Le reazioni degli sconfitti: “Complimenti Benevento, ma orgogliosi di noi”

613

Non solo la gioia dei vincitori, ma anche le lacrime degli sconfitti. Da Carpi hanno commentato così la vittoria nella finale play off del Benevento ai loro danni. Abbiamo raccolto alcune delle dichiarazioni dall’ambiente biancorosso.

BONACINI (presidente) – “Voglio fare i complimenti alla squadra perché ha fatto un percorso straordinario. Peccato per questa sconfitta e per non essere ritornati in A ma abbiamo fatto tutto il possibile. Bisogna essere sportivi e riconoscere i meriti del Benevento. Bravi loro che potranno giocare nella massima serie”.
Sul futuro non si sbilancia: “E’ troppo presto per parlarne. Lo faremo nelle prossime settimane. In questo momento sono orgoglioso di questi ragazzi che hanno onorato la maglia del Carpi e il nome della città di Carpi. Sono convinto che alcuni di loro giocheranno ugualmente in A”.

ROMAIRONE  – “Sapevamo che il Benevento fosse una squadra forte, ma credo che anche il Carpi abbia dimostrato di essere tale. La partita è stata in equilibrio e un episodio l’ha messa a favore dei nostri avversari – le parole riportate da tuttomercatoweb – voglio ricordare che i nostri giocatori hanno veramente fatto qualcosa di incredibile. C’è rammarico perché, così come era accaduto l’anno scorso, il destino è stato crudele. Bisogna guardare avanti, complimenti al Benevento ma onore al Carpi”.

CASTORI – “A caldo fa male, e sono dispiaciuto perchè questi ragazzi meritavano di più per l’impegno messo in campo, non solo questa sera. Abbiamo riacciuffato i playoff nonostante tutto e stasera abbiamo dato tutto in campo come sempre. Questa sconfitta non cancella quanto fatto finora, che ci ha visto in tre anni giocare a grandissimi livelli. Concludiamo l’annata dopo una rimonta incredibile ed usciamo a testa alta, con onore. Ovviamente siamo dispiaciuti ma consapevoli di aver fatto una gran rimonta e dei grandi play-off. Cos’ha avuto in più il Benevento? Sono state due gare entrambe molto equilibrate in cui chi segna spesso la spunta e così è stato. Quest’anno abbiamo fatto una cosa straordinaria, eravamo fuori, abbiamo acciuffato i play-off e li abbiamo giocati alla grande. E’ chiaro che alla fine la classifica finale ha permesso al Benevento una gestione più agevole delle due gare”.

BIANCO – “C’è da essere orgogliosi perché una squadra normale in tre anni è arrivata alla ribalta del calcio italiano rimanendo sempre protagonista fino alla fine. E’ una giornata triste, eravamo convinti di potercela fare, siamo partiti forte per sbloccarla subito ma merito a loro che hanno trovato un bel gol e meritato. Non mi sento di recriminare su niente, ma solo di dire bravi grazie a tutti, abbiamo fatto vedere di che pasta siamo fatti. Credo che tutta la gente di Carpi, noi stessi e la società possano essere orgogliosi di quello che abbiamo fatto”.

CONDIVIDI
Giornalista pubblicista, appassionato di calcio minore e girovago di redazioni. Inizia con il Sannio Quotidiano, passa a Sannio Calcio, torna al Sannio Quotidiano, apre un blog Sannio in campo e infine approda a Sannio Sport. Per la serie "dove c'è Sannio, c'è casa". L'accenno di capelli bianchi non è dovuto all'età ma all'esperienza maturata.