasso); Pesce (6’st Zinno), Billi (22’st Balzano), De Angelis, Cicia; Sciarappa (6’st Proto), Calandrelli; Terrone (3’st Carrafiello), Somma, Gaeta; Amendola (15’st Locci). A disp. Capasso, Napoli. All. Ginestra.

Arbitro: Nuzzolo di Benevento

Assistenti: Nuzzolo – Giammattei

Ammoniti: 18’pt Sciarappa (Sal), 10’st Lepies (Sen), 21’st Calandrelli (Sal)

Reti: 1’st Almasi (Sen), 16′ Proto (Sal), 18′ Almasi (Sen)

 

Benevento-Avellino 5-0

Benevento (4-3-3): Bruno (24’ s.t. Di Maggio), Pisacane, Sparandeo (12’ s.t. Guerriero), Frulio (5’ s.t. La Porta), Fusco, Letizio (5’ s.t. Martone), Lama, Maisto (16’ s.t. Iaquinto), Pinto, Rillo, Manera (13’ s.t. Tozza); a disp.: Di Donato; all.: Ignoffo.

Avellino (4-3-3): Sorrentino, Sciretta, Mensione (15’ s.t. D’Arco), Meringolo, Marracino, Nasti (1’ s.t. Lo Pape), Cotugno (1’s.t. Paiva), Amoroso (1’ s.t. Girasole), Iodice, Maresca, Zagari (1’ s.t. Silano); a disp.: Cinque; All.: Silano

Arbitro: Bimello di Benevento

Assistenti: Esposito e Perugini di Benevento

Marcatori: 21’pt Pinto, 22’pt Manera, 13’st Lama, 19’st Rillo, 33’st Guerriero

 

Napoli-Sampdoria 2-0

Napoli (4-3-3): Pezella, Pelliccia, Riccio, Ascione (18’ s.t. Gaetano), Esposito, Bartiromo (11’ s.t. Volpicelli), Messina, Micillo (11’ s.t. Manzi), Mentana (18’ s.t. Passeri), D’Addio (18’ s.t. Mattera), Conte (17’ s.t. Russo); a disp.: Schaeper; all.: Carnevale.

Sampdoria (4-3-3): Krapinas, Doda, Botteghin, Chiriaco, Viola, Gnecchi, Cappelletti (15’ s.t. Di Munno), Perrone (15’ s.t. Ivaldi), Drago (22’ s.t. Lopergolo), Dagnino (5’ s.t. Orgiana), Cuneo (17’ s.t. Ghilia); a disp.: Scatolini, Riu; all.: Piccareta.

Arbitro: Fetto di Benevento

Assistenti: Iorio e Russo di Benevento

Ammoniti: Mentana, Mattera (N)

Marcatori: Gaetano al 9’ e Russo al 25’ s.t.

CONDIVIDI