Le pagelle: scopri i votie le valutazioni dei giallorossi

335

esultanzaCragno 6,5: Inoperoso nel primo tempo, quando ha a che fare solo con le solite uscite, nella ripresa compie due interventi importanti su Struna e Lasagna, ma il risultato a quel punto è già in ghiaccio.

Venuti 7,5: Prova strabiliante del terzino scuola Fiorentina che si divide tra fase offensiva e difensiva da calciatore navigato. Le sue discese mettono in apprensione la corsia sinistra del Carpi. Letizia non lo prende mai.

Camporese 7,5: Puntuale nelle chiusure, nell’anticipo e nelle situazioni uno contro uno. Non si fa mai trovare impreparato ed è più volte essenziale nel rifornire i centrocampisti.

Lucioni 7: Il capitano fa 100 in giallorosso e si rende autore di una nuova prova tutta eleganza e carattere. Guida la difesa che è impeccabile nel seguire i suoi dettami. Lasagna si perde nella morsa creata da lui e Camporese.

Pezzi 6,5: Diligente nel lavoro di copertura. Dei due terzini è quello che spinge meno, ma per chiare disposizioni tattiche avendo davanti a sé nello scacchiere un attaccante come Cissé. Non commette errori rilevanti e fornisce sicurezza al reparto.

Chibsah 7,5: Restare a riposo contro la Spal gli ha consentito di recuperare ulteriori energie con l’effetto di essere devastante nella zona nevralgica del campo. In mediana il Benevento ha dominato grazie al fisico e alla corsa dei suoi centrali. In particolare grazie a quella del ghanese.

Del Pinto 7,5: Il rinnovo di contratto deve averlo liberato di un peso, perchè il centrale aquilano gioca con la leggerezza dei grandi. Non si risparmia, lotta su ogni pallone e si propone con inserimenti che lo scorso anno facevano malissimo agli avversari in Lega Pro. Sette pieno e meritato.

Ciciretti 7: Il gol arriverà un’altra volta, ma per il momento Amato si “accontenta” di fare la differenza e spaccare in due la partita. Nel primo tempo rifinisce l’assist che porta al 2-0 di Ceravolo, ma per tutta la partita è una spina nel fianco per Castori che sulla fascia del romano non sa davvero come apportare contromisure.

Falco 7,5: Devastante. Un assist e un gol per lui in un pomeriggio meraviglioso per la Strega. La giocata che porta al rigore procurato da Ceravolo è un lancio con il contagiri, quella che vale il 3-0 una perla (ma c’è la complicità di Belec). Tuttavia la sua partita non è limitata a questo: tra le linee fa sempre malissimo. Dall’inizio alla fine del match.(38’st Gyamfi s.v.)

Cissé 6,5: C’è tanta sfortuna nella sua partita visto che in almeno due occasioni va vicinissimo a un gol che gli servirebbe come il pane. Nell’ultima mezz’ora gioca da punta centrale, nel suo ruolo naturale, ma anche prima se l’era cavata bene al netto di un paio di movimenti sbagliati dettati dalle sue doti offensive.

Ceravolo 8: E’ il centravanti che tutti vorrebbero. Nel post-partita dichiara che al 15′ era già in debito d’ossigeno, ma stentiamo a credere che possa esserci un minimo di verità. I difensori del Carpi hanno letteralmente paura di lui ancora prima che il pallone arrivi dalle sue parti. Mostruoso nella sua lucidità sotto porta.  (19’st Eramo s.v: nove minuti per il suo esordio al Vigorito, poi l’infortunio: non ci voleva. (30’st Lopez s.v. Non giocava dal derby di Avellino. Per lui un quarto d’ora prezioso)

CONDIVIDI
Classe '90, beneventano dentro e fuori dal campo. Pubblicista dal 2012, laureato in Scienze della Comunicazione. Dal 2009 al seguito dei colori giallorossi con un pc sottobraccio. La B un sogno realizzato, ma non c'è conquista più bella di quella che deve ancora arrivare...