Le pagelle – La difesa balla, in attacco i voti più alti

306

Cragno 5,5: Serata nera per la sua porta. Sul primo gol la palla gli passa sotto le gambe, ma la sensazione è che non gliene vada bene una. Le conclusioni nello specchio del Bari terminano tutte in fondo al sacco.

Venuti 5: Prestazione pienamente insufficiente del terzino scuola Fiorentina che infatti viene sostituito a metà ripresa da Baroni. Le migliori opportunità per i biancorossi arrivano dalla sua fascia. Troppo molle in fase difensiva, dove soffre la presenza di Morleo e Brienza. (14’st Gyamfi 5,5: un po’ meglio di Venuti ma non entra del tutto in partita)

Camporese 5,5: Si fa anticipare da Floro Flores in occasione del 2-1 e accusa l’assenza di Lucioni al suo fianco, come del resto tutta la retroguardia che si sente smarrita senza il suo capitano.

Pezzi 5,5: Anche per lui un errore grave. Lo commette in occasione del 4-3 siglato da Galano che poi diventa di conseguenza l’uomo partita. Patisce l’adattamento in una posizione ricoperta raramente.

Lopez 6: Dei quattro difensori è quello che ci mette più grinta, ma non basta a raggiungere un voto migliore della sufficienza piena. Suo il gol che apre la partita e che regala l’illusione momentanea alla Strega. (14’st Melara sv)

Chibsah 5: Irriconoscibile. Procura il rigore che regala il doppio vantaggio ai biancorossi dopo un primo tempo incolore, cresce leggermente nella ripresa ma non è il solito Chibsah. Salterà il match con il Novara per squalifica. (34’st Buzzegoli sv)

Viola 6,5: Uno dei migliori del Benevento. Bravo in fase di interdizione e impostazione anche in una serata non esattamente radiosa per il centrocampo giallorosso. Si assume ogni responsabilità nella manovra.

Ciciretti 6,5: E’ il solito funambolo, ma è spesso sfortunato nello spunto. Micai gli nega almeno due volte la gioia del gol, ma i difensori avversari restano nuovamente ammaliati dalla sua tecnica. Come all’andata, ma con risultato diverso. Anche lui salterà il Novara a causa di un giallo pesante.

Falco 6: La traversa colpita a pochi minuti dal termine trema ancora. Il confronto a distanza con Brienza, però, lo vince l’avversario che è più determinante nella notte del Vigorito. prova comunque sufficiente per il salentino.

Cissé 6,5: Segna il gol del 3-2, mostra grande esplosività, è positivo nei contrasti. La sua partita è di grande sacrificio e ciò compromette le sue riserve di energie nel finale, quando il Benevento non riesce ad accennare un forcing degno di nota.

Ceravolo 6,5: Un assist e un gol per la Belva, sempre più determinante nell’attacco giallorosso. In una serata in cui tre gol non bastano per vincere, non c’è davvero nulla da rimproverargli. I veri problemi il Benevento li ha palesati dietro.

CONDIVIDI
Classe '90, beneventano dentro e fuori dal campo. Pubblicista dal 2012, laureato in Scienze della Comunicazione. Dal 2009 al seguito dei colori giallorossi con un pc sottobraccio. La B un sogno realizzato, ma non c'è conquista più bella di quella che deve ancora arrivare...