Lepore: «Superato un avversario ostico, ora pensiamo alla finalissima»

53

Finale di stagione rovente per il Benevento Le Streghe. Non solo per il caldo ma soprattutto per un calendario che non lascia tregue alle giallorosse di mister Lepore. Archiviata la qualificazione alla finale della Coppa Campania (mercoledì il ritorno dopo l’8 a 0 dell’andata), le ragazze beneventane acquisiscono il diritto di giocarsi la finale play off avendo la meglio sulla Frattese nel primo confronto degli spareggi.

«Abbiamo giocato con grande concentrazione e applicazione contro la squadra più ostica tra le quattro approdate ai play off», commenta a fine partita Lepore, costretto a seguire la gara dalla tribuna perché squalificato, «speriamo adesso nella finalissima, una gara che si prepara da sola per le motivazioni che porta con se, non ci sarà bisogno di dare l’input alle ragazze».

Semmai il problema potrebbe l’opposto, ovvero frenare i facili entusiasmi: «La prossima gara si prepara con tranquillità, senza eccessivi carichi. Bisognerà solo limare piccole cose, la nostra è una squadra molto giovane, con un futuro importante davanti, ci manca però quell’esperienza per gestire i vari momenti di una partita. Dobbiamo capire come affrontare l’incontro, di certo serviranno voglia e giusta mentalità».

Si ripartirà proprio dalla gara con la Frattese, interpreta bene dalle Streghe e alle quali è mancato solo il colpo del ko. «Abbiamo tenuto bene il campo, dimostrando organizzazione. Quando giochi in questa maniera ti stanchi di meno e ci si aiuta maggiormente. Le ragazze mi hanno sempre seguito, non posso lamentarmi», conclude Lepore, «per l’ultima gara recupereremo sicuramente Signoriello, mentre Girolamo sarà ancora assente. Dispiace ma concentriamoci su chi sarà a disposizione».

CONDIVIDI
Giornalista pubblicista, appassionato di calcio minore e girovago di redazioni. Inizia con il Sannio Quotidiano, passa a Sannio Calcio, torna al Sannio Quotidiano, apre un blog Sannio in campo e infine approda a Sannio Sport. Per la serie "dove c'è Sannio, c'è casa". L'accenno di capelli bianchi non è dovuto all'età ma all'esperienza maturata.