Le pagelle – Sufficienza piena per tutti, Baroni imbriglia Bucchi

143

angolo-pgCragno 6: Compiti di ordinaria amministrazione svolti con la solita sicurezza, il Perugia non si rende mai realmente pericoloso dalle sue parti

Venuti 6,5: Riscatta due prestazioni opache con un’ottima prova sia in fase offensiva che difensiva. Arriva spesso al cross e sulla sirena cicca clamorosamente il gol del vantaggio quando impatta male di testa da due passi.

Padella 6,5: Difesa impeccabile quest’oggi per la Strega. Il centrale tiene a bada Di Carmine e limita i rari inserimenti di Guberti prima e Buonaiuto poi.

Lucioni 6,5: Il capitano colpisce anche una traversa ad inizio ripresa, ma è in fase difensiva che dà il meglio di sé. La cerniera con Padella si chiude bene: il temibile Di Carmine non è pervenuto.

Lopez 6,5: Fisicità e dinamismo fanno dell’uruguayano un’arma importante sia in difesa – dove commette poche sbavature – che in attacco. Fulmina più volte Belmonte sullo scatto, purtroppo i suoi traversoni sono sempre imprecisi.

Chibsah 6,5: Compiti di interdizione difficili ma svolti correttamente. Zebli è un cliente scomodissimo e i duelli sono sempre avvincenti, ma il valore dell’ex Frosinone spesso prevale. Peccato per quell’occasione a inizio ripresa che avrebbe meritato maggior sorte.

Buzzegoli 6,5: Stesso discorso per il compagno di reparto, con l’aggiunta di qualche giocata di qualità. Poche sbavature e qualche verticalizzazione sulle fasce per Cissé impreziosiscono la sua prova fino al cambio (21’st De Falco 6: Tiene bene a centrocampo e pennella qualche cross)

Del Pinto 6,5: Gioca in un ruolo non suo ma è fondamentale nella lettura tattica del match. Baroni voleva limitare l’asse Dezi-Guberti e fa la scelta giusta creando una diga anche da quelle parti.

Falco 7: Accende la lampadina delle idee giallorosse con assist, accelerazioni e inserimenti che colgono spesso di sorpresa i difensori ospiti. Le due traverse partono da due suoi assist.

Cissè 7:
Come Del Pinto, anche il guineano non gioca nel suo ruolo preferito ma svolge mansioni più offensive. Si allarga, detta la giocata, fa da sponda per Ceravolo e Falco. E’ uno dei migliori in campo insieme ai compagni di reparto (35’st Jakimovski 6: Una sufficienza pienissima per il macedone che sfiora la rete impegnando Rosati a pochi minuti dal termine. la sua freschezza è essenziale per provare ad accennare un “gran finale”)

Ceravolo 7:
Gli è mancato il gol, ma il duello a distanza con Di Carmine lo porta a casa lui. Poche le conclusioni verso la porta, ma apprezzabilissimo il lavoro per dare respiro alla manovra. Falco lo cerca e lo trova spesso, il resto è questione di casualità.

Baroni 6,5: Trova il modo di imbrigliare il Perugia nelle ripartenze e al contempo di imbastire una manovra di livello che si rivela spesso più efficace rispetto al gioco ospite. Ai punti la sua squadra avrebbe meritato la vittoria, ma è un punto che può fare benissimo dopo due sconfitte di fila oltre che un buon viatico per l’imminente tour de force.

CONDIVIDI
Classe '90, beneventano dentro e fuori dal campo. Pubblicista dal 2012, laureato in Scienze della Comunicazione. Dal 2009 al seguito dei colori giallorossi con un pc sottobraccio. La B un sogno realizzato, ma non c'è conquista più bella di quella che deve ancora arrivare...