La promessa di capitan Lucioni: “Non vedrete lo stesso approccio di Salerno”

216

lucioni

Le parole del capitano Fabio Lucioni anticipano la sfida del Partenio con l’Avellino. Il difensore invita alla calma e presenta quello che è un derby atteso da diverso tempo. Queste le sue dichiarazioni.

AVELLINO – “Sicuramente è una partita importante perché si trovano di fronte due squadre che vivono momenti diversi. Noi viviamo un momento positivo e da parte nostra c’è serenità perché riusciamo a lavorare bene. Sappiamo che è importante anche per i tifosi e quindi ci stiamo impegnando per questo attesissimo derby. Loro a differenza nostra hanno avuto qualche giorno in più per recuperare, ma sicuramente ci faremo trovare pronti per sabato”.

GRUPPO – “Con la maggior parte di questo gruppo sono tre anni che ci sto assieme, altri che sono arrivati successivamente li conoscevo già prima per averci giocato altrove, e so che prima di essere calciatori in questo spogliatoio siamo uomini. Il gruppo vuole e pretende che tutti diano il massimo, poi è normale che le partite si possano vincere, pareggiare o perdere, ma l’impegno come ho sempre detto è e sarà sempre massimale”.

IMPEGNO – La partita di Avellino va affrontata come se fosse una finale, così come abbiamo affrontato le gare precedenti. Ciò non toglie che l’atteggiamento remissivo avuto a Salerno nel primo tempo, sicuramente non sarà ripetuto e noi cercheremo di farci trovare pronti per qualsiasi evenienza. Ne avevamo parlato ieri mentre analizzavamo la partita col Cesena, ci aspetterà una squadra che ci aggredirà in ogni parte del campo, ma se gambe e testa saranno in sincronia sappiamo come poter far male all’Avellino”.

LAVORO  – “Volevo sottolineare una cosa che mi sento di dire, il lavoro quotidiano è la prima cosa che si deve analizzare per ogni calciatore. Camporese si è sempre allenato bene e penso che nel secondo tempo contro il Cesena si sia visto. E’ tutto frutto del lavoro fatto in settimana dove ci alleniamo sempre in coppia con tutti i compagni di reparto”.

DERBY – “Troveremo un clima molto caldo, dovremo farci trovare pronti, non cadere in provocazione; loro faranno qualcosa in più per metterci in difficoltà, dovremo cercare di gestire al meglio i momenti difficili contro un avversario che non merita questa classifica avendo buoni giocatori ed esperti della categoria. Mi auguro che non accadano situazioni spiacevoli che diano modo di allungare la polemica dopo la partita”.

CLASSIFICA – “Castaldo è un nome su tutti, poi hanno anche altri giocatori di carattere e noi non dobbiamo farci influenzare dalla classifica. Dobbiamo solo fare più punti possibile fino alla sosta. Il girone di ritorno sarà veramente un campionato a parte. Solo successivamente vedremo dove saremo e cosa poter raccogliere”.

PADELLA – “Ci ho parlato poco fa, prima di venire qui da voi a parlare, e mi ha detto che il ginocchio non gli fa più male, sta stringendo i tempi per esserci e conoscendo Emanuele so che farà il possibile per essere in campo ed essere a disposizione dell’allenatore. Se ci sarà, farà di tutto per continuare le prestazioni che ha fatto finora in campionato”.

CONDIVIDI
Nato a Benevento nel 1983, conclude gli studi superiori con il diploma di Geometra. All'università decide di cambiare completamente campo di studi, assecondando la sua passione di scrivere, iscrivendosi quindi alla triennale di Scienze della Comunicazione a Salerno (e poi alla specialistica all'Università degli studi Suor Orsola Benincasa a Napoli), con l'intenzione di diventare sceneggiatore, giornalista o semplice scrittore. Dal 2011 collabora con SannioSport.it come giornalista sportivo, principalmente seguendo le vicende del Benevento Calcio, ma interessandosi anche di altre squadre e/o categorie sportive. Saltuariamente scrive di altri argomenti anche sul suo blog, o per altri giornali online.