Pescara, dopo la retrocessione sarà rivoluzione. Pronti due nuovi innesti

378

Da tempo, ormai, la società stava programmando un futuro in serie B. A Pescara si sono rassegnati di dover perdere il massimo campionato italiano quando hanno chiamato Zeman al posto di Oddo, chiedendo al bosniaco di salvare il salvabile ma soprattutto di iniziare a gettare le basi per il prossimo anno, magari provando a compiere una nuova scalata. Lunedì sera il ritorno tra i cadetti è diventato ufficiale. La netta sconfitta interna con la Roma ha sancito il ritorno del delfino in B dopo un solo anno in paradiso.

Zeman, intanto, continua a portare avanti il proprio lavoro monitorando gli elementi a disposizioni. In estate, però, la rosa a disposizione del boemo verrà profondamente rivoluzionata. Bizzarri, Campagnaro, Muntari, Kastanos, Muric, Cubas, Cerri e Bahebeck andranno via tra scadenze di contratti e fine prestiti. Verre e Caprari partiranno per accasarsi rispettivamente a Sampdoria e Inter. L’unico che potrebbe rimanere è Alberto Gilardino, ma la permanenza dell’attaccante di Biella non è al momento scontata. Peseranno le valutazioni dello staff tecnico e l’intenzione dello stesso giocatore di misurarsi per la prima volta a 35 anni con la cadetteria. In bilico ci sono poi le posizioni di Zampano, Memushaj e del giovane Coulibaly, per i quali le richieste non mancano. Simone Pepe ha invece deciso di appendere le scarpette al chiodo ed è diventato club manager della società.

Le certezze sono allora rappresentate da Mattia Proietti e Leonardo Mancuso, elementi già bloccati dal Pescara e in arrivo a parametro zero. Proietti, cresciuto nelle giovanili della Juventus, è un centrocampista classe ’92 attualmente in forza al Bassano. Mancuso (’92) è l’attuale capocannoniere del girone B di Lega Pro con 21 centri al proprio attivo messi a segno con la maglia della Sambenedettese. Ripartirà dunque da loro il nuovo Pescara, sperando nel frattempo di alleggerire il monte ingaggi con il definitivo addio di Oddo (Verona?).

CONDIVIDI
Giornalista pubblicista, appassionato di calcio minore e girovago di redazioni. Inizia con il Sannio Quotidiano, passa a Sannio Calcio, torna al Sannio Quotidiano, apre un blog Sannio in campo e infine approda a Sannio Sport. Per la serie "dove c'è Sannio, c'è casa". L'accenno di capelli bianchi non è dovuto all'età ma all'esperienza maturata.