PAGELLE Genoa Benevento 3-2, i giallorossi salutano la Coppa Italia al primo turno.

363

Genoa Benevento 3-2. La squadra di casa domina nettamente il primo tempo grazie ad una doppietta di Gudmundsson su doppio assist di Coda, i genoani avevano anche colto due traverse con lo stesso ex giallorosso e con Portanova; il gol di Glik è servito al Benevento giusto per continuare a restare in partita.
Nella ripresa i rossoblu calano leggermente nel proprio ritmo, eppure riescono a trovare la terza rete su rigore siglato da Coda dopo fallo di Viviani su Sabelli. Da lì in poi la gara è tutta in discesa per i padroni di casa, qualcosa in più si riesce a vedere da parte della squadra allenata da mister Caserta grazie ai tanti cambi effettuati; i giallorossi riescono anche a trovare la seconda rete in pieno recupero con il neoacquisto Karic.
Il Genoa passa il turno ed affronterà la SPAL, mentre il Benevento dovrà per forza andare con la testa al campionato. Piccola premessa sulle pagelle, è calcio d’agosto, quindi i commenti ai giocatori sono esclusivamente riguardo questa gara.

Caserta

PALEARI 6 – Fortunato sulle due traverse colte dal Genoa, non ha colpe sui gol, ne evita almeno un altro paio. Sufficiente.

LETIZIA 6 – Il capitano è sembrato uno dei più in palla della squadra, anche se non è stato bravissimo in fase difensiva dove spesso il Genoa aveva delle autostrade in contropiede.

Glik

GLIK 6,5 – E’ stato il più presente di tutti in fase difensiva, in più ha avuto il merito di ridurre le distanze col suo gol, in un momento della gara in cui sembrava essere già finita.

PASTINA 4,5 – Completamente spaesato: non riesce a trovare una sua posizione in campo, non riesce a trovare l’uomo da marcare, e quando ha la palla tra i piedi si dimostra incerto sul da farsi, scegliendo poi la soluzione più difficile e sbagliata.

FOULON 4,5 – Il terzino belga, a fronte di una fase difensiva mediocre, aveva dalla sua una buona corsa in avanti, oggi neanche questo abbiamo visto, e quelle poche volte che è riuscito ad andare al cross, è stato impreciso.

KOUTSOUPIAS 5 – Il nuovo acquisto in mezzo al campo è stato anche quello più “attivo” tra i tre, protagonista dell’unica azione offensiva degna di nota nella ripresa, con il cross dalla destra fallito poi da Forte. [dall’80’ MASCIANGELO 6 – Mancino puro, viene “costretto” a giocare a destra, ciononostante risulta decisivo nel secondo gol giallorosso segnato da Karic.]

Viviani

VIVIANI 4 – Letteralmente inguardabile. Dov’è finito il centrocampista tanto ammirato l’anno scorso? Non prende un pallone lì in mezzo al campo, neanche a pagarlo, e quando riesce ad averne uno tra i piedi, mette poi la mano in faccia a Sabelli in area, provocando il rigore per il Genoa. [dal 74′ KARIC 6 – Trova il secondo gol del Benevento su un cross di Masciangelo sul quale Galdames non era riuscito a controllare. Lui invece ci riesce bene, siglando una rete di pregevole fattura.]

ACAMPORA 5 – Da parte sua non abbiamo visto neanche uno dei suoi soliti spunti in chiave offensiva, né si è reso prezioso in chiave difensiva. [dal 66′ TELLO 5,5 – Rispetto al compagno sostituito ha fatto vedere qualcosa in più, ha fatto qualche fallo sì, prendendo anche un giallo, ma perlomeno si è vista un po’ più di sostanza]

VOKIC 5,5 – Lo vediamo in due occasioni: quando ha battuto l’angolo per il gol di Glik e ad inizio ripresa su un’azione d’attacco. Uno col suo fisico è sprecato posizionato lì in fascia [dal 66′ LA GUMINA 5,5 – Ha fatto veramente poco nella mezz’ora che ha giocato, giusto il cross sul quale c’era stato il dubbio di un fallo di mano in area del Genoa.]

FORTE 5 – Resta ben salda l’idea che non può continuare a giocare in solitaria lì davanti, ha bisogno di compagni che lo assistano maggiormente. Chiuso nella morsa tra Bani e Dragusin, ha solo un’occasione sui piedi, il cross di Koutsoupias, di più non poteva fare in quel deserto che è il gioco del Benevento.

Improta

IMPROTA 4,5 – Comincia la nuova stagione così come aveva finito la vecchia, ovvero recitando la parte del fantasma, gli manca solo un lenzuolo con i buchi per gli occhi. Chi l’ha visto in campo? [dal 74′ FARIAS 5,5 – Nettamente migliore rispetto al nulla di Improta, ma comunque poco in generale. Va al tiro in area con Martinez che gli respinge la conclusione.]

Il tabellino:
Genoa – Benevento 3-2
Reti: 35′ Gudmundsson (G), 45′ Gudmundsson (G), 45’+3′ Glik (B); 64′ Coda rig. (G), 90’+5′ Karic (B)

Genoa (4-2-2-2): Martinez; Hefti, Bani, Dragusin, Sabelli (66′ Galdames); Badelj, Frendrup; Portanova (65′ Jagiello), Gudmundsson (72′ Yalcin); Coda (86′ Melegoni), Ekuban (72′ Yeboah).
A disp.: Semper, Vodisek; Czyborra, Vogliacco, Favilli, Candela, Cassata, Besaggio, Masini, Kallon.
All.: Blessin.

Benevento (4-3-3): Paleari; Letizia, Glik, Pastina, Foulon; Koutsoupias (80′ Masciangelo), Viviani (74′ Karic), Acampora (66′ Tello); Vokic (66′ La Gumina), Forte, Improta (74′ Farias).
A disp.: Manfredini, Lucatelli; El Kaouakibi, Thiam Pape, Insigne, Ionita, Talia, Sanogo, Barba, Capellini.
All.: Caserta.

Arbitro: Sig. Andrea Colombo della sezione AIA di Como.
Assistenti: Sigg. Valerio Vecchi della sezione AIA di Lamezia Terme e Antonio Vono della sezione AIA di Soverato.
Quarto uomo: Sig. Adalberto Fiero della sezione AIA di Pistoia.
VAR: Sig. Luigi Nasca della sezione AIA di Bari.
Assistente VAR: Sig. Salvatore Longo della sezione AIA di Paola.
Ammoniti: 30′ Hefti (G); 61′ Viviani e Letizia (B), 77′ Tello (B), 90’+1′ Yeboah (G) e Forte (B), 90’+5′ Galdames (G).
Angoli: 9-2 (Pt 8-2)
Recupero: Pt 5′; St 6′.

Le azioni più importanti:

35′ Genoa in avanti, contrasto alto tra Sabelli e Letizia, il capitano del Benevento prende un colpo allo zigomo e finisce a terra, l’azione prosegue e la palla arriva a Coda che in area dalla sinistra mette un diagonale sul secondo palo dove si fa trovare pronto Gudmundsson che con il più facile dei tap-in mette la palla in porta di piatto destro. 1-0.

45′ Errore di Pastina nella metà campo genoana, i padroni di casa ripartono velocemente in contropiede trovando la difesa ospite scoperta, Coda vede Gudmunsson che sta per entrare nella sinistra dell’area e gli serve un gran bell’assist, l’esterno rossoblu è il più veloce di tutti su Letizia e Paleari e mette in rete per il 2-0 e la doppietta personale.

45’+3′ Secondo corner per il Benevento, a battere c’è Vokic che di sinistro trova in area la testa di Glik, il polacco non stacca ma la piazza in porta con precisione chirurgica, accorciando le distanze. 2-1.

64′ Viviani prende palla in area, inavvertitamente mette mano in faccia a Sabelli che si accascia immediatamente. L’arbitro ferma il gioco, ammonisce il centrocampista e dopo un check del VAR assegna il rigore al Genoa. Sul dischetto va l’ex Coda che spiazza Paleari per il 3-1.

90’+5′ Masciangelo sulla destra dell’area crossa di destro, Galdames non riesce a controllarla e Karic la riconquista, sistemandosela sul destro e trovando lo spazio per il tiro in porta, Martinez non ci arriva e la palla finisce all’angolino basso alla sua destra per il 3-2 finale.

CONDIVIDI
Nato a Benevento nel 1983, conclude gli studi superiori con il diploma di Geometra. All'università decide di cambiare completamente campo di studi, assecondando la sua passione di scrivere, iscrivendosi quindi alla triennale di Scienze della Comunicazione a Salerno (e poi alla specialistica all'Università degli studi Suor Orsola Benincasa a Napoli), con l'intenzione di diventare sceneggiatore, giornalista o semplice scrittore. Dal 2011 collabora con SannioSport.it come giornalista sportivo, principalmente seguendo le vicende del Benevento Calcio, ma interessandosi anche di altre squadre e/o categorie sportive. Saltuariamente scrive di altri argomenti anche sul suo blog, o per altri giornali online.