Le pagelle – Un giallorosso è di un altro pianeta. Scopri i migliori del Vigorito

1205

Cragno 6,5: Interventi importanti non ne compie, ma in un paio di circostanze delle traiettorie maledette potrebbero impensierirlo. Non fa una grinza e mostra grande sicurezza.

Gyamfi 6,5: Bucchi ha studiato bene la sfida dei giallorossi con lo Spezia e prova con la sua tattica a metterlo spesso in difficoltà dirottando gli attacchi perugini su quel versante. Il ghanese se la cava bene e in un caso si immola di schiena su un tiro a colpo sicuro di Dezi.

Camporese 7: Partita di grande sostanza, corsa e intelligenza. Non gli sfugge nulla e ormai il tandem con Lucioni sembra funzionare a meraviglia.

Lucioni 7,5: Condizione fisica impressionante quella del capitano giallorosso che in anticipo è impeccabile. Nel finale, come sempre, guida la riscossa e abbassa la saracinesca conducendo i suoi a un successo preziosissimo in vista del match di ritorno.

Lopez 6,5: Non era una serata semplice per chi giostrava sulle fasce, ma l’uruguayano tiene duro e limita i danni prima su Terrani e poi su Nicastro. (41’st Pezzi s.v.)

Chibsah 8,5: Se non lo vedessimo con i nostri occhi faremmo fatica a crederci. Non solo segna il gol che regala il successo alla Strega, ma è in ogni zona del campo, rincorre qualsiasi avversario e si produce in strappi letali per la difesa ospite. Un marziano.

Viola 8: Il centrocampo di Baroni è di categoria superiore e lo si vede anche dalle giocate del suo regista. Alcune sono di classe sopraffina, altre di gestione e temperamento. La domanda che tutti si pongono uscendo dallo stadio è la solita: “ma che giocatore è?”

Eramo 6,5: Si prodiga in quel lavoro meno visibile ma fondamentale per tenere gli equilibri di un modulo altrimenti votato completamente all’attacco. Nel primo tempo fornisce un assist al bacio per Ceravolo sullo 0-0, ma la Belva non è lucida nell’approfittarne.

Falco 6,5: Anche se la serata non è delle più brillanti trova comunque il modo per superare ampiamente la sufficienza. nell’uno contro uno non va via come al solito, ma è certosino nel fare da collante tra l’attacco e i due mediani. (19’st Melara 6: Entra e dà vigore alla corsia destra tendendo la mano a Gyamfi)

Puscas 7: Quando allunga la falcata è devastante, ma al contrario della sfida con lo Spezia dialoga molto più nello stretto favorendo il giro-palla. E’ di grande supporto al lavoro di Ceravolo.

Ceravolo 6,5: Non si pu scendere al di sotto di questa votazione, anche se nella prima frazione rischia di rovinarsi la serata sprecando l’occasionissima fornitagli da Eramo. Con Volta e Mancini trova pane per i suoi denti ma si batte come un leone (46’st Del Pinto s.v.).

Baroni 6,5: Squadra che vince non si cambia. L’allenatore giallorosso si appropria di una delle massime del calcio e conferma l’undici che ha battuto lo Spezia. Per la qualificazione alla finale, invece, discorso rimandato al ritorno in programma al Curi dove basterà ottenere un pareggio. La sua squadra non soffre più di tanto nel finale, sintomo di una condizione accettabile e di una serenità che ha saputo trasferire ai suoi ragazzi.

CONDIVIDI
Classe '90, beneventano dentro e fuori dal campo. Pubblicista dal 2012, laureato in Scienze della Comunicazione. Dal 2009 al seguito dei colori giallorossi con un pc sottobraccio. La B un sogno realizzato, ma non c'è conquista più bella di quella che deve ancora arrivare...