PAGELLE Reggina Benevento 0-3, la apre Insigne la chiudono Forte e Moncini

329

Reggina Benevento 0-3. All’andata fu un secco 4-0 per i giallorossi che replicano anche nel ritorno la vittoria alle spese della squadra calabrese. Ad aprire le marcature ci ha pensato Insigne servito da Ionita abile a sfruttare una disattenzione dell’ex Crisetig. Nella ripresa il Benevento è più attendista, preferendo agire di rimessa al cospetto di una Reggina che tenta la via del pareggio in modi ben poco convincenti. L’unico pericolo serio arriva su un colpo di testa dell’ex Lombardi sul quale si fa trovare pronto Paleari.
Fondamentale il cambio di Tello dal cui piede destro arrivano gli assist per i gol di Forte, di testa, e di Moncini di destro nel finale di gara. La Reggina che pure aveva provato ad assediare il Benevento con una serie di calci d’angolo a proprio favore, soccombe davanti la concretezza della squadra giallorossa.

Caserta

Ottima la messa in campo della squadra da parte del mister Fabio Caserta, originario della provincia di Reggio Calabria e da sempre tifoso dichiarato della squadra calabrese. La copertina è tutta sua, dato che con queste due vittorie consecutive, il Benevento si attesta al quarto posto in classifica con una partita ancora da recuperare e con serie prospettive di lottare fino alla fine contro le prime della classe per la promozione diretta.

PALEARI 6,5 – Decisivo nella ripresa su un colpo di testa dell’ex Lombardi. Altre conclusioni pericolose da parte dei giocatori della Reggina sinceramente non ne ricordiamo. Infonde sicurezza a tutto il reparto con la sua presenza costante sui cross avversari in area.

ELIA 6 – Parte male così come era già successo in casa contro il Pisa, facendo dubitare ancora sul suo impiego come esterno basso. Fortunatamente stasera ad ogni errore commesso, riesce a rimediare quasi immediatamente. Indubbiamente meglio quando si lancia in appoggio in avanti che non in fase difensiva. [dall’80’ GYAMFI 6 – Entra giusto per far rifiatare Elia, cercando di non creare troppi problemi]

VOGLIACCO 6,5 – Un’altra ottima prestazione da parte del centrale genero di mister Mihajlovic. Mezzo voto in meno per il giallo preso per fallo su Menez nel finale di gara. Intelligente quando sullo stesso Menez, nel primo tempo, tira la gamba indietro evitando un possibile rigore.

BARBA 7 – Il leader del reparto difensivo che si chiede “Galabinov chi?” Ha surclassato  l’esperto attaccante rendendolo un agnellino, e chiunque altro ha provato a transitare dalle sue parti.

LETIZIA 6,5 – Il capitano giallorosso non si smentisce neanche oggi, giocare a destra o a sinistra per lui ormai non fa più differenza. Meno “frecciarossa” rispetto a quanto ci ha abituati, limita molto le sue discese sulla fascia concentrandosi ad impedire gli avanzamenti di Kupisz.

Tello

IONITA 6,5 – Grande lavoro di recupero palla sull’ex Crisetig per poi fornire l’assist per lo 0-1 di Insigne. Maggiore il movimento nel primo tempo, qualche errorino in fase di impostazione nella ripresa. [dal 62′ TELLO 7 – Inizia a destra e come spesso gli capita, perde un po’ troppo palla. Caserta gli impone di andare a sinistra, cambiando fascia con Improta, e gli va molto meglio, perché è su un suo cross tagliato in area dalla sinistra che Forte la spizza per il raddoppio, e su un suo esterno destro che Moncini trova il 3-0.]

CALO’ 6,5 – Buona anche la sua di prestazione, soprattutto nel primo tempo con molti recuperi e passaggi intelligenti verso i compagni. Nella ripresa cala alla distanza, quando la Reggina alza il baricentro del gioco, chiudendogli di fatto gli spazi. [dall’80’ PETRICCIONE 6 – Prende un giallo classicamente stupido, ovvero quello per proteste]

ACAMPORA 6,5 – Nettamente il miglior innesto a centrocampo di quest’anno, sicuramente non ai livelli di un altro mancino che lo aveva preceduto, ma il suo contributo in fase di impostazione e di verticalizzazione per i compagni è più che apprezzabile. Impegna Turati sugli sviluppi di una punizione, impedendogli di segnare un gran gol.

Insigne

INSIGNE 6,5 – Segna il più classico dei gol dell’ex, aprendo le marcature della gara del Granillo. Prova di nuovo il cross a giro sul secondo palo per Improta, ma il compagno non ci arriva. Una gara giocata molto diligentemente. [dal 68′ VIVIANI 6 – Ritorna in campo dopo 3 mesi dall’ultima presenza quasi un girone fa. Una nota lieta per far rifiatare i centrocampisti giallorossi costretti agli straordinari da un po’ di tempo]

Forte

FORTE 7 – Grande gara di sacrificio la sua, facendo spesso “a sportellate” con Amione, vero e proprio mastino. Nonostante la forte marcatura riesce a stoppare e smistare per i compagni, fino a trovare nel secondo tempo il gol con una spizzata di testa su cross di Tello, anticipando Amione. E per lui sono 7 gol in 14 presenze, ottima la sua media. [dall’80’ MONCINI 6 – Trova la gioia personale nell’ultima frazione dell’ultimo minuto di recupero, sfruttando l’assist di Tello e la non perfetta respinta di Turati.]

IMPROTA 6 – Ad inizio gara stava quasi per ripetere il gol segnato di testa contro il Pisa, ma viene anticipato dall’uscita di Turati. Prova la conclusione in un altro paio di occasioni, ogni volta deviato in angolo. Con l’entrata di Tello passa sulla fascia destra, sacrificandosi con tutta la squadra nell’assedio della Reggina alla ricerca di un gol che potesse riaprire la gara.

Il tabellino:
Reggina – Benevento 0-3
Reti: 21′ Insigne; 79′ Forte, 90’+6′ Moncini

Reggina (3-5-2): Turati; Loiacono (73′ Bellomo), Amione (84′ Aya), Di Chiara; Adjapong (55′ Lombardi), Folorunsho, Crisetig, Cortinovis (84′ Denis), Kupisz; Menez, Galabinov (55′ Rivas).
A disp.: Micai; Cionek, Stavropouolos, Bianchi, Hetemaj, Tumminello, Giraudo.
All.: Stellone.

Benevento (4-3-3): Paleari; Elia (80′ Gyamfi), Vogliacco, Barba, Letizia; Ionita (62′ Tello), Calò (80′ Petriccione), Acampora; Insigne (68′ Viviani), Forte (80′ Moncini), Improta.
A disp.: Manfredini; Farias, Foulon, Sau, Masciangelo, Pastina, Brignola.
All.: Caserta.

Arbitro: Sig. Andrea Colombo della sezione AIA di Como.
Assistenti: Sigg. Gamal Mokhtar della sezione AIA di Lecco e Giuseppe Di Giacinto della sezione AIA di Teramo.
Quarto uomo: Sig. Mattia Pascarella della sezione AIA di Nocera Inferiore.
VAR: Sig. Antonio Rapuano della sezione AIA di Rimini.
Assistente VAR:  Sig. Giacomo Paganessi della sezione AIA di Bergamo.
Ammoniti: 85′ Di Chiara (R), 89′ Petriccione (B), 90’+1′ Vogliacco (B), 90’+5′ Folorunsho (R).
Angoli: 5-5 (Pt 1-2)
Recupero: Pt 0′; St 6′.

Le azioni più importanti:

21′ Palla persa da Crisetig sulla fascia, con Ionita che gliela ruba e la passa ad Insigne che entrato in area, lascia partire il suo sinistro con Turati che si oppone ma non riesce ad impedire che la conclusione finisca alle sue spalle. 0-1.

79′ Tello dalla sinistra dell’area di destro mette in mezzo un gran cross tagliato per la testa di Forte che anticipa Amione, spizzando di testa e mandandola sul secondo palo, beffando Turati per lo 0-2.

90’+6′ Ancora Tello dalla sinistra con un esterno destro in direzione di Moncini inseritosi centralmente in area, stop di petto dell’attaccante che poi calcia in porta di destro, Turati non respinge al meglio il tiro di controbalzo, e sulla sua ribattuta Moncini fa tap in per la gioia personale e lo 0-3 del Benevento.

CONDIVIDI
Nato a Benevento nel 1983, conclude gli studi superiori con il diploma di Geometra. All'università decide di cambiare completamente campo di studi, assecondando la sua passione di scrivere, iscrivendosi quindi alla triennale di Scienze della Comunicazione a Salerno (e poi alla specialistica all'Università degli studi Suor Orsola Benincasa a Napoli), con l'intenzione di diventare sceneggiatore, giornalista o semplice scrittore. Dal 2011 collabora con SannioSport.it come giornalista sportivo, principalmente seguendo le vicende del Benevento Calcio, ma interessandosi anche di altre squadre e/o categorie sportive. Saltuariamente scrive di altri argomenti anche sul suo blog, o per altri giornali online.