Le pagelle – Ciciretti determinante, Cissè è una sentenza

525
Cissè
Cissè

Cragno 6,5 – Subito chiamato all’intervento risponde presente. Non può nulla sul gol di Verde, salva su un tentativo di autorete di Camporese. Per il resto ordinaria amministrazione, attento nelle uscite

Lopez 5,5 – La sua partita dura 25 minuti ma sul gol dell’Avellino ha qualche responsabilità tardando l’uscita (dal 25’pt Pezzi 5,5Verde scompare con il passare dei minuti e non fatica in fase di copertura. Si fa vedere in avanti, sbaglia qualche passaggio di troppo)

Lucioni 5,5 – Nel complesso la gara del capitano è sufficiente ma l’azione del gol irpino nasce da un suo errore. Perde palla a centrocampo e innesca la ripartenza biancoverde

Camporese 5 – Alcune amnesie di troppo che rischiano di costare caro. Distratto in diverse circostanze, deve ringraziare Cragno per aver evitato l’autorete

Gyamfi 5 – Poche idee e qualche sbandamento, non certamente la sua prova migliore. Timido nell’offendere, cerca un’improbabile conclusione dalla distanza, non certamente il pezzo forte del suo repertorio

Del Pinto 5,5 – In fase di contenimento e nel recupero palla le cose migliore, il livello scende sensibilmente quando la sfera gravita nei suoi piedi

Buzzegoli 5 – Sarà colpa di una condizione approssimativa ma non appare nella sua veste migliore. Sbaglia la scelta di molti passaggi decidendo di alzare la traiettoria e agevolando la retroguardia irpina (dal 14’st Falco 6 – Con la palla al piede diventa un fattore aggiunto, il suo ingresso da un’alternativa al latitante gioco giallorosso)

Chibsah 5,5 – Media tra un primo tempo sottotono e una ripresa decisamente migliore. Sembra che il Benevento dipenda molto dal ritmo e dall’andamento dell’ex Sassuolo

Ceravolo 5 – Torna all’antico a inizio partita schierandosi sulla corsia mancina d’attacco ma ben presto ritorno a fare il centravanti. L’esito non cambia, questa volta la “Belva” non azzanna la preda

Puscas 5,5 – A conti fatti le azioni più pericolose capitano sui sui piedi al 10′ e 18′ del secondo tempo. A un centravanti è richiesta cattiveria e fame di gol, qualità che in questo momento non gli appartengono (dal 33’st Cissè 6,5 – Quando entra è una sentenza. Decisamente migliore l’impatto a gara in corso rispetto a quando gioca dall’inizio. Trova il gol e permette agli stregoni di uscire imbattuti dal derby)

Ciciretti 6,5 – Costantemente raddoppiato nel primo tempo non riesce a lasciare il segno, mettendo addirittura Camporese nelle condizioni di rimediare un giallo. E’ lui però l’ago della bilancia di questa squadra e quando si accende sono dolori per gli avversari. Dal suo piede parte la punizione del gol, è il settimo assist stagionale per il calciatore romano

CONDIVIDI
Giornalista pubblicista, appassionato di calcio minore e girovago di redazioni. Inizia con il Sannio Quotidiano, passa a Sannio Calcio, torna al Sannio Quotidiano, apre un blog Sannio in campo e infine approda a Sannio Sport. Per la serie "dove c'è Sannio, c'è casa". L'accenno di capelli bianchi non è dovuto all'età ma all'esperienza maturata.