PAGELLE Benevento – Alessandria 4-3, vittoria di misura, ma quanti problemi in difesa

451

Benevento Alessandria 4-3. I giallorossi di mister Fabio Caserta registrano i primi 3 punti in campionato, con una vittoria di misura, e dopo essere andati in svantaggio per ben due volte nella prima frazione (doppietta di Corazza). Il primo pareggio era stato siglato da Insigne su calcio di rigore (dopo aver fallito il primo tentativo, l’arbitro aveva fatto ribattere la massima punizione). Il 2-2 su cui si chiude il primo tempo arriva con un autogol sfortunato di Parodi su cross di Improta.
Nella ripresa è Foulon a trovare il 3-2 con il suo primo gol in giallorosso, e pochi minuti dopo arriva anche il 4-2 di Improta che aveva già propiziato il gol del 2-2. Nel finale di gara, il Benevento va in sofferenza con un rigore per l’Alessandria per fallo di Paleari, con Corazza che sigla la tripletta personale. La gara finisce quindi 4-3 con tanti problemi in difesa, situazione su cui si spera la società trovi una soluzione sul mercato, o perlomeno Caserta durante la prossima settimana di allenamenti. Ora testa alla trasferta di Parma.

PALEARI 5 – Non si accorda con Pastina sulla palla di Chiarello in area per Corazza, e si fa sorprendere da un pallonetto di quest’ultimo. Sul 2-2 non dirige bene le marcature in difesa. Parata decisiva sul possibile terzo gol degli ospiti sul 4-2 in favore, ma più tardi commette l’erroraccio che porta poi al rigore tirato e segnato sempre da Corazza per il 4-3.

LETIZIA 6 – Arrighini è un ospite che dà fastidio, e quindi le sue sgroppate vengono limitate un po’. Ha comunque modo di andare avanti e tentare cross per i compagni. Nella ripresa è un suo assist a portare Improta a segnare il 4-2.

glikGLIK 5,5 – Già l’anno scorso doveva essere il leader che avrebbe dovuto guidare la difesa giallorossa, non c’è riuscito e abbiamo pensato che forse per via del tempo che passa e della categoria. Quest’anno in B doveva fare la differenza, ma tenendo conto del doppio vantaggio alessandrino, sul primo non era neanche in area, sembra che la differenza la faccia in negativo.

PASTINA 5 – Concorso di colpa con Palearri nel vantaggio ospite, visto che si fa superare in velocità da Corazza. Scivola in un’occasione a centrocampo nel tentativo di prendere un pallone e poco prima non era intervenuto di testa su una palla alta, molto in difficoltà sulla velocità di Corazza. Avrà patito il debutto in campionato con il pubblico presente nuovamente sugli spalti, oltre che un fastidio muscolare. [dal 1′ st BARBA 6 – Con la sua entrata in campo sembra migliorare la tenuta difensiva. Si fa vedere davanti nel tentativo di semirovesciata su un calcio d’angolo.

foulonFOULON 6 – Si lascia passare la palla di Chiarello per Corazza nell’azione dello 0-1. Come già visto l’anno scorso, lascia molto a desiderare nei compiti difensivi. Si fa perdonare nella ripresa quando in proiezione offensiva sigla il suo primo gol in giallorosso su assist di Sau.

CALO’ 6 – Meno preciso come era sembrato nella gara di Coppa Italia, si rimbocca le maniche e assieme a Ionita prova ad impedire le ripartenze dell’Alessandria, compito non sempre riuscito. Si occupa di battere i calci piazzati, ma la mira lascia ancora a desiderare, chissà che in futuro non riesca a migliorare.

IONITA 6 – Traversa per lui al 37′ con un bel destro da fuori area. Lo si vede giusto in queste poche occasioni quando tenta di dare una mano offensivamente parlando; per il resto della gara, il solito e tanto lavoro oscuro in copertura. [dal 41′ st VOKIC SV]

ELIA 6 – Nel precampionato sembrava una furia sulla fascia destra, oggi però è sembrato meno esplosivo, dedicandosi maggiormente ad un compito di copertura. [dal 29′ st ACAMPORA 6 – Azione personale da applausi a pochi minuti dalla fine dove dopo un paio di dribbling sulla trequarti prova il tiro da fuori area, Pisseri vola ma non ci arriva, la conclusione però sfiora solamente la traversa.]

INSIGNE 6,5 – Posizione inconsueta per lui, come mezza punta alle spalle di Sau. Dopo il rigore sbagliato dal folletto sardo in Coppa Italia, si presenta lui sul dischetto, facendosi parare la conclusione da Pisseri. Fortunatamente per lui, l’arbitro avvisato dal VAR fa ripetere il rigore e lui non sbaglia, spiazzando Pisseri. [dal 42′ st MASCIANGELO SV]

IMPROTA 7 – Il migliore della gara, agisce sulla sinistra nel 4231, ed è uno dei più pericolosi, perché propizia il gol del 2-2 con il cross che porta all’autogol di Parodi. Nella ripresa oltre alla solita e tanta corsa, arriva anche il gol del 4-2 su assist di Letizia, con una bel diagonale sinistro.

SAU 6 – Terminale atipico nel 4231 di mister Caserta, non è pericoloso sulle conclusioni, e dimostra ancora un po’ di ritardo di condizione, mangiandosi un gol in piena area. Nella ripresa dopo aver perso un’occasione in area, ha però il buon senso di appoggiare dietro per Foulon che segna il 3-2. [dal 20′ st MONCINI 6 – Entra per dare maggiore peso all’attacco e per impegnare maggiormente la difesa avversaria, alzando il baricentro del Benevento.]

Il tabellino:
Benevento – Alessandria 4-3
Reti: 6′ pt Corazza (A), 22′ pr Insigne (B), 40′ pt Corazza (A), 45′ pt aut. Parodi (B); 3′ st Foulon (B), 10′ st Improta (B), 38′ st Corazza rig. (A).

Benevento (4-2-3-1): Paleari; Letizia, Glik, Pastina (1′ st Barba), Foulon; Calò, Ionita (41′ st Vokic); Elia (29′ st Acampora), Insigne (42′ st Masciangelo), Improta; Sau (20′ st Moncini).
A disp.: Manfredini; Basit, Kragl, Vogliacco, Di Serio, Talia, Sanogo.
All.: Caserta.

Alessandria (3-4-3): Pisseri; Benedetti (15′ st Mora), Di Gennaro, Parodi; Mustacchio (15′ st Pierozzi), Casarini, Ba (42′ st Giorno), Beghetto; Chiarello (39′ st Marconi), Corazza, Arrighini (15′ st Palombi).
A disp.: Russo, Crisanto; Speranza, Orlando, Ghiozzi, Kolaj, Celesia.
All.: Longo.

Arbitro: Sig. Marco Di Bello della sezione AIA di Brindisi.
Assistenti: Sigg. Marco Scatragli della sezione AIA di Arezzo e Dario Garzelli della sezione AIA di Livorno.
Quarto uomo: Sig. Luigi Carella della sezione AIA di Bari.
VAR: Sig. Federico Dionisi della sezione AIA di L’Aquila
Assistente VAR: Sig. Matteo Bottegoni della sezione AIA di Terni.
Ammoniti: 14′ pt Benedetti (A), 32′ pt Ba (A), 34′ pt Improta (B), 25′ st Elia (B), 45′ st +1 Pierozzi (A), 45′ st + 5′ Parodi (A).
Angoli: 5-7 (Pt 2-1)
Recupero: Pt 3′; St 6′.

Le azioni più importanti:

6′ pt Palla sulla destra per Chiarello, filtrante in area per l’inserimento di Corazza che supera in velocità Pastina e di prima con un pallonetto beffa anche Paleari al limite dell’area piccola. 0-1.

20′ pt Fallo di Beghetto in area su Letizia, sul dischetto va Insigne che va di sinistro e calcia alla sinistra di Pisseri che intuisce la direzione e para la conclusione.

22′ pt L’arbitro avvisato dal VAR prende la decisione di far ripetere il rigore perché Pisseri non aveva i piedi sulla linea della porta al momento della parata. Sul dischetto sempre Insigne che cambia direzione e batte Pisseri che si tuffa sempre sulla sua sinistra, restando spiazzato. 1-1.

40′ pt Angolo per l’Alessandria, Chiarello crossa in mezzo per la testa di Arrighini che appostato sul primo palo la spizza mandandola verso il secondo palo, dove si fa trovare pronto Corazza lasciato tutto solo e che ribadisce in rete  con un tap-in per l’1-2 ospite. Imbambolata l’intera difesa giallorossa.

45′ pt Contropiede giallorosso con Improta che dalla sinistra entra in area, vede sulla destra accorrere Sau e mette forte in mezzo rasoterra, sulla palla va in anticipo Parodi che con il più classico degli autogol insacca alle spalle del proprio portiere. Alessandria sfortunato e Benevento che ne approfitta per il 2-2.

3′ st Lancio per Sau sulla sinistra, l’attaccante entra in area, ma viene fermato momentaneamente da un avversario, la palla resta lì e la tocca all’indietro per l’accorrente Foulon che carica il sinistro rasoterra, deviazione di un difensore sulla traiettoria e Pisseri che si fa sorprendere per il 3-2 giallorosso.

10′ st Palla recuperata a centrocampo dal Benevento, Letiziavede tutto solo a sinistra Improta che riceve palla, entra in area e con un diagonale sinistro la manda all’angolino basso alla sinistra di Pisseri che non può nulla. 4-2 per i padroni di casa.

38′ st Erroraccio di Paleari in uscita che atterra Palombi e rinvia avanti. L’arbitro rivede al VAR e assegna il rigore all’Alessandria. A battere va Corazza che spiazza Paleari e mette a segno la tripletta personale.

CONDIVIDI
Nato a Benevento nel 1983, conclude gli studi superiori con il diploma di Geometra. All'università decide di cambiare completamente campo di studi, assecondando la sua passione di scrivere, iscrivendosi quindi alla triennale di Scienze della Comunicazione a Salerno (e poi alla specialistica all'Università degli studi Suor Orsola Benincasa a Napoli), con l'intenzione di diventare sceneggiatore, giornalista o semplice scrittore. Dal 2011 collabora con SannioSport.it come giornalista sportivo, principalmente seguendo le vicende del Benevento Calcio, ma interessandosi anche di altre squadre e/o categorie sportive. Saltuariamente scrive di altri argomenti anche sul suo blog, o per altri giornali online.