PAGELLE: Juventus Benevento 0-1. Un guizzo di Gaich porta 3 punti storici ai giallorossi

292

Juventus Benevento finisce 0-1, gol di Gaich a metà ripresa. Una vittoria storica che va ad affiancarsi a quella altrettanto storica di San Siro contro il Milan nel campionato di serie A di tre anni fa. Allora però l’esito del campionato del Benevento era già deciso, oggi è ancora tutto in gioco per guadagnarsi la salvezza. Gara di sacrificio come succedeva a inizio stagione, e finalmente mister Inzaghi vede la luce in fondo al tunnel dopo 11 partite senza vittorie.

montipo'MONTIPO’ 7,5 – Ha dimostrato finalmente che in serie A ci può stare benissimo. Sempre sicuro tra i pali e prontissimo nelle uscite alte. Dà molta fiducia all’intero reparto difensivo che oggi, anche al cospetto di una grande del campionato italiano, non perde mai la testa. Miracolosi alcuni suoi interventi a sventare tiri da pochi passi, decisivo sulla deviazione di Barba che poteva portare all’autogol. Settimo clean sheet in campionato per lui.

TUIA 7 – Nella difesa a tre è uno dei più positivi, anzi ci sbilanciamo il migliore, soprattutto sulle palle alte dove le prende tutte di testa. Qualche incertezza nelle uscite dall’area palla al piede, ma ciò non rientra nel suo repertorio, quindi è scusabile. Non ha fatto assolutamente rimpiangere Glik. Prende anche un giallo, ma non era tra i diffidati.

CALDIROLA 6,5 – Si adegua ai compagni di reparto anche se rispetto agli stessi mostra un po’ di timore, una lentezza che gli deriva dalla lunga inattività e dalla mole fisica, ma nel complesso se la cava egregiamente di fronte a gente come Morata e Ronaldo. Fondamentale nell’assedio bianconero nei minuti finali della partita.

BARBA 7 – Partita perfetta, non lascia passare dalle sue parti nemmeno il classico filo di paglia, chiude tutti gli spazi e quello che gli si può rimproverare è forse un certo eccesso nel rinviare, ciò che gli causa anche un tentativo di autorete che fortunatamente viene sventato da Montipo’. Prende anche un giallo.

IMPROTA 6,5 – Durante la prima parte di gara lo si vede poco perché l’azione è concentrata più sull’altra fascia presiduta da Foulon. Lo si vede però quando va a recuperare su qualche avversario sfuggito ai compagni. Ha disputato senz’altro partite migliori ma sul piano dell’applicazione niente da ridire.

HETEMAJ 8 – Di gran lunga il migliore in campo tra tutti i giallorossi durante tutto l’arco della partita, o meglio fino a quando resta in campo, quando allo stremo delle forze viene sostituito da Dabo. Si esalta nella lotta e forse queste sono le sue partite. Riesce anche a togliersi la soddisfazione di fare un tunnel a Morata. Incredibili i suoi interventi a recuperare palloni e a strapparli dai piedi dei centrocampisti bianconeri. Meriterebbe una statua in piazza. [82′ DABO SV]

VIOLA 6 – Il capitano di giornata non si vede quasi mai durante la gara, ma esce fuori nel momento in cui la squadra ne ha più bisogno, allorquando si piazza al limite della sua area a supportare la difesa e a coprire le falle che si aprono chiudendo spesso su Ronaldo. Meno pericoloso del solito sui calci piazzati, ma avrà modo di portare gioie nelle prossime gare.

IONITA 6 – Il solito Ionita anche in una gara importante con una squadra contro la Juventus. Tanta fisicità, tanto volume in mezzo al campo, pochi gli spunti offensivi che possiamo ricordare. Magari è stata anche la sua esperienza a far sì che si arrivasse a questo storico risultato all’Allianz Stadium di Torino.

FOULON 6 – Gioca finalmente nella posizione a lui più congeniale, ovvero quella di quinto di centrocampo, e in più di un’occasione riesce a tenere a bada Kulusevski. Difetta ancora di esperienza, tant’è che i maggiori problemi per il Benevento arrivano proprio a causa sua, con due possibili rigori per la Juventus, fortunatamente non dati (nel primo caso un tocco di petto, nel secondo caso, scivola e fa cadere Chiesa) [72′ TELLO 6 – Gioca nel finale di gara, e si applica diligentemente sulla destra del centrocampo, offrendo il suo contributo in fase difensiva e di rottura delle azioni avversarie]

GaichGAICH 7 – Sornione per tutta la gara, fa valere la sua imponenza quando serve, e si fa trovare estremamente lucido nell’unica chiara occasione che gli capita, avendo la freddezza di non tirare immediatamente come l’istinto potrebbe consigliarvi, preferendo accentrarsi e scagliare di destro la rete che batte Szczesny. Le premesse per un bel finale di campionato ci sono, se ci troviamo di fronte ad un campione lo sapremo solo alla fine. Per ora possiamo dire che in 5 apparizioni ha segnato 2 gol pesanti che hanno portato 4 punti in dote al Benevento. [82′ DI SERIO SV]

LAPADULA 6,5 – Molto bene nel primo tempo quando riesce bene a giocare in coppia con Gaich, e a cercare la via della rete, anche se risulta impreciso nelle conclusioni. I movimenti che fa però sono utili per far salire la squadra. Si spegne nella ripresa, ma la sua resta comunque una buona prestazione, aveva bisogno di giocare con meno compiti, e in appoggio ad una punta come Gaich. [72′ CAPRARI 6 – Nei minuti in campo si è dato da fare dando quella freschezza di cui la squadra aveva bisogno in quel momento.]

Il tabellino:
Juventus – Benevento 0-1
Reti: 69′ Gaich (B).

Juventus (4-4-2): Szczesny; Danilo, Bonucci, De Light, Bernardeschi; Kulusevski, Arthur (73′ Bentancur), Rabiot (73′ McKennie), Chiesa; Morata, Ronaldo.
A disp.: Pinsoglio, Buffon; Chiellini, Di Pardo, Dragusin, Frabotta, Fagioli.
All.: Pirlo.

Benevento (3-5-2): Montipò; Tuia, Caldirola, Barba; Improta, Hetemaj (82′ Dabo), Viola, Ionita, Foulon (72′ Tello); Gaich (82′ Di Serio), Lapadula (72′ Caprari).
A disp.: Manfredini, Lucatelli; Insigne, Moncini, Sau, Pastina.
All.: Inzaghi.

Arbitro: Sig. Rosario Abisso della sezione AIA di Palermo.
Assistenti: Sigg. Alessandro Giallatini della sezione AIA di Roma 2 e Alessandro Lo Cicero della sezione AIA di Brescia.
Quarto uomo: Sig. AntonioGiua della sezione AIA di Olbia.
VAR: Sig. Luca Banti della sezione AIA di Livorno.
Assistente VAR:
Sig. MauroVivenzi della sezione AIA di Brescia.
Ammoniti: 9′ Tuia (B), 17′ Bernardeschi (J); 73′ Pirlo (all. J per proteste), 75′ Barba (B), 84′ Tello (B), 90’+2′ Bentancur (J)
Angoli: 8-1 (Pt 3-1)
Recupero: Pt 2′; St 4′.

Le azioni del gol:

69′ Erroraccio di Arthur che fa un passaggio orizzontale in area per Danilo, ma Gaich si intromette nella traiettoria, conquista palla e calcia di destro, battendo Szczesny. Benevento avanti 0-1.

CONDIVIDI
Nato a Benevento nel 1983, conclude gli studi superiori con il diploma di Geometra. All'università decide di cambiare completamente campo di studi, assecondando la sua passione di scrivere, iscrivendosi quindi alla triennale di Scienze della Comunicazione a Salerno (e poi alla specialistica all'Università degli studi Suor Orsola Benincasa a Napoli), con l'intenzione di diventare sceneggiatore, giornalista o semplice scrittore. Dal 2011 collabora con SannioSport.it come giornalista sportivo, principalmente seguendo le vicende del Benevento Calcio, ma interessandosi anche di altre squadre e/o categorie sportive. Saltuariamente scrive di altri argomenti anche sul suo blog, o per altri giornali online.