Paolisi ti presento il Nola: difesa bunker e attacco atomico

222

Un’altra ultima volta, ma soprattutto un’altra occasione buona per prendersi l’Eccellenza. Il Paolisi si ritrova a vivere l’ennesima adrenalinica settimana. Questa volta, però, ad attendere i giallorossi sarà una sfida da dentro o fuori. Niente più ricorsi, appelli e quant’altro, il giudice supremo sarà solo ed esclusivamente il rettangolo verde. Per la precisione quello dello “Sporting Club” di Nola, dove la truppa di Facchino si esibirà per l’ultima volta in stagione con l’imperativo di dover vincere per poter “veramente” festeggiare.

Saranno i bianconeri, infatti, a contendere ai caudini il pass per l’Eccellenza. Partenopei qualificatisi per l’ultimo atto con il minimo sforzo, grazie al pari (0-0) interno con il Cicciano maturato al termine dei 120’ previsti. A fare la differenza la miglior posizione nella classifica finale ottenuta dalla formazione di Fabiano, salito al timone a stagione in corso dopo la separazione con Galluccio.

NolaNola in grado di conquistare 69 punti, due in più rispetto al Paolisi che hanno un peso specifico notevole su questa finale. I caudini, come detto, saranno obbligati a vincere e per farlo dovranno espugnare un campo violato solo da Rinascita Vico e Cicciano nell’arco del campionato. Tra le mura amiche, i partenopei hanno inoltre ottenuto dodici vittorie e un pareggio e proprio lo zero a zero con la Juve Poggiomarino rappresenta l’unico caso in cui i bianconeri non sono riusciti a segnare davanti ai propri tifosi.

Stiamo parlando, del resto, del miglior attacco del girone A di Promozione con i suoi 73 gol all’attivo (40 in casa e 33 in trasferta). I numeri, tuttavia, raccontano anche di una difesa bunker, la meno battuta dell’intero torneo. Sono state appena 19 le reti incassate, dieci allo “Sporting Club” e nove in campo avverso. Retroguardia rimasta inviolata in diciotto occasioni, oltre naturalmente all’ultima uscita con il Cicciano.

Una squadra, insomma, quadrata e organizzata quella nolana, nelle cui fila milita una vecchia conoscenza del calcio dilettantistico sannita. In rosa figura infatti Mariano Ventre, arrivato a Torrecuso nella stagione 2012/13, in tempo per festeggiare lo storico approdo in serie D attraverso i play off. Una stagione non certamente esaltante in rossoblu per l’attaccante napoletano che adesso si ritrova sulla strada del Paolisi.

Fonte foto: http://www.ssnola1925.it

CONDIVIDI
Giornalista pubblicista, appassionato di calcio minore e girovago di redazioni. Inizia con il Sannio Quotidiano, passa a Sannio Calcio, torna al Sannio Quotidiano, apre un blog Sannio in campo e infine approda a Sannio Sport. Per la serie "dove c'è Sannio, c'è casa". L'accenno di capelli bianchi non è dovuto all'età ma all'esperienza maturata.